Mauro Corona: “La salvezza è nella terra, riprendiamo la zappa. Stop al superfluo”

https://i1.wp.com/st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2013/04/mauro-corona-interna-nuova.jpg

Mauro Corona: “La salvezza è nella terra, riprendiamo la zappa. Stop al superfluo”

L’alpinista, scultore e scrittore inganna la crisi economica coltivando frutta e verdure, perché “a ogni cosa si può rinunciare tranne che a soddisfare la fame”. E consiglia di riscoprire il necessario per eliminare le paure del tempo

.

di

.

Nell’incrocio tra un barbaro, un alpinista e un poeta si sviluppa il corpo e si modella il pensiero di Mauro Corona. Ha spaccato pietre e usato le parole per raccontarle. Il martello nell’inchiostro. Dunque scrittore a sua insaputa. Guarda dall’alto in basso gli umani, che forse un po’ gli fanno schifo, e il mondo, che forse un po’ lo rattrista. Si gode lo spettacolo dalla parete di una montagna, una roccia chiamata Erto, paese di 400 abitanti collegato a Longarone con il bus e all’Italia dalla tragedia del Vajont.

“Grazie ai morti del Vajont siamo italiani. È la disgrazia che ci ha fatto riconoscere. Le televisioni e i giornalisti e le autorità sono giunte a Longarone, mai nella mia Erto che infatti va in malora senza che un cristo (un ministro, un deputato, un potente semplice) faccia un colpo di tosse, una telefonata per chiedere come va. Gli risponderei che serve della ghiaia, serve riparare una strada perché d’inverno tutto smotta e noi rimaniamo isolati, celati alla vista e anche al pronto soccorso, a un medico che ci aiuti, un tabaccaio che apra per noi, un postino che ci faccia imbucare le lettere”.

Noi in città ci disperiamo per la recessione economica, lassù lei sta peggio. “Peggio un cavolo! Al netto delle peripezie che tocca fare perché la montagna richiede sacrifici, le rispondo: una favola. Coltivo verze, cavolfiori, patate (le patate sono decisive per vivere). E susine, ciliegie, mele, pere. Toccherà anche a lei imparare a zappare. Il nostro futuro è nella terra: a ogni cosa si può rinunciare tranne che a soddisfare la fame. Quindi, niente paura: una zappa ci salverà”.

Conosceremo i calli alle mani, torneremo alle candele. “Ma benvenuti ai calli, diamine. L’idiozia è restare vittime della dittatura del superfluo, l’idiozia è non capire che per vedere devi togliere roba davanti ai tuoi occhi, cosa te ne fai della Ferrari nel capannone, idiota? Il denaro compra il tempo, ma il tempo è ripetitivo, ci annoia perché non siamo stati abituati a governarlo, dominarlo. Dove sono le passioni, e dove la speranza? Da quel che vedo siamo vicini alla fine”. Il capitalismo sta schiattando? “Ma certo, che dubbio c’è. Ci ridurrà allo stremo. Nel vicino Friuli c’è un paese dove si facevano sedie. E queste benedette sedie con gli anni sono venute a costare uno sproposito: le vendevano 400 euro l’una. Sono giunti i cinesi con le loro sedie a 20 euro e tutto è finito.

Il paese delle sedie che non ne vende più una. Questo è il capitalismo. Si può essere cretini così? Due giorni fa ero a Montecarlo per una conferenza”. Lei a Montecarlo? “Certo, devi andare dai cretini per parlare dei cretini. Devi giungere nel punto esatto dove si concentrano i soldi per illustrare la loro inutilità”. Marcuse parlava dell’offerta senza desiderio. “Esatto. Vince l’apparenza sopra la realtà. Il verosimile sul certo. Vince la televisione, il talk show, il frou frou, il cinguettio scadente frutto del pensiero inutile. Se non vai in televisione per dire che ti uccidi neanche tua moglie ci crederà mai”. I suoi libri hanno venduto perché lei li ha promossi in tv. “Come negarlo? Ho vinto anche un premio Bancarella, e sapevo un mese prima che l’avrei vinto. Sapevo dello Strega a Piperno. Sembra tutto un artificio, una vita di plastica, concepita secondo schemi falsi, triturata dall’omaggio al potere. Forse la mia è solo invidia e la pagherò. Ma questo è il mio pensiero”. Tutti i potenti sono cattivi, e tutti gli indifesi sono buoni?

“Diceva Borges: ho scoperto che c’è del male in me e del buono in altri. Perciò dovremmo essere più fiduciosi, collaborativi, disponibili. Ma non si riesce a fare un governo, l’uno addenta l’altro nella negazione che esista un bene comune, uno sguardo comune, una vita in fondo comune. E siamo qui a fare la conta della tragedia, a chiederci di quanto ci impoveriremo, di cosa ci mancherà. A piangere e straziarci. Siamo peggio di quel che vogliamo credere. Noi italiani abbiamo consumato ogni etica, e questa caduta civile, questa deriva economica un po’ ce la siamo conquistata con il nostro stile barbarico. Gli schei ci hanno fatto ammalare e ridotto in povertà. Vanitosi e pigri, ora disperati”. Una parola di conforto? “Una zappa per tutti. Impareremo presto a essere imprenditori della terra. Cioè di noi stessi, e capiremo che è una cosa bellissima”.

da Il Fatto Quotidiano del 14 aprile 2013

video di Giorgio Fornoni4

.

fonte ilfattoquotidiano.it

PRINT – EMAIL – PDF

2 responses to “Mauro Corona: “La salvezza è nella terra, riprendiamo la zappa. Stop al superfluo””

  1. francesco lena says :

    Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto Veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.

