Bombe alla maratona di Boston. Sale a tre il bilancio delle vittime / VIDEO: RAW FOOTAGE: Terrorism Strikes Boston Marathon As Bombs Explode 2013

RAW FOOTAGE: Terrorism Strikes Boston Marathon As Bombs Explode 2013

ADGUKNEWS ADGUKNEWS

Pubblicato in data 15/apr/2013

Two bombs struck near the finish line of the Boston Marathon on Monday, turning a celebration into a bloody scene of destruction.

The blasts threw people to the ground, killing two and injuring dozens.

The Boston Globe reported that at least 90 people were being treated at area hospitals.

White House area on lockdown after blasts CNN producer: Heard big boom, saw smoke Blasts near Boston Marathon finish line Eyewitness: People ‘very badly hurt’

The terrorist attack, near the marathon’s finish line, triggered widespread screaming and chaos, shattered windows and barricades and sent smoke billowing into the air at Copley Square.

They were about 50 to 100 yards apart, officials said.
“It felt like a huge cannon,” a witness told CNN about one of the blasts.

Photos from the scene showed people being carried away on stretchers. One man in a wheelchair had blood all over his face and legs.

The bombs shook buildings, sending people to seek shelter under tables, witnesses said.

Explosions kill at least 2 at Boston Marathon; dozens injured: http://www.washingtonpost.com/world/n…

“CHECK OUT MY TWITTER AND FACEBOOK FOR UPDATES ON THIS STORY”

ADG Facebook: http://www.facebook.com/pages/Alien-D…

Follow ADG on Twitter: http://twitter.com/ADG_UK

**

La polizia presidia il luogo dell’attentato, la centralissima Colpey Square

16/04/2013 – stati uniti, tornano gli attentati

Bombe alla maratona di Boston
Sale a tre il bilancio delle vittime

Usa sotto choc. Tra le vittime anche un bambino di otto anni. Oltre un centinaio i feriti. La città blindata

 https://i0.wp.com/static.belfasttelegraph.co.uk/incoming/article29197972.ece/ALTERNATES/w620h342/US+Marathon+35.jpg
fonte immagini
http://static.belfasttelegraph.co.uk/incoming/article29200355.ece/ALTERNATES/w620h342/Boston+horror
 .

Il centro di Boston «trasformato in una zona di guerra», «sangue ovunque», il presidente Barack Obama che tuona «troveremo chi ha fatto questo, scopriremo perché lo ha fatto»: l’America ripiomba nell’incubo del terrore, dopo la doppia esplosione a Boston, che ha strappato la vita a un bambino di 8 anni, a una ventenne e a una terza persona. Un’altra ventina di persone è ricoverata in condizioni critiche, i feriti arrivano a oltre 130, tra i quali almeno 8 bambini. I medici sono stati costretti a praticare diverse amputazioni.

Le deflagrazioni, a 12 secondi di distanza una dall’altra, hanno trasformato in tragedia la maratona della città, che si corre da 117 anni.

Ancora oscura la pista battuta dagli inquirenti: c’è quella del terrorismo internazionale, suffragata dalle molteplici minacce agli Usa di al Qaida in tutte le sue ramificazioni, e di quello interno, che poggia soprattutto su una serie di coincidenze temporali, l’anniversario della strage a Oklahoma City (19 aprile 1995, 168 i morti), il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi, che scadeva proprio ieri, o il Patriots Day in Massachusetts.

Quel che è certo è l’orrore rimbalzato in tutto il mondo, incredulo di fronte a un attacco definito «sofisticato, coordinato e pianificato» contro una massa inerme di 23.000 partecipanti e altre migliaia di spettatori. Dopo le esplosioni «è scoppiato il caos», ha raccontato Paolo Rossi, 48enne pistoiese, uno dei maratoneti, 227 gli italiani: «Ho visto la morte in faccia. Mia figlia, che aveva scavalcato una balaustra per correre al mio fianco gli ultimi metri, ha cominciato a piangere a dirotto, ci ha raggiunto di corsa mia moglie. Tra le lacrime, non riuscivamo nemmeno a parlare».

E sono decine le storie che si intrecciano in questa tragedia: sono gravemente ferite la mamma e la sorella del piccolo Richard, il bambino rimasto ucciso. Altri due fratelli che assistevano hanno perso entrambi una gamba. «Mi è sembrato di essere tornato in Iraq», ha raccontato un veterano, illeso perché si era fermato a una decina di metri dall’esplosione per bere. «Ho visto un pezzo di gamba di mio marito che volava in aria», ha detto tra le lacrime un’altra partecipante.

L’immagine simbolo è quella di un 78enne, scaraventato a terra dallo spostamento d’aria, come abbattuto da un cecchino. Si è rialzato e ha tagliato il traguardo.

Ora è caccia ai responsabili, che avevano piazzato altri tre ordigni fatte brillare dagli artificieri. Le due bombe, artigianali, sono state messe dentro alcuni cestini della spazzatura lungo il marciapiede, poi fate esplodere con un telecomando a distanza. Smentito il fermo di un giovane saudita, non chiare le perquisizioni eseguite nel corso della notte. Unanime la condanna internazionale, dall’Ue a Vladimir Putin, da David Cameron a Mario Monti.

.

.

fonte lastampa.it

PRINT – EMAIL – PDF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: