archivio | giustizia RSS per la sezione

Carceri, Corte europea rigetta ricorso dell’Italia. Un anno per la soluzione al sovraffollamento

Carceri, Corte europea rigetta ricorso dell'Italia. Un anno per la soluzione al sovraffollamento (ansa)

Carceri, Corte europea rigetta ricorso dell’Italia.
Un anno per la soluzione al sovraffollamento

La condanna è per trattamento inumano e degradante di sette detenuti nel carcere di Busto Arsizio e in quello di Piacenza. Il nostro Paese dovrà pagare ai sette detenuti 100 mila euro per danni morali e ha un anno di tempo per rimediare alla situazione carceraria

.

.

STRASBURGO – La Corte europea dei diritti dell’uomo rigetta il ricorso dell’Italia: in base alla sentenza emessa lo scorso 8 gennaio dai giudici di Strasburgo, divenuta oggi definitiva, l’Italia ha un anno di tempo per trovare una soluzione al sovraffollamento carcerario e introdurre una procedura per risarcire i detenuti che ne sono stati vittime.

Secondo la Corte europea, l’Italia avrebbe violato i diritti dei detenuti tenendoli in celle dove hanno a disposizione meno di tre metri quadrati. La condanna è per trattamento inumano e degradante di sette  detenuti nel carcere di Busto Arsizio e in quello di Piacenza. Il nostro Paese dovrà pagare loro un ammontare totale di 100 mila euro per danni morali.

Non è la prima volta che l’Italia viene condannata per aver tenuto i reclusi in celle troppo piccole. La prima condanna risale al luglio del 2009 e riguardava un detenuto nel carcere di Rebibbia di Roma. Dopo questa prima sentenza l’Italia ha messo a punto il “piano carceri” che prevede la costruzione di nuovi penitenziari e l’ampliamento di quelli esistenti oltre che il ricorso a pene alternative.

La situazione nei penitenziari è disastrosa non solo per i detenuti, ma anche per la polizia penitenziaria. Costretta a dover vigilare su un numero enorme di carcerati. Stamattina trenta agenti si sono incatenati davanti al penitenziario di Poggioreale, con dietro uno striscione che lancia un grido d’allarme a Napolitano: “Il Sappe si appella al Capo dello Stato. Più rispetto per la polizia penitenziaria”.

“Protestiamo – spiega Donato Capece, segretario generale del sindacato – contro la disattenzione della politica e lo facciamo davanti a un carcere simbolo, il più sovraffollato d’Europa con 2.900 detenuti e solo 600 poliziotti, una vera polveriera. Gli agenti sono stremati, con abnegazione svolgono il servizio ma dicono basta. C’è bisogno di misure alternative e di una rivisitazione del sistema penitenziario con riforme strutturali, senza pannicelli caldi come l’indulto e l’amnistia ma un sistema sanzionatorio diverso”. E minaccia, in assenza di risposte, uno sciopero bianco: “Seguiremo alla lettera tutti i protocolli con grande fiscalità, in modo da rallentare servizi come il trasporto dei detenuti in tribunale o le visite dei parenti. Ci spiace per loro che ne subiranno le conseguenze ma vogliamo risposte”.

Sulla questione è intervenuta negli ultimi giorni anche Annamaria Cancellieri. “Le nostre carceri non sono degne di un paese civile”, ha detto il ministro della Giustizia alla commemorazione della strage di Capaci il 23 maggio scorso. A suo avviso, “per risolvere il problema non bastano nuove carceri, ma bisogna ripensare il sistema delle pene”. O forme detentive alternative come l’Isola dell’amore fraterno: un villone nell’agro romano, sull’Ardeatina, dove detenuti in attesa di giudizio vivono in maniera più umana la restrizione della libertà. “Un’esperienza da replicare” ha commentato il ministro durante la visita alla struttura (video). (27 maggio 2013)

.

fonte repubblica.it

PRINT – EMAIL – PDF

SCONVOLGENTE – Il fidanzato della sedicenne di Cosenza: l’ho bruciata ancora viva

https://i2.wp.com/www.net1news.org/sites/default/files/imagecache/Home_immagine_evidenza/fabiana_luzzi_734_x_430.jpg
Fabiana Luzzi, la sedicenne accoltellata e bruciata viva dal ‘fidanzatino’ Domenico Morrone – fonte immagine net1news.org

La confessione al termine di un lungo interrogatorio

Il fidanzato della sedicenne di Cosenza: l’ho bruciata ancora viva

“Era ancora viva quando le ho dato fuoco”. E’ la sconvolgente rivelazione fatta agli inquirenti dal sedicenne reo confesso dell’omicidio della fidanzata coetanea a Corigliano Calabro

Il luogo dove è stato ritrovato il corpo della ragazzaIl luogo dove è stato ritrovato il corpo della ragazza

.

Cosenza, 26-05-2013

“Era ancora viva quando le ho dato fuoco”. E’ la sconvolgente rivelazione fatta agli inquirenti dal sedicenne reo confesso dell’omicidio della fidanzata coetanea a Corigliano Calabro.

Il ragazzo ha raccontato i particolari dell’omicidio al pm della Procura di Rossano durante l’interrogatorio avvenuto nella notte. “Le ho dato una coltellata, Fabiana è morta e quindi ho deciso di bruciare il cadavere”.

E’ crollato ieri pomeriggio il sedicenne studente coriglianese accusato di avere ucciso e carbonizzato in un casolare abbandonato la fidanzatina Fabiana Luzzi, un anno piu’ giovane di lui, provando poi a nasconderne il cadavere in una vegetazione molto fitta poco lontana dal rudere. Ha raccontato tutto al termine di un lungo interrogatorio condotto dai carabinieri cittadini e dal pm di Rossano, Maria Vallefuoco, che lo ha sentito su delega della procura dei minori di Catanzaro. Magistrati e carabinieri lo hanno messo sotto torchio dopo averlo fatto tornare dal Centro grandi ustionati di Brindisi dove era stato trasportato venerdi’ sera, quando s’era presentato nell’ospedale di Corigliano con ustioni al volto e alle mani. Aveva raccontato ai medici d’essersele provocate sistemando lo scooter, ma gli investigatori, allertati dai sanitari, non ci avevano creduto, anche perche’ nelle stesse ore i genitori di Fabiana ne denunciavano la scomparsa poiche’ la quindicenne, che il 13 giugno ne avrebbe compiuti 16, non era tornata a casa dopo la scuola.

Ieri il sedicenne ha provato a depistare le indagini, spiegando d’essere stato aggredito da alcuni giovani, di cui ha pure indicato i nomi, per uno sgarro. Ma le verifiche immediatamente eseguite dai militari non hanno trovato riscontri alle sue parole. Cosi’ in serata, incastrato dalle evidenze e dalle contraddizioni della sua ricostruzione, ha raccontato tutto fornendo pure le indicazioni sul luogo, una contrada di campagna alla periferia di Corigliano, dove aveva abbandonato il corpo della povera Fabiana.

Il sedicenne ha raccontato d’esserla andata a prendere a scuola con lo scooter venerdi’ mattina per parlarle e chiarire l’ennesima lite provocata dal travagliato rapporto tra adolescenti che c’era tra loro. Poi, pero’, la situazione e’ degenerata arrivando al dramma nella stradina appartata poco lontano dall’istituto tecnico commerciale frequentato da Fabiana. Corigliano, paesone di 40 mila anione della costa ionica cosentina, stamattina ‘e’ svegliato sconvolto per quanto accaduto.

Fabiana, ultima di quattro figlie avute dal padre in due matrimoni, era conosciuta in paese, cosi’ come il suo fidanzatino. Gia’ ieri sera, quando sono cominciate e circolare le prime indiscrezioni su quanto successo, prima i compagni di scuola della ragazzina e poi anche altri cittadini s’erano radunati dinanzi alla caserma della compagnia carabinieri, ma il presunto assassino era gia’ stato trasferito in un altro luogo. Stamattina molta gente e’ assiepata dinanzi all’abitazione della ragazza.

Nella notte il sedicenne e’ stato sottoposto a fermo i polizia quale indiziato di delitto per omicidio volontario, ma non e’ escluso che le evidenze investigative possano portare a galla anche la premeditazione. Nelle prossime ore il provvedimento dovra’ essere confermato dal tribunale dei minori. Pare che nel primo pomeriggio di venerdi’, attorno alle 14:30, una compagna di Fabiana abbia incontrato il suo fidanzato, notandolo in uno stato alterato. Il ragazzo gli avrebbe chiesto dove fosse Fabiana.

.

fonte rainews24.it

PRINT – EMAIL – PDF

ROMA – Disoccupato ruba fette d’arrosto per sfamare il figlio: condannato a sei mesi di carcere (da scontare)

https://i1.wp.com/www.cilentonotizie.it/public/images/06042013_supermercato_01.jpg
fonte immagine cilentonotizie.it

Disoccupato ruba fette d’arrosto per sfamare il figlio: condannato a sei mesi

.

di Michela Allegri

.

Dovrà scontare sei mesi di carcere per essersi infilato dentro le tasche e sotto i vestiti una fetta d’arrosto, un pezzo di formaggio e una bottiglia d’olio. Ha rubato per fame , Filippo P., 34 anni e disoccupato, con una famiglia da mantenere e ridotto sul lastrico dalla crisi economica che nel 2010 gli ha fatto perdere anche l’ultimo lavoretto precario. Era già stato arrestato due settimane fa, per aver sottratto pane, latte e una confezione di prosciutto dagli scaffali di un supermercato. Un furto più che modesto: aveva arraffato quello che bastava per sfamare la sua famiglia, giusto per mettere qualcosa nel frigorifero di casa, e per dare da mangiare alla moglie e al figlio di quattro anni. Processato con rito direttissimo, Filippo era stato condannato a cinque mesi con la condizionale, e liberato con l’obbligo di firma.LA CATTURA
Due giorni fa, però, l’uomo è stato sorpreso di nuovo mentre tentava di uscire dal Conad di Corso Francia con una spesa di dieci euro non pagata e nascosta sotto la giacca. I vigilantes del supermercato lo hanno bloccato e hanno chiamato i carabinieri. Giunti sul posto i militari lo hanno arrestato con l’accusa di furto aggravato. Ieri mattina, Filippo è tornato sul banco degli imputati del tribunale di Roma, per la convalida dell’arresto e un nuovo processo per direttissima. Il giudice dell’ottava sezione penale, Fabio Mostarda, pur comprendendo il dramma personale dell’imputato, non ha comunque potuto fare altro che disporne la custodia cautelare in carcere. Filippo, difeso dall’avvocato Gianluca Arrighi, ha poi patteggiato una condanna a 6 mesi di reclusione che sconterà a Regina Coeli.

LA DIFESA
«Ho assunto gratuitamente la difesa – ha commentato l’avvocato Arrighi – perché ritengo che vi siano dei casi umani che noi penalisti non possiamo esimerci dall’accettare. Purtroppo negli ultimi anni i casi di persone che commettono furti di generi alimentari è aumentato in modo esponenziale. È ovvio che nulla giustifica la commissione di reati ma una cosa è rubare per arricchirsi e una cosa è rubare per mangiare. Il dato è allarmante e deve far riflettere su come i crimini siano spesso il riflesso dei malesseri della nostra società».

domenica 26 maggio 2013 – 12:12
.

B. ineleggibile, il Pd tace

https://i1.wp.com/data.kataweb.it/kpmimages/kpm3/eol/eol2/2013/05/17/jpg_2207287.jpg

B. ineleggibile, il Pd tace

Per legge il Cavaliere non può entrare in Senato perché concessionario di frequenze pubbliche. La giunta di Palazzo Madama ora deve applicare questa norma. Ma i parlamentari democratici chiamati a votare sono imbarazzati: «Non so, vedremo, devo leggere le carte». E la decisione potrebbe essere rinviata. Per sempre

.

di Luca Sappino

.

il capogruppo al Senato del Pd Luigi Zanda dice di sì all’ineleggibilità di Berlusconi e poi, sgridato da Enrico Letta, ci ripensa  . I senatori democratici membri della giunta per le elezioni si trincerano tutti, anche chi aveva firmato l’appello di ‘Micromega’, dietro al classico «devo leggere le carte», perché dal Pd, comunque vada, non arriverà alcuna indicazione. Non conviene e non serve: Berlusconi e il governo Letta sono già salvi.

Il tema si ripropone sempre uguale dopo ogni elezione: le concessioni pubbliche rendono Berlusconi ineleggibile? La risposta del Parlamento è sempre la stessa: no. Eppure Zanda, giovedì, aveva acceso le speranze di chi sostiene di sì: «Secondo la legge italiana – ha detto il senatore all’Avvenire – Silvio Berlusconi, in quanto concessionario, non è eleggibile. Ed è ridicolo che l’ineleggibilità colpisca Confalonieri e non lui».

L’entusiasmo è però durato un battito d’agenzia, perché dopo una telefonata del presidente del consiglio Enrico Letta e i rimproveri di alcuni colleghi di partito (Beppe Fioroni su tutti, in rima: «Una schermaglia al giorno leva il governo di torno»), Zanda ha corretto il tiro e precisato: «Da dieci anni esprimo una posizione personale, e non sarebbe serio cambiarla ora solo perché sono diventato capogruppo. Inoltre non faccio parte della giunta delle elezioni del Senato e quindi non voterò sull’ineleggibilità di Berlusconi». Insomma, sia chiaro che Zanda non parlava a nome del Pd. E, soprattutto, che la sua «è una posizione che non ha nulla a che vedere con la tenuta del governo Letta».

Proprio nulla, è vero. E il perché lo spiega ancora, candidamente, Beppe Fioroni: «I problemi di Formigoni e Berlusconi erano già noti a tutti quando abbiamo deciso di far parte di questo governo, e l’ineleggibilità non è nel programma approvato dalle Camere». Non solo. «Oltretutto – aggiunge Fioroni, chiudendo la polemica – ne abbiamo discusso per vent’anni, e Zanda era presente…». C’era Zanda, e infatti ricorda: «Non mi sfuggono i precedenti della Camera che ha già votato varie voltre sull’eleggibilità di Berlusconi». Non che questa, si badi, possa essere però una colpa imputabile al Pd: «Il Pd – chiarisce Zanda – non ha mai dato indicazioni di voto ai componenti della giunta, che hanno sempre scelto con la propria coscienza e con la propria testa».

Benissimo. E cosa decideranno questa volta? Le teste del Pd nella giunta sono otto, e tutte orientate dalla stessa parte, esclusa forse quella di Felice Casson, il più navigato, l’unico a dire di aver già deciso: «Conosco bene le carte e ho una mia posizione», dice il senatore che però non si espone, «per motivi di correttezza – precisa – preferisco non dire nulla prima che ci sia l’occasione per decidere sul tema».

Gli altri si dichiarano tutti impreparati. Doris Lo Moro, ad esempio, senatrice ed ex magistrato, con un passato nell’associazionismo antimafia di Libera subito premette, «Non mi aspetto alcuna indicazione dal gruppo», e poi aggiunge: «Che significa “voterà o no per l’ineleggibilità di Berlusconi? Questo è un tema serio e io lo affronterò senza pregiudizi».

E ‘senza pregiudizi’ vuole lavorare anche Claudio Moscardelli, senatore laziale: «Ci devo riflettere – dice – non ho ancora visto le carte». Le carte no, ma il dibattito pubblico procede da vent’anni: si sarà pur fatto un’idea? «A maggior ragione – spiega il senatore – la decisione non c’entra nulla con le opinioni politiche».

Il senatore Giorgio Pagliari, invece, che di mestiere fa il professore di diritto, parte deciso: «La questione politica del conflitto di interessi mi pare evidente, io ho anche firmato l’appello di ‘Micromega’». Benissimo, si dirà. Peccato che Pagliari, come i colleghi, tenga subito ad aggiungere: «Da membro della giunta, però, mi riservo di esaminare bene le carte».

Sì, perché tra firmare un appello ed esprimere un voto capace di far cadere il governo e terremotare la politica ce ne passa. Lo dice anche la senatrice Rosanna Filippin, segretaria del Pd Veneto, eletta alle primarie, e membro della giunta, che così si distingue dai colleghi con l’abitudine di firmare appelli: «Io ho troppo rispetto per il ruolo che ricopro. Non mi sembra opportuno sbilanciarsi prima di aver letto le carte, anche se si tratta di Berlusconi». Questo ovviamente, «quando e se – conclude la senatrice Filippin – ci troveremo a discuterene».

Quando e se? Esatto. Ed è ancora nelle parole di Beppe Fioroni, che vorrebbe mantenere la suspense, che si trova infatti la soluzione che eviterebbe ogni imbarazzo: «Ne parleremo – dice l’ex ministro – quando l’organo preposto affronterà la questione».

Il rischio è però che quel quando voglia dire mai. Due sono gli indizi: la giunta del Senato è l’unica a non essere ancora operativa, l’unica a non aver ancora eletto la propria presidenza, che pure dovrebbe arrivare martedì. E poi, il borsino degli equilibri di maggioranza lascia immaginare che la presidenza dovrebbe andare a leghista Raffaele Volpi, ben più gradito a Berlusconi di quanto sarebbero gli altri due pretendenti, il Cinque stelle Vito Crimi e il vendoliano Dario Stefano. Non vuol dire che, se dovesse esser sollevato il caso, non se ne parlerà mai, «ma la presidenza – spiega il senatore Casson – può certamente rimandare l’esame». Ancora.

.

.

fonte espresso.repubblica.it

PRINT – EMAIL – PDF

Francia, sì della Corte costituzionale alle nozze gay: prime unioni a giugno

https://i0.wp.com/www.csmonitor.com/var/ezflow_site/storage/images/media/content/2012/1108-support-gay-marriage-france/14257717-1-eng-US/1108-support-gay-marriage-france_full_600.jpg
fonte immagine csmonitor.com

Francia, sì della Corte costituzionale alle nozze gay: prime unioni a giugno

17 maggio 2013

.

Nella giornata mondiale contro l’omofobia, tre Stati europei prendono decisioni che riguardano i diritti delle coppie omosessuali. In Francia il Consiglio costituzionale ha dato il via libera alla legge sul matrimonio gay, approvata lo scorso 23 aprile dal Parlamento di Parigi. «La legge sui matrimoni fra persone dello stesso sesso è conforme alla Costituzione». A questo punto, i primi matrimoni potrebbero essere celebrati già nel mese di giugno. E arriverebbero dopo mesi di battaglia nelle piazze e nel Palazzo. Si chiude quindi una vicenda che dal novembre 2012, momento del varo del progetto di legge da parte del Consiglio dei ministri, ha diviso il paese come non accadeva da decenni. Contestato non il matrimonio – sul quale, secondo i sondaggi, è favorevole il 66% dei francesi – quanto l’automatico diritto all’adozione che porta con sé: il 53% della popolazione sarebbe contraria.

Nelle stesso ore in Belgio l’associazione per i diritti degli omosessuali Homoparentalites ha presentato oggi, per la prima volta in Europa, una proposta di legge per la maternità surrogata, meglio conosciuta come utero in affitto. La norma riguarderà eterosessuali, omosessuali e single. Previsto un rimborso spese per la gestante.

A Lisbona, invece, il parlamento portoghese ha adottato con una maggioranza di misura la proposta di legge che permette ai componenti di una coppia omosessuale di adottare i figli del congiunto. Altri due testi nei quali si accordavano a queste coppie un pieno diritto all’adozione sono stati bocciati. La legge è stata approvata in prima lettura da una maggioranza di 99 voti, con 94 voti contrari e 9 astensioni. Il testo prevede che «quando due persone dello stesso sesso sono sposate o vivono assieme in un’unione di fatto, e uno dei due esercita la responsabilità parentale su un minore, per filiazione o per adozione, anche il congiunto potrà adottare il minore». In Portogallo, ricorda l’agenzia svizzera Ats, l’adozione a titolo individuale è aperta a tutti, ma la legge che autorizza il matrimonio omosessuale, promulgata tre anni fa, esclude esplicitamente il diritto all’adozione per le coppie gay.

.

.

fonte ilsole24ore.com

PRINT – EMAIL – PDF

Anonymous, arresti in tutta Italia

https://i2.wp.com/www.rainews24.it/ran24/immagini/2011/07/anonymous_280xFree.jpg

Operazione in corso

Anonymous, arresti in tutta Italia

.

Roma, 17-05-2013

Un’operazione con arresti e perquisizioni contro presunti appartenenti ad Anonymous e’ in corso in tutta Italia da parte degli uomini della polizia postale. Le indagini sono coordinate dalla procura di Roma.

Nell’ambito dell’operazione ”Tango Down” il personale del Cnaipic (Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche) della Polizia Postale e delle Comunicazioni sta eseguendo in tutta Italia diverse perquisizioni e misure cautelari, alcune delle quali, gia’ eseguite, nei confronti di un’ associazione per delinquere composta da hacker che, ”celandosi dietro il nome di ”Anonymous” ed approfittando della notorieta’ del movimento, era dedita alla commissione di attacchi nei confronti dei sistemi informatici di infrastrutture critiche, siti istituzionali ed importanti aziende”.

Sarebbero responsabili anche degli attacchi ai siti del governo, del Vaticano e del Parlamento, gli hacker arrestati stamani. In particolare, sono quattro i provvedimenti di arresto ai domiciliari, mentre sono una decina le perquisizioni eseguite. Secondo le indagini, i quattro arrestati facevano parte del movimento di Anonymus e ne sfruttavano il logo per interessi personali.

Secondo gli inquirenti i 4 sarebbero responsabili di vari attacchi informatici ad alto livello. Sulla base delle indagini coordinate dalla Procura di Roma, gli inquirenti hanno ricostruito il ruolo degli hacker arrestati: per le loro capacità erano stati identificati con il vertice di Anonymous, mentre in realtà approfittavano della notorietà del movimento per perseguire propri interessi in un certo senso ‘tradendo’ la causa. Sav

.

fonte rainews24.it

PRINT – EMAIL – PDF

L’Aquila, il giudice: “Il terremoto poteva essere previsto”

https://i2.wp.com/static.sky.it/static/contentimages/original/sezioni/tg24/cronaca/2013/05/16/aquila_casa_studente.jpg

L’Aquila, il giudice: “Il terremoto poteva essere previsto”

Depositate le motivazioni di condanna di 4 tecnici per il crollo della Casa dello studente nel 2009. Per il gup Grieco “hanno ignorato tutte le prescrizioni”. Il sismologo Boschi: “I sismi non si prevedono, ma gli edifici crollano se costruiti male”

16 maggio 2013

.

Il terremoto dell’Aquila che ha portato al crollo tra gli altri della Casa dello studente “non era affatto imprevedibile”. E’ quanto sostiene il giudice del tribunale dell’Aquila Giuseppe Grieco nelle motivazioni sulla sentenza di condanna di 4 imputati e assoluzione di altrettanti, depositate oggi 16 maggio. Sulla scorta delle indicazioni tecniche, per Grieco il sisma poteva essere previsto “essendosi verificato in quello che viene definito periodo di ritorno, vale a dire nel lasso temporale di ripetizione di eventi previsto per l’area aquilana”. Periodo che, scrive citando il consulente Luis Decanini, è stato indicato in circa 325 anni dall’anno 1000″. Inoltre, “si è trattato di un terremoto certamente non eccezionale per il territorio aquilano e assolutamente in linea con la sismicità  storica dell’area”.

Secondo il gup del Tribunale dell’Aquila Giuseppe Grieco, inoltre, nella vicenda del crollo della ‘Casa dello studente’ i tre tecnici condannati per il crollo che si occuparono dei restauri del 2000 hanno “colpevolmente e reiteratamente ignorato tutte le prescrizioni”. Per quanto attiene invece al tecnico dell’Azienda per il diritto allo studio che gestisce l’immobile, Pietro Sebastiani, condannato a due anni e mezzo, il giudice ha rilevato che lo stesso “non ha provveduto a fare il collaudo statico dell’immobile”. Nella vicenda  della Casa dello studente avvenuta in occasione del sisma del 6 aprile 2009 morirono 8 giovani. Per tutti gli imputati l’accusa è di omicidio colposo, disastro colposo e lesioni colpose.

“I terremoti non sono scientificamente prevedibili”, nel giorno e nel momento in cui possono accadere, “ma, quando accade un terremoto, gli edifici crollano se non sono costruiti con i criteri antisismici”. E’ commento alle motivazioni del giudice del il sismologo Enzo Boschi, intervistato dall’Adnkronos. “I terremoti provocano vittime perché gli edifici sono  costruiti male, ed è un antico problema” aggiunge Boschi.
“Questa sentenza non riguarda il mio processo”, andato a sentenza il 22 ottobre scorso, “per il quale siamo ricorsi in appello” precisa l’ex presidente dell’Ingv. “I terremoti non sono prevedibili ma gli edifici possono venire giù anche senza scosse di terremoto, solo perché sono costruiti male” ribadisce lo scienziato.

.

fonte tg24.sky.it

PRINT – EMAIL – PDF

Zanda: Berlusconi ineleggibile. Ira Pdl: «Così governo a rischio». Sì del M5S

https://i2.wp.com/www.antoniodipietro.it/wp-content/uploads/2013/03/berlusconi-ineleggibile.jpg
fonte immagine antoniodipietro.it

Zanda: Berlusconi ineleggibile. Ira Pdl: «Così governo a rischio». Sì del M5S

Brunetta: il capogruppo Pd vuole far cadere il governo

.

ROMA – Alta tensione fra Pd e Pdl sulla giustizia, su Silvio Berlusconi e sulle intercettazioni.

A rinvigorire la polemica oggi è un’intervista del capogruppo del Pd al Senato Luigi Zanda, in cui l’esponente democrat sostiene l’ineleggibilità del Cavaliere «in quanto concessionario» e ribadisce il no del suo partito alla nomina a senatore a vita del Cavaliere. Insorge subito il Pdl («Così il governo è a rischio»), mentre il Movimento 5 stelle afferma si dice pronto fin da subito a «votare l’ineleggibilità di Berlusconi».

«Secondo la legge italiana Silvio Berlusconi, in quanto concessionario, non è eleggibile. Ed è ridicolo che l’ineleggibilità colpisca Confalonieri e non lui», ha sottolineato il capogruppo del Pd in una intervista ad Avvenire dove esprime il no del Pd a una eventuale nomina del leader del Pdl a senatore a vita. «In sessantasette anni di Repubblica non è mai stato nominato nessun senatore a vita che abbia condotto la propria vita come l’ha condotta Berlusconi. Non credo che debba aggiungere altro», afferma Zanda.

Sulla giustizia «abbiamo un’occasione: riformiamo il sistema e poi, a fine percorso, potremo discutere sul serio anche di amnistia e di indulto», che «hanno un senso solo se sono legate a misure strutturali», afferma ancora Zanda, che chiede anche a Formigoni di lasciare la presidenza della Commissione Agricoltura, rilancia il tema dell’ineleggibilità di Berlusconi – «in quanto concessionario» – e dice di non condividere la partecipazione dei ministri Pdl alla manifestazione di Brescia. Zanda premette che «la lealtà» del Pd «a questa strana coalizione è fuori discussione» ma l’ambizione del partito è anche quella di «conservare» il proprio «profilo politico».

Poi sul tema delle riforme sottolinea che le intercettazioni «vanno certamente mantenute» in quanto «strumento essenziale per le indagini» e che «una modifica della legge che oggi le regolamenta non fa parte del programma di governo». Quel che va sanzionato, aggiunge, «è la loro diffusione impropria». Inoltre, prosegue, «i membri del governo non devono scendere in piazza contro la magistratura dimenticandosi della divisione dei poteri. Ma anche la magistratura deve avviare una riflessione profonda».

Zanda auspica che sia chiesto alla politica in primis di non violare la legge: «Sto pensando a Roberto Formigoni», eletto alla Commissione anche «con il nostro voto». «Poichè dopo essere stato eletto è arrivata però una richiesta di rinvio a giudizio con due imputazioni gravi», «penso che dovrebbe prenderne atto e, responsabilmente, rinunciare alla presidenza della commissione».

«Le affermazioni del senatore Luigi Zanda Loy sono irricevibili. Del resto, Zanda Loy aveva già espresso questo suo convincimento il 20 marzo scorso, dichiarando: “sono pronto a votare l’ineleggibilità di Berlusconi”. Ma erano altri tempi, quando il Pd flirtava con i grillini», commenta Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl. «Oggi c’è un governo di grande coalizione in cui Pd e Pdl sono alleati. Evidentemente Zanda Loy vuol far cadere questo governo. Di certo è inaccettabile e irresponsabile che il capogruppo di un partito di coalizione pretenda l’ineleggibilità del leader del maggior partito alleato», conclude.

«L’intervista del presidente Zanda su “Avvenire” non facilita il compito del governo Letta. Spiace che il capogruppo del Partito Democratico torni a ribadire, dopo averlo già fatto a inizio legislatura, la sua opinione personale sull’ineleggibilità del presidente Berlusconi, contraddicendo i pronunciamenti più volte espressi dalla competente giunta parlamentare in materia. Ma ancor di più resto sorpreso di fronte alla sua volontà di giudicare la vita altrui in maniera così superficiale, esprimendo una valutazione morale francamente inopportuna». Lo dice il presidente dei senatori del Pdl Renato Schifani. «In spregio per di più alla decisione di 10 milioni di italiani, che ritengono il presidente Berlusconi degno di un vastissimo consenso. Così facendo, spiace constatarlo – conclude Schifani – non si aiuta il processo di pacificazione in atto e si rischia di porre dei paletti invalicabili alla riuscita dell’esecutivo».

«L’arroganza dei toni usata dal capo gruppo del Pd al Senato Zanda in un’intervista all’Avvenire contrasta fortemente con il clima di pacificazione che ci siamo imposti. Una cosa è collaborare per superare le emergenze, un’altra sottostare a espressioni che rasentano l’insulto. Nei confronti del governo il Pdl ha preso un impegno chiaro che intende mantenere. Ma non per questo è disposto a tollerare ingerenze da parte del Pd, i cui rappresentanti spesso pontificano in nome di una presunta superiorità morale che in realtà non hanno». Lo dice il vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri.

«Le dichiarazioni del senatore Zanda sono gravi e stupefacenti, non solo nel merito, ma anche perchè confermano che da parte del Pd, per bocca del presidente del gruppo senatoriale, non vi è la volontà di perseguire una pacificazione bensì di alimentare ulteriormente uno scontro politico acceso fino a limiti finora mai superati, nel mentre dovremmo collaborare intensamente e con reciproco rispetto per sostenere un governo nel pieno di una drammatica crisi economica». Così il coordinatore del Pdl Sandro Bondi, commenta l’intervista a Avvenire del capogruppo del Pd al Senato in tema di ineleggibilità di Berlusconi e sulla necessità che Formigoni lasci l’incarico di presidente di commissione.

«Con tutto il rispetto, non spetta né a me né a Zanda decidere su chi deve fare il senatore a vita», dice Nicola Latorre, senatore del Pd oggi a Un Giorno da Pecora.

«Il Movimento 5 Stelle prende in parola le dichiarazioni del capogruppo del Pd al Senato Luigi Zanda. Siamo pronti a sostenere e votare nelle apposite sedi, l’ineleggibilità del senatore Berlusconi, così come a contrastare politicamente la sua elezione a senatore a vita. La nomina di Berlusconi senatore a vita sarebbe un affronto al Paese e al rispetto delle leggi», sottolinea il capogruppo 5 stelle al Senato Crimi in una nota. «Il M5S dal primo giorno di questa legislatura ha posto il tema dell’ineleggibilità di Berlusconi e dei suoi legali inrelazione alla legge sul conflitto d’interessi del 1957. Si passi dalle parole ai fatti. Nella prima riunione della Giunta per le elezioni, convocata per martedì – prosegue – si metta immediatamente all’ordine del giorno l’ineleggibilità di Berlusconi. Il Movimento 5 Stelle è pronto a fare la sua parte e votare a favore del rispetto delle leggi e dichiarare Berlusconi ineleggibile», conclude il parlamentare.

Giovedì 16 Maggio 2013 – 12:47
Ultimo aggiornamento: 18:31

.

fonte ilmessaggero.it

PRINT – EMAIL – PDF

Palermo, scoperta una centrale del riciclaggio 34 arresti, in manette anche un giudice del Tar

Palermo, scoperta una centrale del riciclaggio 34 arresti, in manette anche un giudice del Tar

Il tributarista Gianni Lapis, già prestanome della famiglia Ciancimino

Palermo, scoperta una centrale del riciclaggio
34 arresti, in manette anche un giudice del Tar

Un infiltrato della Finanza nella rete di insospettabili che ripuliva soldi sporchi. Arrestati il tributarista Gianni Lapis, ex prestanome della famiglia Ciancimino, e un magistrato in servizio al Tribunale amministrativo regionale del Lazio che utilizzava il suo ufficio per incontrare i mediatori d’affari. In manette anche due sottufficiali dei carabinieri

.

di SALVO PALAZZOLO

.

Ci sono voluti mesi per entrare nelle grazie dei manager del riciclaggio, fra mail anonime, collegamenti Skype, e appuntamenti nei luoghi più impensati. Ma, alla fine, l’agente sotto copertura  –  un ufficiale della Guardia di finanza – è riuscito ad accreditarsi in quel paludoso mondo di insospettabili faccendieri. C’era anche un giudice del Tar Lazio nella grande rete del riciclaggio che gestiva in modo illegale il cambio di grosse quantità di valuta straniera: Franco Angelo Maria De Bernardi è stato arrestato questa mattina, riceveva faccendieri e intermediari d’affari addirittura nel suo ufficio romano, lì riteneva di essere al sicuro da intercettazioni, e invece i suoi movimenti sono stati seguiti dalla Procura di Palermo e dal nucleo speciale di polizia valutaria della Finanza diretto dal generale Giuseppe Bottillo.

Sono 34 le ordinanze di custodia cautelare scattate questa mattina, all’alba: 22 in carcere e 12 ai domiciliari. Sono state eseguite in tutta Italia. Secondo la ricostruzione dell’accusa, il principale mediatore del gruppo stava a Palermo, adesso è in carcere. Si tratta dell’avvocato tributarista Gianni Lapis, già condannato per essere stato uno dei principali riciclatori del tesoro di Vito Ciancimino, l’ex sindaco di Palermo vicino ai boss. Nel blitz della Finanza sono finiti anche due sottufficiali dei carabinieri in servizio a Roma, avrebbero avuto un ruolo nelle complesse operazioni finanziarie che puntavano non solo a ripulire soldi sporchi, ma a commercializzare in modo illegale oro che arrivava dal Ghana. Ai domiciliari è andato un funzionario della Regione Siciliana, Leonardo Di Giovanna, in servizio al settore Beni e servizi. L’accusa contestata, a vario titolo, è quella di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio.

Questa indagine è una delle ultime coordinate dall’ex procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, prima della partenza per l’incarico Onu in Guatemala. A condurla è stato un pool di magistrati, composto da Lia Sava (da qualche settimana procuratore aggiunto a Caltanissetta), Dario Scaletta e Daniele Paci. L’inchiesta ha scoperto che i mediatori incassavano il 5 per cento su ogni operazione di riciclaggio andata a buon fine. E’ rimasto il giallo sull’origine dei soldi sporchi che dovevano essere ripuliti. All’infiltrato fu detto che una parte di quei soldi avevano “natura politica”, sarebbero state tangenti versante ai politici fra il 1986 e il 1988.  (16 maggio 2013)

.

fonte repubblica.it

PRINT – EMAIL – PDF

Intercettazioni, l’ossessione di B.

https://i0.wp.com/data.kataweb.it/kpmimages/kpm3/eol/eol2-extra/2013/03/20/jpg_2203052.jpg

Intercettazioni, l’ossessione di B.

Il ddl Alfano per limitare l’uso delle conversazioni telefoniche nelle indagini torna a sorpresa al centro del dibattito politico, ripresentato dal capogruppo alla commissione giustizia del Pdl che lo definisce una ‘priorità’ del suo partito. E un’epoca che sembrava chiusa improvvisamente ribussa alla porta

https://i0.wp.com/data.kataweb.it/kpmimages/kpm3/eol/eol2/2013/05/15/jpg_2207107.jpg

.

di Susanna Turco

.

Al solo sentirne di nuovo l’odore, i parlamentari che s’occupavano di giustizia già nella scorsa legislatura, si sono come tarantolati. Quelli di centrodestra per l’eccitazione, quelli di centrosinistra per il disgusto. E c’è da capirli, tutti: intercettazioni, basta la parola. E resuscita pure Antonio Di Pietro, rimasto fuori dal Parlamento e dunque ancora più pronto a dir subito: “legge bavaglio”. Legge ad personam. Quei termini , e quel progetto di legge, rappresentano per molti versi il simbolo di una (micro) epoca, che si chiuse nel novembre 2011 con la caduta del governo Berlusconi: un’epoca che però adesso ribussa alla porta, a quanto pare.

Tirando di nuovo i fili del teatrino del Cavaliere rampante che fu, forse. Facendo fare a tutti un balzo all’indietro: di secoli, per quel che riguarda l’eventuale “pacificazione” tra i partiti. E’ infatti tutto ancora molto vago (gli uffici della Camera non hanno per ora in mano un testo), eppure l’indicazione data da Enrico Costa, capogruppo del Pdl in commissione giustizia in questa legislatura ( così come nella scorsa), di voler ripresentare il ddl Alfano, e di volerlo inserire nel calendario dei lavori come una “priorità” del Pdl (“ma quale priorità”, replica il Pd), autorizza a pensare – per lo meno – che quelle tentazioni che parevano superate, dalle parti di Arcore son sempre vive, vive come sempre. Alla faccia della crisi economica, dei governi Monti e Letta, dei pensionati dei precari e della legge elettorale, dei dieci saggi e dei centocinquanta grillini: riformare le intercettazioni, quella sì che è una priorità. Il ddl Alfano infatti era quel testo che, giusto agli albori del quarto governo Berlusconi, l’allora ministro della Giustizia presentò nel 2008 avendo avuto dal Cavaliere l’indicazione precisa di stroncare l’eccessivo utilizzo degli ascolti da parte dei pm. E fedelmente, il Guardasigilli allora indicato come “segretario” solo in senso dispregiativo (l’altro nomignolo: “cameriere”), in quel testo aveva realizzato i desiderata del capo. Vietate tutte le intercettazioni se non per ipotesi di reato gravi, o legate a indagini su mafia e terrorismo. Pubblicabili? Mai, almeno fino all’udienza preliminare.

E ora, appunto, non è ancora chiaro se proprio di questo testo si parli, o degli svariati successivi frutto di bracci di ferro, strappi e compromessi. Perché poi il ddl Alfano ha fatto tanta strada che ci si potrebbe scrivere una tesi di laurea. Con dibattiti di mesi su quanto dovessero essere “gravi” oppure “evidenti” (invece che solo “sufficienti”) gli “indizi” di “colpevolezza” o di “reato” per poter disporre intercettazioni, discussioni infinite su quanti giorni di ascolti si potessero concedere ai magistrati (15, 30,40, 60, rinnovabili, non rinnovabili), guerre sulla lista dei reati per i quali fosse possibile utilizzare lo strumento, e via così, fino al punto centrale di stabilire se e quando le intercettazioni potessero diventare pubblicabili e in che forma narrativa (per concetti, per riassunto, per dialogo), quanto alte le multe per gli editori, se fosse necessario o no prevedere il carcere per i giornalisti. Litigi durati per quattro lunghi anni, che contribuirono grandemente al divorzio tra Berlusconi e Fini e, in sostanza, allo sfarinarsi della maggioranza di Arcore. Mentre, in parallelo, dalle indagini della magistratura (da Ruby alla P3, dalle olgettine alla risata sul terremoto de L’Aquila) diveniva palmare quale interesse avesse il Cavaliere (e il suo demi-monde) a stroncare la possibilità di mettere sotto controllo i telefoni.

Alla fine, non va dimenticato, per lui la storia finì male. Ed è per questo che adesso se ne riparla. A metterci il sigillo, suo malgrado, fu sempre Alfano . Dopo una faticosissima approvazione sia della Camera (11 giugno 2009) che del Senato (10 luglio 2010), il testo ritornò a Montecitorio, dove il Pdl doveva però venire a patti con il costituendo gruppo dei finiani. E pur di trovare un accordo con l’allora presidente della commissione Giustizia Giulia Bongiorno, il Guardasigilli – oggi vicepremier – si piegò a un compromesso tecnico-politico che però al Cavaliere faceva, né più né meno, orrore. Risultato strabiliante: fu lo stesso Berlusconi che, non avendo più la forza politica di cambiarlo, lasciò nelle secche il provvedimento, pur giunto a un passo dal traguardo (l’Aula della Camera arrivò a esaminare gli articoli, in terza lettura, nell’ottobre 2011).

E adesso, con la legislatura nuova nuova, ci riprova. Forse perché sente di nuovo caldo il fiato sul collo dei magistrati. Forse perché, come dice il Pd Felice Casson, “punta allo scontro”. Forse solo perché è naturale che lo faccia, visto che considera quella riforma una cosa buona e giusta. Anche i dieci saggi nominati da Napolitano hanno parlato della necessità di ridurre le intercettazioni. E, d’altra parte, non è ancora chiaro – al di là delle polemiche che sono montate subito fortissime – con quanta foga il Pdl voglia in concreto riprendere il cammino di quella legge. Lo stesso Costa, infatti, ha detto di aver ripresentato di “routine” “tutti i progetti di legge della scorsa legislatura”, e di volere una “priorità” per quelli approvati almeno da un ramo del Parlamento. Ma, appunto, nel caso delle intercettazioni il testo iniziale (quello gradito a Berlusconi) è tutt’altra cosa dal testo finale (quello schifato da Berlusconi). E questa micro epoca appare tutta diversa dalla precedente. Chissà se davvero il Cavaliere, da solo, sia rimasto lo stesso: oggi sembra di sì.

.

fonte espresso.repubblica.it

PRINT – EMAIL – PDF