ACCUSE GRAVISSIME – Maresciallo capo dei Carabinieri denuncia “Mi impedirono di catturare Messina Denaro. Fui fermato dal Ros”

https://i0.wp.com/www.lettera43.it/upload/images/07_2011/620x427xl43-messina-denaro-110704111821_big.jpg.pagespeed.ic.DQ2xn8YqLB.jpg

Il volto del boss mafioso Matteo Messina Denaro realizzato secondo la tecnica dell’age progression (Ansa)

Il maresciallo Masi: «Mi impedirono di catturare i boss. Fui fermato dal Ros»

Il caposcorta del pm Di Matteo: «A un passo da Messina Denaro e Provenzano. Fui fermato dal Ros»

.

Accuse tremende, chiare, circostanziate. Sono quelle rivolte dal maresciallo Saverio Masi ai colleghi del Ros, rei a suo dire di avergli impedito di arrestare Bernardo Provenzano prima, Matteo Messina Denaro poi.

Masi, che ora è capo della scorta assegnata al pm Nino Di Matteo, capo dell’accusa nel processo sulla trattativa Stato-mafia e in quello contro gli ex ufficiali dei carabinieri accusati di aver agevolato la latitanza di Provenzano, le ha messe in ordine in una relazione che ha consegnato alla procura di Palermo.

FATTI INIZIATI NEL 2001. Il tutto è stato rivelato dal Corriere della sera, che ha riportato un’indagine condotta dalla squadra di Report in un articolo firmato da Sigfrido Ranucci.
Sono i ricordi e l’esperienza personale di Masi, che entrato nel Nucleo provinciale di Palermo nel 2001 chiese subito di occuparsi della caccia ai latitanti, ma fu mandato Caltavuturo, sulle Madonie. Masi però cominciò a condurre indagini da solo, richerche che lo portorano in più di un’occasione a un passo da Provenzano (poi arrestato solo nel 2006) e da Messina Denaro.

Masi ha raccontato di aver scoperto e ricostruito i movimenti dei due latitanti, di aver rintracciato i loro complici e aver chiesto di poterli pedinare, ricevendo sempre un netto rifiuto da parte dei suoi superiori.

In un’intercettazione, addirittura, sarebbe spuntato il nome di Silvio Berlusconi, che un italo americano avrebbe voluto invitare negli Usa per il Columbus day, con l’intermediazione di un mafioso siciliano.

TROVÒ LA PRESUNTA MACCHINA PER SCRIVERE DEI PIZZINI. Ma i fatti salienti citati da Masi sono altri. Come quando in un casotto nel parco demolizioni di Ficano, cognato del postino di Provenzano, trovò una macchina per scrivere che poteva essere stata usata per compilare i pizzini riservati al boss, ma nessuno volle approfondire la vicenda. O come quando un tentativo di piazzare le cimici nel casolare di Provenzano fallì perché gli uomini del Ros avevano dimenticato gli attrezzi da scasso.
«Noi non abbiamo intenzione di prendere Provenzano! Non hai capito niente allora? Ti devi fermare!». Queste le parole che Masi si sarebbe sentito dire da un superiore che gli offriva addirittura un posto di lavoro per la sorella disoccupata pur di metterlo a tacere.

DUE VOLTE VICINO AL BOSS. A Messina Denaro ci andò anche più vicino. Una volta, ne è convintò, lo identificò seduto a un tavolo con altre persone in un casolare, un’altra rischiò un incidente d’auto proprio con il boss, e dopo aver evitato lo scontro lo seguì.
In entrambi i casi, però, il suo lavoro venne ostacolato.

Accuse gravissime che promettono di accendere i prossimi appuntamenti con i due processi condotti da Di Matteo, che nel frattempo ha ricevuto minacce di morte. «Amici romani di Matteo (Messina Denaro, ndr) hanno deciso di eliminare il pm Nino Di Matteo in questo momento di confusione istituzionale, per fermare questa deriva di ingovernabilità. Cosa nostra ha dato il suo assenso, ma io non sono d’accordo». E le ombre della stagione delle stragi tornano ad allungarsi sull’Anti mafia.

.

fonte lettera43.it

PRINT – EMAIL – PDF

Annunci

2 responses to “ACCUSE GRAVISSIME – Maresciallo capo dei Carabinieri denuncia “Mi impedirono di catturare Messina Denaro. Fui fermato dal Ros””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: