La fame uccide 260.000 persone in Somalia, la metà sono bambini / VIDEO: UN says Somalia famine killed nearly 260,000

UN says Somalia famine killed nearly 260,000


AlJazeeraEnglish AlJazeeraEnglish

Pubblicato in data 02/mag/2013

More than 250,000 people died in a famine in Somalia that ended in February, 2012, and half of them were children.
The figure released by the UN is almost double the previous estimate of deaths.
Aid agencies say thousands of people died needlessly, because the international community was slow to respond.

Al Jazeera’s Peter Greste reports.

**

Somalia, strage di bambini per fameSomalia, strage di bambini per fame

Nel Sud Shabab vietano ingresso aiuti

La fame uccide 260.000 persone in Somalia, la metà sono bambini

La carestia che ha colpito il paese nordafricano ha provocato circa 260.000 morti, meta’ dei quali bambini sotto i 5 anni, soprattutto nel sud del paese. Un numero di vittime nettamente superiore ai 220.000 della carestia del 1992

.

Roma, 02-05-2013

La fame si conferma il peggior nemico della Somalia. La carestia che ha colpito il paese nordafricano tra il 2010 e il 2012 ha provocato circa 260.000 morti, meta’ dei quali bambini sotto i 5 anni, soprattutto nel sud del paese dove gli integralisti islamici Shabab negano l’accesso ai principali operatori umanitari. Un numero di vittime nettamente superiore ai 220.000 della carestia del 1992.

I dati sono contenuti in un rapporto della Fao (l’agenzia Onu per l’alimentazione) e della Famine Early Warning Systems Network, finanziata dagli Usa. In base a questa “prima stima scientifica” della crisi, “il 4,6 per cento della popolazione totale e il 10 per cento dei bambini di meno di cinque anni sono morti nel sud e nel centro della Somalia” e nelle regioni piu’ colpite i bambini morti sono arrivati al 18 per cento. Questa carestia, come le altre che ciclicamente affliggono la Somalia, e’ stata causata dalla siccita’ ma e’ anche il frutto di piu’ di vent’anni di guerra civile – e di altri dieci di lotta ad al Qaida – che hanno devastato il paese, rendendolo uno dei luoghi piu’ pericolosi al mondo anche per gli operatori umanitari.

Lo scorso settembre, dopo otto anni di transizione, un governo sostenuto dalle Nazioni Unite e’ salito al potere portando un po’ di stabilita’ e sicurezza in alcune aree, costringendo gli Shabab (i militanti islamici integralisti legati ad al Qaida) ad arretrare nelle regioni meridionali. La maggior parte delle aree colpite dalla carestia era proprio sotto il loro controllo e la crisi e’ stata aggravata dal loro divieto di far entrare la maggior parte delle agenzie umanitarie straniere.

Il dossier carestia irrompera’ certamente anche alla conferenza internazionale sulla Somalia in programma il 7 maggio a Londra, che tra l’altro rappresenta il primo impegno all’estero del neoministro degli Esteri Emma Bonino. I donatori dovranno esaminare le misure piu’ opportune per sostenere i progressi realizzati finora dal governo somalo. E la crisi alimentare non potra’ passare in secondo piano rispetto alla guerra agli Shabab.

.

fonte rainews24.it

PRINT – EMAIL – PDF

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: