archivio | anniversario RSS per la sezione

‘Brescia: i morti senza giustizia di piazza della Loggia’, di Beppe Giulietti

Piazza Della Loggia – Blu Notte Misteri Italiani ( 16-9-2007 )

Pubblicato in data 30/gen/2013
**
https://i1.wp.com/1.bp.blogspot.com/-6ouFtcSyLoM/T8N4ih8WVpI/AAAAAAAABTs/6VhC5TxGIao/s1600/piazza_della_loggia.jpg
fonte immagine unoenessuno.blogspot.it

Brescia: i morti senza giustizia di piazza della Loggia

.

https://i1.wp.com/st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/themes/carrington-blog/img/autori/BGiulietti-thumb.jpg
di | 28 maggio 2013

.

Giulietta Banzi Bazoli, 34 anni, insegnante.
Livia Bottardi Milani, 32 anni, insegnante.
Eupio Natali, 69 anni, pensionato.
Luigi Pinto, 25 anni, insegnante.
Bartolommeo Talenti, 56 anni, operaio.
Alberto Trebeschi, 37 anni, insegnante.
Clementina Calzari Trebeschi, 31 anni, insegnante.
Vittorio Zambarda, 60 anni, operaio.

Donne e uomini ammazzati da una bomba fascista il 28 maggio del 1974 a Brescia in piazza della Loggia. Non hanno mai ottenuto verità e giustizia. Gli assassini si aggirano liberi, magari passeggiano accanto ai loro familiari. I giudici hanno denunciato collusioni, omissioni, interferenze di apparati dello stato per depistare e nascondere le responsabilità, già allora alcuni contrastavano terrorismo e mafie ed altri, invece, contrattavano con loro.
Sino a quando trame e trattative non saranno state svelate l’Italia non potrà mai essere al sicuro dai ricatti e dai ricattatori, alcuni dei quali sono ancora in azione.

Per questo è giusto, ogni anno, ricordare le donne e gli uomini ammazzati a Brescia, perché quel passato non è solo memoria, ma impegno per il presente e per il futuro.

.

Articoli sullo stesso argomento:

.

fonte ilfattoquotidiano.it

PRINT – EMAIL – PDF

MACELLERIA GIUDIZIARIA – Il caso Tortora trent’anni dopo / Enzo Biagi: “E io difendo Tortora”, la Repubblica – 4 agosto 1983

Il caso Tortora trent'anni dopo Tortora in tribunale

Il caso Tortora trent’anni dopo

Nel giugno del 1983 l’arresto del popolare conduttore televisivo. Le accuse dei pentiti, la gogna pubblica, l’assoluzione in Cassazione, la malattia e la morte. Per quello che Giorgio Bocca definì “il più grande esempio di macelleria giudiziaria” nessuno ha mai pagato

.

di CARLO VERDELLI

.

Qualsiasi cosa ci sia dopo, il niente o Dio, è molto probabile che Enzo Tortora non riposi in pace. La vicenda che l’ha spezzato in due, anche se ormai lontana, non lascia in pace neanche la nostra di coscienza. E non solo per l’enormità del sopruso ai danni di un uomo (che fosse famoso, conta parecchio ma importa pochissimo), arrestato e condannato senza prove come spacciatore e sodale di Cutolo. La cosa che rende impossibile archiviare “il più grande esempio di macelleria giudiziaria all’ingrosso del nostro Paese” (Giorgio Bocca) è il fatto che nessuno abbia pagato per quel che è successo. Anzi, i giudici coinvolti hanno fatto un’ottima carriera e i pentiti, i falsi pentiti, si sono garantiti una serena vecchiaia, e uno di loro, il primo untore, persino il premio della libertà.

Non fosse stato per i radicali (da Pannella al neo ministro Bonino, da Giuseppe Rippa a Valter Vecellio) che lo elessero simbolo della giustizia ingiusta e lo fecero eleggere a Strasburgo. Non fosse stato per Enzo Biagi che proprio su Repubblica, a sette giorni da un arresto che, dopo gli stupori, stava conquistando travolgenti favori nell’opinione pubblica, entrò duro sui frettolosi censori della prima ora (da Giovanni Arpino, “tempi durissimi per gli strappalacrime”, a Camilla Cederna, “se uno viene preso in piena notte, qualcosa avrà fatto”) con un editoriale controcorrente: “E se Tortora fosse innocente?”. Non fosse stato per l’amore e la fiducia incrollabile delle figlie (tre) e delle compagne (da Pasqualina a Miranda, prima e seconda moglie, fino a Francesca, la convivente di quell’ultimo periodo). Non fosse stato per i suoi avvocati, Raffaele Della Valle e il professor Alberto Dall’Ora, che si batterono per lui con una vicinanza e un ardore ben al di là del dovere professionale.
Non fosse stato per persone come queste, i 1.768 giorni che separano l’inizio del calvario di Enzo Tortora (17 giugno 1983, prelevato alle 4 del mattino all’Hotel Plaza di Roma) dalla fine della sua esistenza (18 maggio 1988, cancro ai polmoni, nella sua casa milanese di via Piatti 8, tre camere più servizi), sarebbero stati di meno, nel senso che avrebbe ceduto prima.

L’articolo integrale su Repubblica in edicola o su Repubblica+

(01 maggio 2013)

.

fonte repubblica.it

__________________________________________________________

http://marteau7927.files.wordpress.com/2012/10/arresto-tortora_thumb.jpg?w=640&h=912

Enzo Biagi: “E io difendo Tortora”, la Repubblica – 4 agosto 1983

.

Signor Presidente della Repubblica, non le sottopongo il caso di un mio collega, ma quello di un cittadino. Non auspico un suo intervento, ma non saprei perdonarmi il silenzio. Vicende come quella che ha portato in carcere Enzo Tortora possono accadere a chiunque. E questo mi fa paura.

   Lei è il massimo esponente dell’organo supremo dei Magistrati: e deve sapere. Ho un sincero e profondo rispetto per i giudici che, come i giornalisti, hanno pagato, e pagano, un duro conto con il crimine. Conoscevo Alessandrini, e voglio bene ai figli del dott. Galli. Credo nell’onestà e nel scrificio di quelli che lottano, a Napoli e ovunque, contro la camorra e la mafia.

   Ma ci sono aspetti del “blitz” contro i cutoliani che lasciano perplessi: dalla data, una settimana o poco prima delle elezioni, agli sviluppi. Dalle conferenze-stampa trionfalistiche, alla caccia all’uomo con cineprese al seguito, dal segreto istruttorio largamente violato, al numero degli arrestati e dei dimessi.

   Su 350, se le cronache sono esatte, 200 sono tornati fuori: ma, hanno detto gli inquirenti, e mi scuso per l’odioso e usatissimo termine che suscita il ricordo di antiche procedure, molti rientreranno in cella. Come dire, che si può sbagliare fino a tre volte: arresto, scarcerazione, altra cattura. Ma qual è la buona?

   Tortora è denunciato da un tale Pandico, che fa il suo nome dopo tre interrogatori: guarda caso, un personaggio così popolare non gli viene in mente subito. Le conferme vengono da un certo Barra, conosciuto nell’ambiente come “O’animale”: è lui che parla dello “sgarro”, e che fa andar dentro il sindaco D’Antuono, rilasciato poi al trentanovesimo giorno di detenzione per mancanza di indizi. È sempre lui che riferisce della visita a Cutolo dei Gava e dei servizi segreti, per tirare fuori dagli impicci l’amico Cirillo, ma di questa impresa non si discute.

   Gli avvocati che difendono il presentatore non hanno potuto leggere neppure i verbali degli interrogatori del loro assistito; ci sono periodici che hanno pubblicato i testi delle deposizioni dei due camorristi accusati. Chi glieli ha dati?

   Ogni mattina, la stampa ha ricevuto la sua dose di indiscrezioni: Tortora fu iniziato col taglio di una vena, Tortora ha spacciato droga per 80 milioni e non ha consegnato l’incasso, Tortora ha riciclato denaro sporco, Tortora era amico di Turatello: smentisce la madre del bandito, smentisce ed è a disposizione, il suo braccio destro. Nessun segno sui polsi. Ma ci sarebbe la conferma di una “contessa”, che non può testimoniare perché, guarda caso, è morta.

   C’è la prova che dovrebbe mettere in difficoltà Tortora: una lettera di Barbaro Domenico per dei centrini andati perduti alla Rai. Esiste un carteggio tenuto dall’ufficio legale della Tv di Stato, ma non significa nulla. Conta, invece, la parola di due assassini.

   Poi ci sarebbe l’altro seguace di Cutolo, che messo in libertà avrebbe dovuto far fuori il compare Tortora che ha tradito, tanto è vero che ha scritto il nome dell’autore di “Portobello” nella sua agenda che è come se Oswald avesse segnato sul calendario: «Mercoledì: sparare a Kennedy».

   È pensabile che i misteriosi tipi che stanno sconvolgendo la nostra vita, per far fuori uno, o per far saltare un automobile, abbiano bisogno di aspettare che un detenuto torni in circolazione? Si ha l’impressione che, dopo aver messo le manette a Tortora, stiano cercando le ragioni del provvedimento.

   Ma ecco che arriva il colpo sensazionale: col caldo che imperversa, il dottor Di Persia corre a Milano, perché ha trovato finalmente chi può schiacciare quel finto galantuomo di Tortora.

   C’è uno che lo ha visto, nientemeno, consegnare della polvere bianca in cambio di una mazzetta di banconote, a un terzetto di farabutti, ed ha assistito alla scena in compagnia della sua gentile signora.

   Il dottor Di Persia non si informa sui precedenti del «noto pittore», che si chiama Giuseppe Margutti, ed è tanto riservato, odia tanto la pubblicità, e dà dello stesso fatto versioni differenti: una ad un redattore di Stop, l’altra al Sostituto Procuratore.

   Bene, l’artista, che si è fatto denunciare dal Louvre per una mostra delle sue opere non richiesta, che inventa, per andare con una donna, un rapimento, che mette in circolazione francobolli con la sua faccia, che dichiara guerra agli Usa che lo hanno buttato fuori, che immagina un sequestro che non c’è mai stato, che denuncia i critici che non lo capiscono, che si fa incatenare nella Galleria di Milano, che chiama i fotografi per farsi ammirare mentre imbianca i muri sudici dell’asilo di sua figlia è il teste chiave.

   I giudici di Napoli spiegano poi agli avvocati Dall’Ora, Della Valle e Coppola, tutori di Tortora, che le chiacchiere di Margutti costituiscono «un importante risultato sul piano probatorio».

   Signor Presidente, chi risarcirà Tortora di queste calunnie? Col pappagallo, dovra forse andare a distribuire i pianeti della fortuna? Del resto, visto come va la giustizia, a chi si dovrebbe affidare?

Enzo Biagi, la Repubblica, giovedì 4 agosto 1983

.

fonte marteau7927.wordpress.com

.

PRINT – EMAIL – PDF

Abruzzo/Terremoto L’Aquila, 1460 giorni dopo: ricostruzione ferma. Città sventrata come il 6 aprile

A 4 ANNI DAL SISMA, LA RINASCITA DELL’AQUILA E’ ANCORA UN MIRAGGIO

tgla7tgla7

Pubblicato in data 01/apr/2013

Mancano i fondi per ricostruire il centro storico e il sindaco Cialente per sabato, quando verranno ricordate le 308 vittime, annuncia una clamorosa provocazione. Servizio di Antonella Galli.

**

Abruzzo/Terremoto L’Aquila, 1460 giorni dopo: ricostruzione ferma. Città sventrata come il 6 aprile

Quattro anni fa il terremoto che ha cambiato la storia di tutta la regione

https://i1.wp.com/www.rosatiluca.it/wp-content/uploads/2012/04/candela.jpg
fonte immagine

.

L’AQUILA. Il quarto anniversario del terremoto del 6 aprile del 2009 fa apparire la situazione ancora ingarbugliata, labirintica, ai limiti dell’assurdo, con una ricostruzione “pesante” ferma al palo.

Dopo 309 vittime, 2000 feriti, 56 centri storici distrutti o semidistrutti fra cui quello dell’Aquila che e’ fra i piu’ grandi d’Italia poco o nulla è cambiato.
La città è ancora distrutta, gli aquilani hanno perso le speranze. La terra in questi anni ha continuato a tremare. L’ultima scossa questa mattina (ore 9.40, magnitudo 2.4), segnale che lo sciame sismico non si è mai arrestato.

Dopo il terremoto tutta la citta’, le sue 64 frazioni e i borghi del circondario furono evacuati e le abitazioni dichiarate inagibili. Centomila sfollati trovarono rifugio in 170 tendopoli, negli alberghi della costa abruzzese, in affitti concordati, in autonoma sistemazione. Gli edifici, a seconda della gravita’ del danno furono classificati A (danni lievissimi), B e C (edifici temporaneamente o parzialmente inagibili), E (inagibili che richiedono interventi strutturali o addirittura ricostruzione ex novo come accadra’ in tantissimi casi nei centri storici). Dopo quattro anni chi risiedeva in periferia ed alloggiava in abitazioni classificate A, B, C, sono praticamente rientrati. Per quanto riguarda le case E va fatta una distinzione fra quelle della periferia cittadina (la stima parla di migliaia di pratiche) e quelle del centro storico del capoluogo (piu’ di 15 mila). Nella periferia a macchia di leopardo si vedono cantieri in via di ultimazione, ma ancora molti sono quelli che devono partire. A questi numeri vanno aggiunti quelli degli edifici dei centri storici nei Comuni del cratere. Il blocco totale riguarda invece il centro storico dell’Aquila, delle frazioni e degli altri borghi.

PUNTELLAMENTI E NIENT’ALTRO
In quattro anni si sono fatti solo puntellamenti (diversi dei quali da rivedere) che per L’Aquila sono costati circa 250 milioni di euro. Ma nonostante i Piani di ricostruzione (a partire da quello dell’Aquila) e delle frazioni sino stati approvati, l’assessore alla Ricostruzione al Comune dell’Aquila, Pietro Di Stefano, a febbraio di quest’anno ha tuonato dicendo che «i soldi non ci sono. Sono finiti i due miliardi di euro stanziati e adesso si naviga a vista».

Nel giorno del quarto anniversario del sisma il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, appare tutt’altro che ottimista per il post terremoto: «il clima di scoramento, di sfiducia, di rabbia – afferma – purtroppo sta coinvolgendo sempre piu’ persone, soprattutto i giovani, che stanno cominciando ad arrendersi e ad andare via. Vivere all’Aquila e’ troppo difficile, posso chiedere alla gente il sacrificio di crederci e di avere fiducia, solo se possiamo vedere parte del centro e delle frazioni ricostruite entro il 2015; se invece diro’ che si finira’ per il 2024 tutti andranno via e L’Aquila nel 2018 fara’ 35-40 mila abitanti».

LE NEW TOWN
A L’Aquila, a 4 anni dal devastante sisma, gran parte della popolazione continua a vivere nelle 19 new town lasciate a deteriorarsi perche’ senza alcuna manutenzione e per di piu’ con l’incubo incolumita’ dopo le recenti inchieste penali sulla realizzazione delle abitazioni provvisorie del progetto “Case” ma anche dei moduli abitativi provvisori (Map) per i quali i consulenti della Procura hanno accertato l’utilizzo di materiali non idonei e in taluni casi scadenti. Sotto il profilo dell’attivita’ giudiziaria, il 2012 (sentenza del 22 ottobre) e’stato segnato dalla condanna a sei anni di reclusione, per i sette scienziati della Commissione Grandi Rischi, che si riuni’ all’Aquila, una settimana prima dei tragici accadimenti.

STANOTTE, ORE 3.32
Il momento clou delle varie iniziative in ricordo delle vittime resta la Fiaccolata della Memoria, caratterizzata quest’anno da un percorso piu’ breve ed un inizio anticipato (alle 22). Ritrovo in via XX Settembre, incrocio stazione ferroviaria, successiva sosta nello stabile distrutto della Casa dello studente e arrivo a mezzanotte in Piazza Duomo. Qui sara’ celebrata la Santa Messa presieduta dall’arcivescovo metropolita monsignor Giuseppe Molinari, in suffragio delle 309 vittime del terremoto, con la lettura dei nomi durante la Preghiera Eucaristica, animata dalla Pastorale Giovanile Diocesana. Successivamente si svolgera’ la veglia di Preghiera aspettando le 3.32 (ora dela scossa di magnitudo 6.3) presieduta dal vescovo ausiliare monsignor Giovanni D’Ercole, animata dai giovani del Gruppo della Tendopoli di San Gabriele della Parrocchia di San Giovanni Battista in Pile. Alle 3.32 i rintocchi della campana ricorderanno le vittime del sisma. Sabato 6 aprile, alle ore 11.30 si svolgera’ un’altra Messa presieduta sempre da Molinari in suffragio delle vittime. Infine “Ricostruiamo la legalita’…partendo dall’Aquila”, e’ il tema di una giornata di studi organizzata per sabato 6 aprile dalla sezione abruzzese dell’Anm (Associazione nazionale magistrati) e dall’associazione Libera, con il patrocinio del Comune dell’Aquila. Tra gli invitati al convegno pubblico, in programma a partire dalle 9 nell’Auditorium del Parco del Castello, il Presidente del Senato, Pietro Grasso. Con lui presenti anche don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di Libera che si batte contro i soprusi di tutte le mafie, il magistrato Giuseppe Pignatone, procuratore della Repubblica di Roma e i giornalisti Gian Antonio Stella e Carlo Bonini. Il programma della giornata, che si articola in vari momenti, avra’ come filone comune la situazione dell’Aquila nel post-terremoto letta attraverso la lente d’ingrandimento rappresentata dall’azione di contrasto a ogni forma di criminalita’, organizzata e non.

.

fonte primadanoi.it

PRINT – EMAIL – PDF

BUON COMPLEANNO, PIETRO! – Ingrao, il comunista eretico

https://i0.wp.com/www.lettera43.it/upload/images/07_2011/l43-pietro-ingrao-110715175951_big.jpg
fonte immagine

Buon compleanno, Pietro
Ingrao, il comunista eretico

.

Oggi Pietro Ingrao compie 98 anni. Una lunga vita sempre dalla stessa parte: dalla clandestinità durante il fascismo a leader storico del Pci, da direttore de l’Unità per dieci anni nei quali fece del giornale un vero “giornale della classe operaia” fino alla presidenza della Camera dei Deputati a metà degli anni Settanta. Ingrao ha attraversato la storia del Novecento, con i suoi drammi e le sue grandi speranze, interpretando un’idea della politica come bene di tutti, come capacità di dare risposte alla parte più debole della società.

PIETRO INGRAO
UNA STORIA IN IMMAGINI

Trascinato dalla sua grande curiosità ha cercato di portare nel Pci nuove sensibilità: l’ambientalismo, i movimenti, la battaglia delle donne. Ha compiuto errori di cui si è pentito, come l’appoggio all’invasione sovietica di Budapest nel ’56, e ha avuto duri scontri con il suo partito al quale però è rimasto legato fino al suo scioglimento.

.

.

fonte unita.it

PRINT – EMAIL – PDF

*

“Non mi avete convinto” il documentario su Ingrao e “Terra matta”

RaiNews24RaiNews24

Pubblicato in data 06/set/2012

Le interviste agli autori Filippo Vendemmiati e Costanza Quatriglio

27 gennaio 1967, moriva Luigi Tenco… lo ricordiamo così

27 gennaio 1967, moriva Luigi Tenco… lo ricordiamo così


fonte immagine

Egitto, a due anni dalla rivolta contro Mubarak ancora scontri: 4 morti / VIDEO: اشتباكات في ش قصر العيني Protesters clash near Tahrir on Jan25 anniversary

اشتباكات في ش قصر العيني Protesters clash near Tahrir on Jan25 anniversary

AhramOnlineAhramOnline

Pubblicato in data 25/gen/2013

Protesters involved in clashes with police on Qasr el Ainy street – moments from Tahrir Square – say that state security forces have fired birdshot at them, in addition to throwing rocks and shooting tear gas.

Witnesses say the clashes began on the evening of the 24th January when demonstrators attempted to take down a huge concrete wall on Qast el Ainy erected by security forces.

The fighting continued through the night and into the 25th – the second anniversary of the Egyptian uprising in 2011.

Tens of thousands of demonstrators are filtering through to Tahrir Square demanding the realisaiton of the revolution’s goals, justice for those who died and an end to the Muslim Brotherhood’s monopoly on state power.

Video by Simon Hanna for Ahram Online

http://english.ahram.org.eg/NewsContentP/1/63243/Egypt/Live-Updates-Tens-of-t…

**
https://i1.wp.com/st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2013/01/egitto_scontri_interna-nuova.jpg

Egitto, a due anni dalla rivolta contro Mubarak ancora scontri: 4 morti

Sono centinaia di migliaia le persone scese in piazza non solo nel luogo storico della rivolta al Cairo, piazza Tahrir, ma anche nelle maggiori città egiziane per protestare contro il governo dei Fratelli musulmani. Oltre 250 i feriti e 4 morti nel giorno dell’anniversario

.

di | 25 gennaio 2013

.

E’ un giorno di protesta quello del secondo anniversario della rivoluzione egiziana. Sono centinaia di migliaia le persone scese in piazza non solo nel luogo storico della rivolta al Cairo, piazza Tahrir, ma anche nelle maggiori città egiziane per protestare contro il governo dei Fratelli Musulmani, accogliendo la chiamata di 16 partiti e movimenti di opposizione. Così, sono continuati anche gli scontri nei dintorni della piazza iniziati nel pomeriggio del 24 gennaio quando un gruppo di manifestanti ha tentato di demolire il muro eretto per chiudere l’accesso al Parlamento. E che oggi in Egitto non ci sia niente da festeggiare è dimostrato anche dall’assenza nelle strade dei maggiori partiti islamisti, compresi i Fratelli Musulmani, ormai da mesi nel mirino dei manifestanti. “Non vogliamo la supremazia della guida suprema della fratellanza” gridano in una Tahrir stracolma e piena di bandiere egiziane centinaia di migliaia di manifestanti. Il presidente Morsi è ormai da mesi il nemico numero uno degli attivisti, in molti nel ballottaggio dello scorso giugno avevano votato per lui per evitare l’ascesa al potere dell’ex primo ministro di Mubarak, Ahmed Shafiq, ma sono delusi da quello che è stato definito “un abuso di potere del presidente islamista”. “Pane, libertà e giustizia sociale, le richieste che due anni fa abbiamo fatto in piazza sono rimaste sospese, e abbiamo un presidente che ci ha fatto tornare indietro alla dittatura”- dice Fatima, studentessa avvolta in un’enorme bandiera egiziana.

Ayoub sventola uno stendardo con il viso dei “martiri del 25 gennaio”, i manifestanti uccisi durante la rivoluzione. “Sembra che i miei compagni siano morti per nulla, a due anni di distanza dopo i militari abbiamo un presidente che non capisce cosa sia la democrazia – dice – dobbiamo fare qualcosa per arginare questa deriva totalitaria”. Il paese resta dunque più diviso che mai, la grande rotonda di Tahrir è tornata a riempirsi, assieme agli attacchi verso le sedi dei Fratelli Musulmani in tutto il paese. Al Cairo la sede del sito web della fratellanza è stato attaccata, mentre a Ismaylia l’ufficio del loro partito politico è stato dato alle fiamme. Altri scontri si sono registrati anche ad Alessandria, Suez e Port Said. Al momento il bilancio comunicato dal dipartimento di primo soccorso del ministero della sanità è di oltre 250 feriti.

Tra i manifestanti sono tanti anche gli ultras della squadra dell’Ahly, uno dei gruppi di piazza più attivi, da diversi giorni in protesta per la strage dello scorso anno nello stadio di Port Said dove morirono 73 tifosi. La rabbia degli ultras, che ha già causato diversi scontri alcuni giorni fa, potrebbe portare a un rinvio della sentenza del processo sulla strage prevista per domani. La situazione nel paese resta dunque calda e in molti temono che in serata la situazione degeneri anche alla luce dell’apparizione di nuovi manifestanti mascherati: black bloc di cui ancora non si capisce l’affiliazione e che da alcuni giorni hanno infiammato gli scontri con la polizia al Cairo e Alessandria.

La grande manifestazione nel giorno dell’anniversario, come già accaduto lo scorso mese nelle proteste contro la Costituzione, è vista da molti come una prova di forza da parte dell’opposizione che cerca di organizzare una base unitaria per le prossime elezioni previste per il prossimo aprile. “Spero che l’opposizione egiziana sia in grado di arrivare alla popolazione e sfruttare queste occasioni di dissenso per creare un’adesione – spiega Bassem Sabri, blogger e analista politico oggi in piazza . “Anche di fronte alla crisi economica io credo che dovrebbe essere creato un programma efficace che vada oltre il mero dissenso verso Morsi e la fratellanza”.

.

fonte ilfattoquotidiano.it

11 ANNI FA MORIVA FABER – Fabrizio de Andrè. Omaggio a un grande poeta (di Arianna Vergari) / Cristiano De Andrè in ospedale «in stato di alterazione»: 14 anni fa moriva suo padre

**


fonte immagine

Fabrizio de Andrè. Omaggio a un grande poeta

.

di  

.

Stamattina mi sono svegliata ripensando all’11 gennaio di 14 anni fa. Allora conoscevo poco Fabrizio de Andrè, talvolta ne sentivo parlare dai miei genitori. Un grande cantautore, un poeta, un maestro, dicevano.

L’amore è nato qualche anno più tardi, dopo la sua morte.

È stata una scoperta sorprendente. È stato come trovare un forziere pieno d’oro. Era lì, a disposizione di tutti, infinito, eterno, profondo. Una gioia sempre pronta a rinnovarsi. Ogni canzone una fonte dai cui sgorga sempre una linfa nuova, sempre diversa, sempre più viva. Dopo tanti anni, quelle note destano la stessa meraviglia di un incontro che ogni volta ripete la sua prima volta.

Stamattina ho tirato fuori il primo cd della raccolta In direzione Ostinata e Contraria. Ho aperto tutte le finestre e ho lasciato che la musica invadesse ogni molecola di aria. Un nuovo incontro. Con la sua voce malinconica e anarchica, con quei personaggi felliniani del suo intimo universo, con le ballate, le preghiere, i valzer. Con lui, la sua chitarra. Con lui, uomo, padre, amico.

Lo ascolto pensando di ricambiare il favore, per dirgli grazie.

La musica ha un suo linguaggio e non si accorda bene con la descrizione delle parole. Cos’è Fabrizio de Andrè? Non lo so, perché va ascoltato. Sarebbe come descrivere a voce una tela di Picasso, niente a che fare con l’opera in sé.

Solo poche suggestioni allora, qualche pennellata, alcune sfumature per ricomporre la figura di un grande maestro.

Dentro le righe del pentagramma, lì la sua dimora. Sempre fuori dalle righe imposte dalla società. Un poeta maledetto senza allori, senza retoriche, senza compromessi. Solo, con le sue note e i ricordi delle letture di Prevert, di Villon. Con l’alcool e la timidezza, con la disillusione e la nostalgia. Una vita rocambolesca, alla Big Fish: il sequestro, i sospetti dei servizi segreti. E ancora le polemiche e le grandi amicizie, come Paolo Villaggio e Nicola Piovani.

E per una vita che se ne va, altre cento che restano. Bocca di Rosa e l’amore profano, il Bombarolo, la puttana di Via del Campo, Piero e una guerra ingiusta e assurda, Cristo e il suo volto umano, Dolcenera. E ancora gli amori sfioriti e cinici, l’ipocrisia borghese, la tenerezza di due amanti, il dolore dell’abbandono.

Stamattina mi sono svegliata e ascoltando Fabrizio de Andrè ho pensato che forse la musica è più forte della morte.

.

fonte controcampus.it

__________________________________

https://i0.wp.com/images.milano.corriereobjects.it/media/foto/2013/01/12/cristiano--140x180.jpg
Cristiano de Andrè (Ansa)

Cristiano De Andrè in ospedale «in stato di alterazione»: 14 anni fa moriva suo padre

Urla, suppellettili rotte, «abuso di alcol» nell’anniversario della morte di Fabrizio

.

MILANO – Cristiano De André è stato trasportato in codice verde la scorsa notte al Policlinico in evidente stato di alterazione. Il cantante, figlio del cantautore Fabrizio, è stato trovato dalla polizia nella sua abitazione, chiamata dai vicini allertati dalle urla provenienti dalla abitazione. Secondo la polizia, lo stato di alterazione di De Andrè era dovuto all’abuso di alcol.

IL SOCCORSO – Urla e grida incomprensibili dall’appartamento di Cristiano De Andre’, ai piani alti di uno stabile di via Sforza: allertate dai vicini di casa le forze dell’ordine sono intervenute e il cantante, dopo oltre un’ora e solo grazie all’intervento di una sua conoscente, e’ stato poi portato in stato confusionale-depressivo al Policlinico e li’ trattenuto. Le prime segnalazioni sono arrivate prima della mezzanotte di venerdì, una volta arrivate sul posto le forze dell’ordine hanno individuato l’appartamento da cui provenivano le urla, apprendendo che si trattava di quello di Cristiano De Andre’. Con difficolta’ di comunicazione e incoerenza di risposte, per oltre un’ora gli agenti hanno parlato con il cantante attraverso la porta dell’abitazione. Solo con l’arrivo dei vigili del fuoco e di una conoscente, la situazione si e’ sbloccata e viene portato al Policlinico in codice verde dove viene trattenuto per accertamenti.

L’ANNIVERSARIO – De Andrè, che secondo la conoscente sta passando un periodo molto difficile, è stato trasportato all’ospedale circa un’ora e mezza dopo l’inizio dell’intervento. In casa alcuni suppellettili rotte nel corso del violento accesso d’ira. Esattamente l’11 gennaio 1999, 14 anni fa, moriva suo padre Fabrizio.

.

fonte corriere.it