    Festa della liberazione.

    Il 25 Aprile 2013 bella festa della liberazione, della libertà e della democrazia.

    Grazie a tutti quei politici e cittadini, che l’hanno conquistata, grazie ai padri fondatori della nostra bellissima costituzione italiana. Grazie a quei padri che hanno fatto della bella politica, quella alta, quella che ha costruito le basi per un’Europa unita, che ci ha garantito 70 anni di pace.

    Hanno saputo portare avanti una politica in cui cerano grandi progetti, di civiltà, di giustizia, con l’obiettivo del bene comune. avevano grandi vedute di costruzione di un futuro di grandi ideali, di valori e di speranza, con l’obiettivo di una società libera , democratica, di collaborazione con tutti gli stati del mondo dentro un organismo istituzionale che è O.N.U. . per cercare sempre il superamento di tanti problemi tra cui quello della fame, delle malattie infettive, dello sfruttamento, delle ingiustizie sociali, dei conflitti, delle guerre. Si sono battuti e lavorato per costruire un mondo più giusto, migliore e di pace. anche se devo dire che ci sono anche oggi tante brave persone, che fanno politica con passione, trasparenza,e onestà, bisogna dirlo non sono tutti uguali, non siamo tutti uguali. Però io dico che ora dobbiamo tutti insieme riprendere con forza quella bella e alta politica, con responsabilità, entusiasmo, mettersi al servizio della gente, al servizio della società e dei cittadini, con umiltà, semplicità, naturalezza, essere al servizio in particolare dei più bisognosi, dei più deboli, dei poveri, per trovare e dare delle risposte e soluzioni ai loro bisogni. Dico che però per riprendere quella bella e sana politica dei fondatore, della costituzione italiana, dell’Europa unita, dell’O.N.U. , c’è bisogno di liberarsi della prepotenza, del malcostume, del non rispetto delle regole, delle volgarità, delle falsità, delle parolacce, degli insulti, degli urlatori. Sostituirli con l’intelligenza, con la gentilezza, con il rispetto della dignità delle persone, riempirla la nostra società con dei valori veri, di uguaglianza, di accoglienza, di solidarietà, di libertà, di democrazia, di diritti e doveri, utilizzare al meglio la ragione e il cuore, per risolvere i problemi, con l’obiettivo di contribuire a costruire una società veramente libera, dove ci sia più giustizia sociale e di pace, dove tutti si possano sentire a pieno cittadini del mondo.

    W il 25 Aprile

    W la festa della Liberazione

    W l’Unità d’Italia, W l’Europa unita, W tutti i cittadini del mondo.

    Francesco Lena

    Via Provinciale,37

    24060 Cenate Sopra (BG) tel. 035/956434

    • francesco lena says :

      Gentile Redazione Le mando questa mia semplice poesia, Veda se ritiene utile pubblicarla, grazie.

      Poesia
      Il vecchio
      Vecchio, porti dentro un tesoro di umanità,
      sei una sorgente di saggezza e di semplice umiltà.

      Vecchio, sei l’albero fonte di vita e di una grande bellezza,
      i tuoi frutti sono i valori, che sai trasmettere con dolcezza.

      Vecchio, sei la sede della sapienza, con un delicato amore sai donare,
      ogni momento vissuto insieme porta gioia, il tuo sapere è per tutti salutare.

      Guardare negli occhi il vecchio è più che vederci, sono lo specchio della verità,
      trasmettono cose meravigliose, luce, tenerezza e infinita bontà.

      Vecchio, sei come il mare quando è calmo, che ha guardare, non si smetterebbe mai di ammirare,
      porti pace, serenità e con generosità nel mondo, tanta speranza sai seminare.

      Vecchio, sei come un grande albero piegato dal tempo, che si alza luminoso verso il cielo, non si può fare a meno d’amare,
      la sua forma piena di belli e ricchi particolari, che subito tutti ti vogliono abbracciare.

      Vecchio, il tuo sorriso speciale, ci apre il cuore,
      ogni tua parola è piena di una dolce armonia, che ci trasmette tanto umano calore.

      Se nelle nostre azioni, metteremo al centro la persona, il vecchio con tutte le sue magnifiche qualità,
      salvaguardando sempre la sua dignità, sarà la strada giusta, per una società di alta civiltà.
      Francesco Lena Via Provinciale,37
      24060 Cenate Sopra Bergamo TEL. 035956434

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: