Caso Aldrovandi, sit-in contro la madre. Sdegno in Senato, Cancellieri: grave, non rappresentano Polizia


Coisp: “Non sapevamo che la madre lavorasse in Comune”
… Ma questi poliziotti dove lavorano, a Paperopoli?

mauro

**
https://i1.wp.com/www.cinquegiorni.it/files/130327/morte_di_aldrovandi_sit_in_di_poliziotti_sotto_lae_ufficio_della_mamma_in_solidarietaie_a_agenti_condannati.pngfonte immagine

Caso Aldrovandi, sit-in contro la madre. Sdegno in Senato, Cancellieri: grave, non rappresentano Polizia

.

Non c’è solo il caso Marò ad agitare il rapporto tra politica e Italia in divisa: al centro delle polemiche, oggi, anche il sit-in organizzato questa mattina a Ferrara da un gruppo di poliziotti del sindacato Coisp sotto le finestre del Comune dove lavora Patrizia Moretti, la madre di Federico Aldovrandi, ucciso a calci e pugni nel 2005 da un gruppo di agenti e per la morte del quale, nel giugno 2012, la Cassazione ha confermato la condanna degli stessi per omicidio colposo. «Episodio grave, da stigmatizzare assolutamente, che non rappresenta il sentire della maggioranza dei poliziotti e della polizia», il commento del ministro dell’Interno, Cancellieri.

Il sindaco in strada per far cessare la provocazione
Questa mattina, la reazione a caldo della madre del ragazzo, alla vista dei (pochi) partecipanti al sit in è stata quella di pubblicare subito la notizia sul suo profilo Facebook, postando alcune foto del sit-in definita «una chiara provocazione» verso di lei e verso il Comune, considerato «che la città sta lavorando per mantenere buoni rapporti con la questura e il ministero dell’Interno». In strada, ma per protestare contro gli organizzatori, anche il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, per chiedere uno spostamento di qualche metro della manifestazione. Invito caduto nel vuoto, spiega la mamma di Federico, e bollato come «inspiegabile» e «tardivo» dal sindacato. Il presidio si scioglie solo quando la donna mostra ai manifestanti la foto del cadavere martoriato del figlio, in obitorio.

Le prese di distanza del Dipartimento di Ps e De Gennaro
Da quel momento, le polemiche divampano così come le prese di distanza o la dura condanna all’insensibilità degli organizzatori, a cominciare dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega ai Servizi ed ex capo della Polizia, Gianni De Gennaro: «Episodio doverosamente da condannare. Serve rispetto umano per una madre che ha perso un figlio». Poi la nota in cui il Dipartimento di Pubblica sicurezza ricorda come «le estemporanee azioni dei singoli ricadono sotto la responsabilità, anche morale, degli stessi», sottolineando che la posizione della polizia «era già stata ampiamente chiarita dall’allora capo della polizia Antonio Manganelli» nella lettera inviata alla madre della vittima nel luglio 2012.

Senato in piedi per solidarietà con la madre
La presidente della Camera, Laura Boldrini, sceglie invece di telefonare a Patrizia Moretti per esprimerle affettuosa vicinanza delle istituzioni dopo la manifestazione sindacale, mentre l’intera aula del Senato, compresi i componenti del Governo, nel pomeriggio, dopo l’informativa del premier Monti sui marò, si è alzata in piedi per esprimere lo sdegno degli onorevoli, su sollecitazione della senatrice del Pd Maria Teresa Bertuzzi.

La condanna dei partiti
Nel lungo elenco degli indignati per la dimanifestazione Ferrara, in prima fila i grillini («Solo in Italia può accadere una cosa simile» commenta il blog di Beppe Grillo, che pubblica un post di solidarietà alla madre di Federico), il Pd («Una manifestazione intollerabile e di cattivo gusto», commenta, tra gli altri, il deputato Ettore Rosato) e il Pdl, che nelle parole della senatrice Anna Cinzia Bonfrisco condanna duramente il sindacato di polizia Coisp: «ha superato il limite del rispetto delle istituzioni».

Contro-presidio venerdì a Ferrara
Un contro-presidio a sostegno della famiglia Aldrovandi è stato organizzato per venerdì alle 18 nella piazza del Comune a Ferrara. «Venerdì ci riappropriamo di una piazza che è della città con un sit-in di solidarietà alla famiglia Aldrovandi, senza bandiere e striscioni. Con le nostre facce e la nostra dignità», si legge nell’invito. Su Facebook hanno già aderito all’evento più di 500 persone.

.

fonte ilsole24ore.com

*

ALTRI ARTICOLI SUL TEMA

Aldrovandi: esplode polemica, Coisp “rispettiamo la madre del ragazzo ucciso”

Caso Aldrovandi, Coisp: “Non sapevamo che la madre lavorasse in Comune”

*

PRINT – EMAIL – PDF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: