Regno Unito: fuma spinelli per allievare sintomi Sla, ma rischia il carcere / ‘I’m being prosecuted for being ill’: Ex-PCSO says she is prepared to go to jail for smoking cannabis because it helps her MS

MS sufferer Sue Lunn pledges to continues smoking cannabis

thisishullnews thisishullnews

Pubblicato in data 27/apr/2013

Hull woman Sue Lunn says she will smoke cannabis to relieve MS symptoms despite jail threat: http://www.hulldailymail.co.uk/MS-suf…

**

https://i0.wp.com/www.hulldailymail.co.uk/images/localworld/ugc-images/275786/Article/images/18856071/4805961.jpg
Former special constable Susan Lunn with cannabis campaigner Carl Wagner

***

Regno Unito: fuma spinelli per allievare sintomi Sla, ma rischia il carcere

Susan Lunn, 43 anni, di Wallasey nel Regno Unito, è stata già condannata a sei mesi con la condizionale. “Mi vogliono arrestare solo perché mi voglio curare. La cannabis è l’unica sostanza – spiega la donna – che tiene a bada l’epilessia, che mi riduce il tremore e il dolore alle articolazioni e che tiene sotto controllo la mia vescica”

.

di | 6 maggio 2013

.

Rischia il carcere perché, per curarsi, fuma gli spinelli. Susan Lunn, 43 anni, di Wallasey nel Regno Unito, è stata già condannata a sei mesi con la condizionale, ma durante la sentenza il giudice ha detto: “Se verrà trovata nei prossimi sei mesi ancora in possesso di cannabis lei andrà incontro a una pena più severa e verrà arrestata”. Eppure Susan, conosciuta come “Sue” dai suoi amici e parenti, è costretta da alcuni anni a far ricorso alla droga leggera per contrastare la sclerosi multipla galoppante. Ora si fa intervistare dai giornali e dalle televisioni con uno spinello in mano, il Daily Mail le dedica due pagine, gli attivisti per la legalizzazione della cannabis protestano a suo favore e un intero Paese si interroga sulla necessità o meno della depenalizzazione del possesso delle droghe leggere. Perché la battaglia di Susan Lunn è chiara: “Mi vogliono arrestare solo perché mi voglio curare. La cannabis è l’unica sostanza che tiene a bada l’epilessia, che mi riduce il tremore e il dolore alle articolazioni e che tiene sotto controllo la mia vescica”.

Lunn, ex agente della polizia a Hull, nello East Yorkshire, ora attacca: “Dopo aver servito la comunità per così tanto tempo, questa è la ricompensa che la giustizia mi dà”. L’anno scorso fu soggetta a tre perquisizioni in casa, dopo che il vicinato si era lamentato per la puzza di droga che arrivava dalla sua abitazione, e l’ultimo raid dello scorso 22 dicembre l’aveva portata direttamente in tribunale. Poco importa se lo stesso servizio sanitario nazionale britannico prescriva medicinali a base di cannabis per alcune malattie. “Al mio cliente è negato un diritto fondamentale”, dice ora l’avvocato della signora, Geoffrey Ellis, “molti casi non dovrebbero nemmeno arrivare nelle aule dei tribunali, e questo è uno di quei casi”. Ma contro la tesi dell’avvocato e le ragioni di Lunn ora fanno le barricate le associazioni che si battono contro l’uso delle droghe. E la stessa stampa britannica è scettica sulle soluzioni proposte dal legale e dalla signora. “Sarebbe un precedente pericoloso”, dice la stampa di destra, “che aprirebbe le porte a uno scenario inquietante”.

Lunn, madre di un figlio, però ribadisce: “La droga leggera è l’unica cosa che mi calma, che mi fa passare il mal di testa e che mi dà sollievo da quando, 17 anni fa, mi fu diagnosticata la sclerosi multipla”. Nel Regno Unito possedere o utilizzare droghe leggere è illegale come nel resto d’Europa. Ora l’avvocato rivela: “Negli ultimi anni, la mia assistita ha speso almeno venti sterline al giorno in cannabis”. E la signora ha aggiunto: “Non smetterò di certo, se smettessi il risultato sarebbe assolutamente devastante”. Lunn è anche sotto terapia tradizionale e prende anche un piccolo assegno dallo Stato per la sua condizione di malata. Le iniezioni quotidiane, tuttavia, sembrano non bastare. “Questa sentenza alla quale sono stata soggetta è assolutamente ingiusta, mi sento lasciata sola da parte della giustizia. È come se stia rischiando di essere condannata solo per essere malata”, ha rivelato al Daily Mail. Unica soddisfazione, dice ora Lunn, il fatto che il personale medico che la tiene in cura non l’abbia mai ripresa per il suo utilizzo di cannabis. “Loro lo sanno – dice l’avvocato – e non hanno nulla da ridire”.

.

Articoli sullo stesso argomento:

.

fonte ilfattoquotidiano.it

____________________________________________________________________

‘I’m being prosecuted for being ill’: Ex-PCSO says she is prepared to go to jail for smoking cannabis because it helps her MS

  • Susan Lunn, 43, from Hull, was given six-month conditional discharge
  • Magistrates warned she will face ‘much worse punishment’ if caught again
  • The mother-of-one who was diagnosed 17 years ago says she won’t stop

By Harriet Arkell and Sophie Evans

PUBLISHED: 15:15 GMT, 29 April 2013 | UPDATED: 10:49 GMT, 30 April 2013

Susan Lunn, 43, from Wallasey, was handed a six-month conditional discharge for possessing cannabis, which she uses to help with her MSSusan Lunn, 43, from Wallasey, was handed a six-month conditional discharge for possessing cannabis, which she uses to help with her MS

A former police PCSO suffering from multiple sclerosis has vowed to continue smoking cannabis even if it means going to jail.

Susan Lunn, 43, was been handed a six-month conditional discharge for possessing the illegal drug.

She said she uses cannabis every day as medical relief from her condition, which sees her battle muscle spasms, headaches, bladder problems and tremors on a daily basis.

Now Ms Lunn has been told she will face a ‘much worse punishment’ if she is caught possessing the Class B drug in the next six months.

But the former Humberside Police special constable has said she will carry on smoking cannabis regardless of the law.

The mother-of-one, who was diagnosed with MS 17 years ago, said: ‘I’m not going to stop doing it.

‘If I gave up cannabis, the results would be absolutely devastating. I smoke it every day and it has helped me to live a relatively normal life.

‘It calms me down, relaxes my muscles, stops my shakes and helps keep my mild epilepsy under control.’

Ms Lunn, who is on daily medication including injections for her condition, branded her sentence ‘completely unjust’.

She said: ‘I have given so much to the community through my work as a special constable and I feel let down by the justice system.

‘It’s as if I am being prosecuted for being ill.’

The former community support officer from Hull, East Yorkshire, was arrested on December 22 after her neighbours smelt the drug and alerted the police.

It was the third time in nine months that police had raided her home, and she had already received a warning and a caution.

*

PRINT – EMAIL – PDF 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: