archivio | ricorrenze RSS per la sezione

Emanuela Orlandi, il vero, il falso e il verosimile

https://i0.wp.com/www.ilgazzettino.it/MsgrNews/HIGH/20130419_emanuela-orlandi-flauto1.jpg
fonte immagine ilgazzettino.it

Emanuela Orlandi, il vero, il falso e il verosimile

.

di | 9 maggio 2013

.

Il ritorno della “ragazza con la fascetta”, con il suo carico di misteri catacombali, messaggi cifrati, teschi, flauti e ciocche di capelli, riaccende fasci di luce su una Roma underground, melmosa, oscura. Una Roma criminale che non si è mai redenta, semmai ha normalizzato il suo intreccio con i poteri. Sono passati 30 anni dalla scomparsa di Emanuela Orlandi, la tragedia è mutata in farsa, la realtà in fiction. Difficile ormai distinguere il vero, il falso e il verosimile. L’ultimo testimone si è fatto avanti consegnando un flauto, del tutto identico a quello che usava la ragazzina, ai giornalisti di Chi l’ha visto, la trasmissione di Federica Sciarelli che otto anni fa ha condotto gli investigatori sulle tracce dei segreti di Sant’Apollinare, dove per 20 anni fu sepolto Enrico De Pedis, il boss della Banda della Magliana, la stessa chiesa che Emanuela frequentava per seguire un corso di musica. Ora, attraverso lo stesso canale televisivo, lo scenario viene capovolto.

Marco Fassani Accetti, fotografo che usa l’immagine per trasmettere oscuri segnali su bambini rapiti, ragazze sepolte nella sabbia o ricomposte in una bara, uomo di cinema, si mostra molto informato. Dice di aver fatto parte di “una lobby di controspionaggio” che agiva tra opposte fazioni vaticane, batte su temi come “la gestione dello Ior, i finanziamenti a Solidarnosc, le nomine”, rivendica alcune telefonate anonime, decritta i codici usati dai rapitori (153, il numero della linea variando l’ordine indicherebbe la data dell’attentato a Wojtyla, 13 maggio). Ma insiste nel dire che fu un “sequestro bluff”. Come quello di Mirella Gregori. Le due, racconta, ora sarebbero a Parigi dove vivono felici e contente. Storiella vecchia, cui non crede più nessuno e quasi svaluta il portato di altre più interessanti rivelazioni.

L’unico dato certo è che M.F.A, sei mesi dopo la scomparsa di Emanuela, ha investito con la sua auto, uccidendolo, un ragazzino di 12 anni, figlio di un diplomatico dell’Uruguay lungo la Pineta di Castelporziano. Dove lui casualmente si trovava e dove non doveva invece trovarsi il minore, uscito di casa all’Eur per andare dal barbiere. Fu condannato soltanto per omicidio colposo, l’accusa di sequestro inizialmente ipotizzata si è persa tra i fascicoli e forte di questa definitiva sentenza può dire ormai quel che gli pare. In quel periodo adescava ragazzini, maschi e femmine, con l’esca di servizi fotografici. Il set su cui si muoveva era limitrofo a quello del sequestro Orlandi, di cui egli stesso si autoaccusa ma in ruolo marginale. Difficile capire se i suoi racconti, come le sue foto, nascano da deliri onirici o se qualcuno, conoscendo i suoi segreti, lo stia manovrando.

Magari per far archiviare un’inchiesta, che ha impegnato generazioni di magistrati e servizi segreti, e che vede al centro il Vaticano, la mafia e quant’altro. Il procuratore aggiunto Capaldo teme una nuova campagna di intossicazione. Allo scadere dei 30 anni, meno di due mesi, deve dimostrare che Emanuela fu uccisa se non vuole che cali il silenzio della prescrizione. La trama ricostruita finora si fonda sul racconto di Sabrina Minardi, sventurata amante di De Pedis. Quel Renatino che avrebbe sequestrato Emanuela, per poi farla uccidere e gettare in un pilone di cemento, su consiglio del vescovo americano Marcinkus. Così “chi doveva capì capiva”. Uno che doveva capire era Wojtyla, in effetti il Papa polacco capì al volo e rivelò ciò che doveva restare segreto, durante l’ora dell’Angelus: Emanuela era stata rapita, non era una “scappata di casa”. Il contrario di quanto oggi afferma M.F.A.

Sullo sfondo i soldi dei boss riciclati nello Ior, il crac dell’Ambrosiano, la caduta del Muro di Berlino, insomma la prima trattativa tra mafia e poteri della storia d’Italia, con corollario di ricatti e omicidi a partire da Roberto Calvi. Protostoria di altre future tragedie, che ho cercato di ricostruire nel mio libro Storie di alti prelati e gangster romani, sfrondando il sequestro Orlandi da ogni ammiccamento. Ma se quanto racconta M.F.A dovesse rivelarsi vero dovremmo ricrederci. Tutto precipita nella piccola storia di un potenziale serial killer, finora in realtà morboso “guardone” che aveva il torto di girare negli ambienti sbagliati. Un canovaccio utilizzato da altri per costruire il “grande ricatto”? Chissà. Ieri è iniziata la perizia sul flauto, se fosse quello vero dimostrerebbe che l’obliquo testimone ha in mano prove concrete. A favore di chi o contro chi? Magari anche stavolta “chi deve capire capisce”.

(autrice del libro: Storia di alti prelati e gangster romani, Fazi editore 2009)

.

fonte ilfattoquotidiano.it

PRINT – EMAIL – PDF

Shoah, Napolitano: fascismo regime infame, reagire a revisionismo

Caro Napolitano. anti-ebraismo e anti-sionismo sono due cose molto, ma molto differenti. Si informi.
https://i1.wp.com/www.ilmessaggero.it/MsgrNews/MED/20130129_napolitano.jpg

Shoah, Napolitano: fascismo regime infame, reagire a revisionismo

Il monito del Capo dello Stato per la Giornata della memoria: «Reagire a negazionismo e revisionismo»

.

ROMA – «Il neonazismo riceverà una dura risposta dallo Stato». L’avvertimento, dopo le polemiche nate nei giorni scorsi dalle dichiarazioni di Silvio Berlusconi sul fascismo, arriva dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano, in occasione del discorso tenuto al Quirinale nel corso della cerimonia per la Giornata della Memoria della Shoah. Il presidente della Repubblica esprime anche un giudizio netto sul ventennio di dittatura: in Italia «ormai c’è consapevolezza dell’aberrazione introdotta dal fascismo con l’antisemitismo» e «dell’infamia delle leggi razziali del 1938», dice.

«Propagande aberranti».
«Tenere alta la guardia, vigilare e reagire contro le persistenti e nuove insidie di negazionismo e revisionismo magari canalizzate attraverso la Rete», è il monito lanciato dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. «In Italia – ha sottolineato Napolitano – propagande aberranti si traducono in diverse città in fatti di violenza e contestazione eversiva da parte di gruppi organizzati», come quelli su cui è intervenuta nei giorni scorsi la Procura di Napoli. Quelle che definisce «mostruosità», come le ventilate «distruzione di un negozio ebreo e aggressione e stupro di una studentessa ebrea», su cui indaga la Procura di Napoli, «anche se solo enunciate, sollecitano la più dura risposta dello Stato e la più forte mobilitazione di energie nelle scuole, nella politica, nell’informazione, a sostegno degli ideali democratici».

«Paccottiglia ideologica».
«C’è da interrogarsi con sgomento sia sul circolare, tra giovani e giovanissimi, di una miserabile paccottiglia ideologica apertamente neonazista – ha detto con forza Napolitano – sia sul fondersi di violenze di diversa matrice, da quella del fanatismo calcistico a quella del razzismo innanzitutto antiebraico». «Mostruosità – ha aggiunto il presidente – che sollecitano la più dura risposta dello Stato e la più forte mobilitazione di energie».

«Rifiuto intransigente dell’antisionismo».
È necessario ribadire il «rifiuto intransigente e totale dell’antisemitismo in ogni suo travestimento ideologico come l’antisionismo», ha poi sottolineato Napolitano. «In gioco – ha aggiunto – non è solo il rispetto della religione e cultura ebraica», ma anche il riconoscimento delle ragioni «della nascita dello Stato di Israele e del suo diritto all’esistenza e alla sicurezza». In proposito il Capo dello Stato ha espresso «solidarietà» con lo Stato di Israele contro ogni «minaccia di distruzione» compresa quella iraniana, ma anche «libertà di giudizio sulle linee di condotta» delle forze politiche che «via via governano Israele».

«Solidarietà a Israele».
«Giudizi critici non possono essere considerati ostili, purché formulati con il rispetto dovuto a ogni governo legittimo di qualsiasi paese amico» e purché «non sfocino in posizioni equivoche» sulla natura e sul futuro dello Stato di Israele, ha aggiunto Napolitano. Il Capo dello Stato – che ha ricordato il presidente israeliano Shimon Peres come «autentico amico che stimo» – ha quindi voluto assicurare «agli amici israeliani» che questi «punti fermi» sono «ormai consolidati nell’opinione e nella consapevolezza politica del Paese» e che non conosceranno «nessun affievolimento nel prossimo futuro: la loro continutà è garantita» anche dalle future maggioranze parlamentari e governi.

Martedì 29 Gennaio 2013 – 12:15
Ultimo aggiornamento: 13:10
.

NAPOLITANO, GIU’ LE MANI DALL’EMILIA – Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

 Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

.

 Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

Doriana Goracci


listen it it Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

.

terremoto emilia romagna anteprima 600x398 670632 anteprima 600x398 677962 Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

16 morti, 350 feriti, 8000 sfollati in poche ore e si ciancia ancora del 2 giugno che s’ha da fare. Il 2 giugno, e mi rivolgo a coloro che portano le figliolanze  a Piazza Venezia  a vedere non so cosa, lasciamoli SOLI  a farsi la parata e le commemorazioni.

 Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

Abbiamo nella giornata di oggi inviato decine di migliaia di mail al Quirinale, come suggerito da privati cittadini, movimenti e gruppi  su Facebook,  il sito E il mensile… “Egregio Presidente Giorgio Napolitano Lei ha chiesto ai giovani di aprire porte e finestre, anche qualora le trovassero chiuse. Le chiediamo con tutto il rispetto di dare l’esempio: apra porte e finestre alla solidarietà; trasformi il 2 giugno da festa della Repubblica militare a festa della Repubblica solidale. Annulli la parata, che l’anno scorso era costata 4,4 milioni di euro e che secondo il ministero della Difesa quest’anno costerà quasi 3 milioni di euro. Quei denari siano investiti in opere di solidarietà con la popolazione stremata dal terremoto e quei contingenti chiamati a sfilare vengano utilizzati nelle zone bisognose di aiuti.Grazie con tutto il cuore”.

 Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

“La campagna Sbilanciamoci! chiede l’immediata cancellazione della parata militare del 2 giugno e la destinazione dei milioni risparmiati per la sua organizzazione alle popolazioni colpite dal terremoto in Emilia Romagna. La richiesta della cancellazione della parata militare era stata fatta da Sbilanciamoci già nelle settimane scorse. Dopo il grave terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna questa richiesta acquista maggiore importanza. Con gli stessi soldi spesi per la parata militare si possono garantire, nella prossima settimana, i soccorsi di emergenza (tende, viveri, medicinali, ecc) ad oltre 5mila persone. È irresponsabile spendere tanti soldi per far sfilare carri armati e blindo, mentre gli stessi fondi potrebbero essere investiti per aiutare le popolazioni. La Repubblica va celebrata aiutando chi ora soffre a causa del terremoto e non sfoggiando armi e mezzi militari. Va sospesa la parata, ma vanno tagliate anche le spese militari: è questo il senso di Economia a mano armata. Dossier sulle spese militari 2012 che la campagna Sbilanciamoci! presenterà il prossimo 4 giugno alle ore 11.00, presso la sala conferenze della Fondazione Basso – Roma, via della Dogana Vecchia 5 -”
no agli   f35 Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate
Dopo le 19 è arrivata la risposta:

“Celebreremo sobriamente il 2 giugno ma lo dedicheremo alla memoria delle vittime, al dolore delle famiglie e anche a momenti di scoramento che devono essere superati. Lo celebreremo perchè  la Repubblica deve dare conferma della sua vitalità, forza democratica, serenità  e fermezza con cui affronta le sfide”. Lo afferma il capo dello Stato Giorgio Napolitano…
italia unita giorgino Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

554718 467244076635406 154141837945633 1766313 451112127 n Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate


582377 467251056634708 154141837945633 1766324 1559098390 n Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate

Una pagina facebook Partigiani del Terzo Millennio ha messo una foto antica e vera del 1976, con questa didascalia: “La parata militare del 2 giugno, quest’anno, non si svolgerà. Lo ha comunicato il ministro della difesa Forlani, con una nota ufficiale. La decisione è stata presa a seguito della grave sciagura del Friuli e per far si che i militari e i mezzi di stanza al nord siano utilizzati per aiutare i terremotati anziché per sfilare a via dei Fori imperiali  Roma, 11 maggio 1976″

Non  contate sulla nostra pazienza nei vostri confronti.
image h partb Il 2 giugno? Lasciamoli soli con le loro sobrie parate
Sobrio dunque cosa? Non insegnate la Vostra Morale.
I Media siamo anche noi, senza di voi, e  sappiamo chi siete, mentre voi non sapete chi siamo,noi, se non per avere dati di ascolto percentuali  voti …

TERRE (in) MOTO Facciamo Rete! 

Doriana Goracci

.

fonte reset-italia.net

1 Maggio, «storia, patria e lavoro» in piazza

1 maggio, «storia, patria e lavoro» in piazza

.

logo 1 maggio 2011 304
.

Mentre Roma aspetta il Concertone del primo maggio a piazza San Giovanni, è pronto il cast che si susseguirà sul palco guidato dal conduttore al debutto Neri Marcoré, e accanto ai giovani sfoggia grandi nomi della musica. Lucio Dalla e Francesco De Gregori, Subsonica, Caparezza con Tony Hadley e Alborosie, Gino Paoli, Daniele Silvestri, Peppe Servillo e Fausto Mesolella, Modena City Ramblers, Bandabardò con Peppe Voltarelli, Edoardo Bennato, Paola Turci, Eugenio Finardi, Enzo Avitabile con Raiz e Co` Sang, Giuliano Palma & The Bluebeaters con Nina Zilli, Rebecca, Autoreverse, Bandervish, Erica Mou, Paolo Belli con Qbeta e Tinturia, Enrico Capuano, Chiara Civello, Lucariello, `Nduccio, Luca Barbarossa, Edoardo De Angelis e, per la prima volta, il Premio Oscar Ennio Morricone che eseguirà la sua «Elegia per l`Italia»: è questo il cast al completo della ventiduesima edizione del Concertone del Primo Maggio. Promosso da CGIL CISL e UIL, il concerto quest`anno è dedicato ai 150 anni dell`Unità d`Italia e il tema artistico è «La storia siamo noi. La storia, la patria, il lavoro», in base ad un progetto ideato da Marco Godano. Altro debutto eccellente al Concertone è quello di Neri Marcorè che per la prima volta condurrà la lunga maratona. Maratona che che quest`anno sarà caratterizzata dal grande contributo musicale dell`Orchestra Roma Sinfonietta: composta da 72 elementi a cui si accompagneranno i 60 del Nuovo Coro Lirico Romano sarà diretta, oltre che da Ennio Morricone, dal maestro Francesco Lanzillotta che dirigerà i brani dedicati alle celebrazioni dell`Unità d`Italia e dal Maestro Alessandro Molinari a cui sarà affidato l`incontro tra la musica sinfonica e il rock di alcuni tra gli artisti di questa edizione. Attesi sul palco anche Ascanio Celestini, che darà vita ad una perfomance inedita per il pubblico del Primo maggio, Gherardo Colombo, Anna Bonaiuto, Claudio Santamaria, Sonia Bergamasco, Marco Presta, Carlotta Natoli. Inoltre sarà proiettato un video di Andrea Camilleri e le vignette di Altan. L’evento, che sarà trasmesso in diretta televisiva da Rai Tre e diretto da Stefano Vicario, è prodotto da Anyway s.r.l. e prenderà il via alle 15.15 con l`Anteprima del Concerto condotta dal cantautore Enrico Capuano. La diretta proseguirà fino alle 19 per riprendere poi il collegamento con la piazza alle 20 e concludersi alla mezzanotte.

.

30 aprile 2011

fonte:  http://www.unita.it/italia/1-maggio-storia-patria-e-lavoro-in-piazza-1.288442

___________________________________

I martiri di Chicago

.

di Ricardo Mella

.

Il Primo Maggio odierno – istituzionalizzato, santificato, nazionalizzato – non ha nulla a che vedere con la dura lotta dei proletari di Chicago che, nel 1886, alzarono la bandiera della riduzione dell’orario di lavoro a otto ore e che trovarono negli anarchici i più coerenti e decisi sostenitori della lotta. Le edizioni Zero In Condotta hanno da poco pubblicato un libro, scritto nel secolo scorso dall’anarchico spagnolo Ricardo Mella.

Il lettore troverà in questo libro, scritto a ridosso degli avvenimenti – e mai pubblicato in Italia – documenti e dichiarazioni originali dell’epoca che riportiamo alla luce non solo per ricordare degnamente ‘i martiri di Chicago’, ma anche per smascherare la mistificazione che su quella data è stata costruita per trasformarla, dopo anni di lotte coraggiose e di insurrezioni popolari, in un’inoffensiva ‘festa del lavoro’.Ne pubblichiamo alcuni stralci.

.

Alle origini del primo maggio

Furono il Liberty di Boston, stampato dall’anarchico individualista Tucker, l’Arbeiter Zeitung di Spies, e l’Alarm di Parsons, tutti giornali che si pubblicavano a Chicago, a rendere popolari le idee anarchiche.
Così, a Chicago, si costituì un’associazione per le otto ore e si svolsero innumerevoli riunioni all’aria aperta durante le quali i lavoratori di quasi tutti i mestieri si organizzarono e si prepararono allo sciopero annunciato. I gruppi socialisti ed anarchici dispiegarono in questo lavoro un’attività prodigiosa, cercando sempre di stabilire la più stretta solidarietà tra tutti i lavoratori.
Dalle colonne dell’Alarm, che era l’organo degli anarchici americani, Parsons condusse un’energica campagna a favore dello sciopero generale per le otto ore. In questa campagna non ebbe meno incidenza la pubblicazione più importante degli anarchici tedeschi, l’Arbeiter Zeitung, del quale erano redattori Spies, Schwab e Fischer. Entrambi i giornali agitarono l’opinione pubblica in tal modo che per forza di cose si poteva prevedere quanto terribile sarebbe stata la lotta. Gli oratori anarchici che più si distinsero durante i comizi furono Parsons, Spies, Fielden ed Engel. Questi erano ben conosciuti non solo tra i lavoratori, ma anche tra i borghesi.
A mano a mano che si avvicinava il giorno del 1° maggio, le agitazioni andavano aumentando.

Quel maggio a Haymarket

Quando fu imminente la carica della polizia, lo spazio fu attraversato da un corpo luminoso che cadendo tra il primo e il secondo plotone produsse un frastuono incredibile. Più di sessanta poliziotti caddero al suolo feriti e uno di essi, di nome Degan, morì.
Immediatamente la polizia fece una carica serrata sulla folla e questa fuggì terrorizzata in tutte le direzioni. Inseguiti dagli spari della polizia furono in molti a morire od a rimanere feriti tra le strade di Chicago.
Nel momento culminante di maggiore agitazione, i borghesi persero la testa: provocati dalla frenesia del terrore, incitavano la forza pubblica al massacro.
Si presero operai a destra e a manca, si profanarono molti domicili privati e si strapparono da essi pacifici cittadini senza giustificazione alcuna.
Gli oratori di Haymarket, ad eccezione di Parsons che si era allontanato, vennero tutti arrestati. Quelli che avevano partecipato in qualche modo al movimento operaio vennero perseguitati ed incarcerati. L’Arbeiter Zeitung venne soppresso e tutti i suoi redattori e collaboratori arrestati. Le riunioni operaie vennero sciolte e proibite.

I martiri di Chicago

.

La condanna a morte

Per provare il delitto di cospirazione, il fiscale ricorse alla stampa anarchica, presentando alcuni brani di articoli e discorsi degli imputati di molto anteriori ai fatti che diedero origine al processo. L’obiettivo di tale prova era ben chiaro. Nonostante quelle frasi contro l’attuale ordine delle cose non fossero così dure come quelle che utilizza la stampa borghese della Repubblica modello quando chiede il massacro degli operai, esse vennero convenientemente adoperate al fine di terrorizzare la giuria, che di per sé era già mal prevenuta nei confronti di socialisti ed anarchici in quanto classe. Questo appello alle passioni dei giurati si fece così estremo fino al punto da esibire armi, bombe, dinamite, e persino vestiti insanguinati che si diceva appartenessero ai poliziotti uccisi.
Nonostante tutto ciò, la teoria del rappresentante dello Stato risultò completamente infondata, poiché non si riuscì a stabilire alcuna relazione evidente tra la bomba lanciata ad Haymarket e gli anarchici processati. Gli accusati avevano impiegato parole dure contro l’attuale ordine delle cose, contro l’arrogante distribuzione del lavoro e della ricchezza, contro le leggi ed i suoi custodi, contro la tirannia dello Stato ed il privilegio della proprietà. Era necessario sacrificare quelle vite e affogare nel sangue la nascente idea anarchica: gli otto imputati furono condannati.
Il 20 agosto venne reso pubblico il verdetto della giuria: August Spies, Michael Schwab, Samuel Fielden, Albert R. Parsons, Adolph Fischer, George Engel e Louis Lingg furono condannati a morte; Oscar W. Neebe a reclusione per 15 anni.
Otto uomini condannati per essere anarchici, e sette di loro condannati a morte nella libera e felice Repubblica Federale Nordamericana. Ecco qui il risultato finale di una commedia infame nella quale non si considerò indegno un processo in cui ci si appellava liberamente alla falsità ed allo spergiuro.

Ricardo Mella, 1861-1925

.

La lotta non si ferma

La vista del tetro patibolo non commosse minimamente l’animo sereno di Spies, Parsons, Engel e Fischer, che sebbene rivolsero, senza alcun dubbio, un ricordo alle loro mogli e figli, dedicarono il loro ultimo pensiero alla causa tanto amata.Le ultime parole pronunciate dai nostri amici furono:
Spies: Salute, verrà il giorno in cui il nostro silenzio sarà più forte delle voci che oggi soffocate con la morte!
Fischer: Hoc die Anarchie! (Viva l’anarchia!)
Engel: Urrà per l’anarchia!
Parsons, la cui agonia fu terribile, riuscì appena a parlare, perché il boia strinse immediatamente il laccio e fece cadere la trappola. Le sue ultime parole furono queste: Lasciate che si senta la voce del popolo!
L’11 novembre del 1887 la borghesia di Chicago riposò tranquilla. Quattro uomini impiccati, un suicida e altri tre cittadini incarcerati avevano soddisfatto il suo brutale odio e la sua sete di vendetta. L’anarchia era stata distrutta. Ma il capitalismo era cieco e non vide che quell’ideale cresceva con forza nella massa dei lavoratori che tante volte aveva applaudito i martiri, che aveva fatto ogni tipo di sforzo per cercare di salvarli dal patibolo e che si sarebbe lanciata risolutamente a salvare i prigionieri se non fosse stata trattenuta dagli appelli di quegli stessi uomini che furono impiccati come criminali.
Pochi giorni dopo il sacrificio, i lavoratori di Chicago tennero un’imponente manifestazione di lutto, a prova che le idee socialiste non erano affatto morte.

Ricardo Mella

96 pagine,
7,00 euro

Per richieste e versamenti:

conto corrente postale 14238208
intestato ad AUTOGESTIONE,
Casella Postale 17127, MI 67, 20128 Milano

zeroinc@tin.it
zic@zeroincondotta.org

cell. 377145518

www.zeroincondotta.org


Errico Malatesta

Ricardo Mella nel ricordo di Errico Malatesta

“Riccardo Mella, che meriterebbe di essere maggiormente conosciuto fuori di Spagna, fu uno dei migliori teorici dell’anarchismo ed i suoi scritti, che saranno certamente raccolti e diffusi dai compagni di lingua spagnuola, sono un modello di ragionamento serrato e di forma, nello stesso tempo, elegante e popolare.

Il Mella appartiene alla schiera dei primi bakuninisti spagnuoli. Venuto, giovanetto ancora, all’anarchismo dalle file del partito federalista, egli fu uno tra i primi propagatori in Spagna dell’Alleanza bakuninista e dell’Associazione Internazionale dei Lavoratori, e dal 1882 fino al 1914 spiegò un’attività straordinaria con la penna, con la parola, con l’azione personale, prendendo parte in tutte le agitazioni ed esponendosi a tutti i pericoli. (…)

Riccardo Mella godette la stima degli stessi avversari per la rettitudine del carattere e la forza dell’ingegno, e fu profondamente amato dai compagni e dal proletariato spagnuolo al quale aveva consacrato la vita”.

(Pensiero e volontà, n°13, Roma, 16 ottobre 1925).

.

fonte:  http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/346/93.htm

TREVISO – Primo Maggio col leghista Gobbo. I sindacati suonano Va’ Pensiero «E’ una cortesia istituzionale»

Primo Maggio col leghista Gobbo
I sindacati suonano Va’ Pensiero

.

fonte immagine

.

Sindaco del capoluogo della Marca sul palco, entrano gli inni padani. «E’ una cortesia istituzionale». In scaletta anche «La leggenda del Piave». Spostata «Bella ciao»

Manifestazione sindacale in piazza (archivio)Manifestazione sindacale in piazza (archivio).

TREVISO—Scontata «Bella ciao», inevitabile «L’Internazionale ». Prevedibile pure «Fratelli d’Italia», nel centocinquantesimo anno dall’unità nazionale. Ma di certo «La leggenda del Piave» e il «Va’ pensiero» non si erano mai sentiti a una celebrazione del 1˚ Maggio. L’impensabile accadrà invece domani mattina a Treviso, quando il «non passa lo straniero» e «l’ali dorate» riecheggeranno alla manifestazione unitaria di Cgil, Cisl e Uil. Revisionismo storico? No, a quanto pare un «gesto di coesione», considerando anche la presenza di un ospite inatteso: Gian Paolo Gobbo, sindaco del capoluogo della Marca, ma pure leader della Lega in Veneto. Sussurrata da settimane, e a lungo tenuta in forse dal diretto interessato («Ho tre impegni per quella mattinata », aveva detto), la partecipazione del leghista è stata ufficializzata dagli organizzatori. «Abbiamo dovuto modificare leggermente la scaletta – ha spiegato Antonio Confortin, segretario provinciale della Uil – nel senso che dopo il mio intervento, il primo in elenco, mi sarebbe piaciuto ascoltare “Bella ciao”. Ma dal momento che Gobbo parlerà necessariamente dopo di me, perché si è ricavato uno spazio in agenda alle 10.30, abbiamo ritenuto opportuno far slittare oltre quel brano, preferendo sistemare vicino ai saluti del sindaco “Il Piave mormorò” e l’aria del “Nabucco” ».

Una forma di «cortesia istituzionale», l’hanno definita le organizzazioni sindacali, che tendono a minimizzare la portata della svolta indicata all’ensemble «Ottoni della Marca», che per la prima volta porterà la musica alla festa dei lavoratori. «Penso che il repertorio delle canzoni proposte accontenterà tutti i gusti politici – ha detto Paolino Barbiero, segretario provinciale della Cgil – ma quello che conta davvero è che la politica affronti e risolva i problemi del lavoro». Non sarà la prima volta che un leghista sale sul palco di piazza dei Signori per onorare la storica ricorrenza. Lo scorso anno il tabù era stato infranto da Leonardo Muraro, il presidente della Provincia che a questo giro è però in scadenza di mandato. Motivo per cui questa volta l’invito è toccato a Gobbo, il capo del Carroccio veneto, con tanto di accompagnamento musicale a tema. «Con le contrapposizioni non si va da nessuna parte – ha aperto Franco Lorenzon, segretario provinciale della Cisl – ed è necessario essere uniti per fronteggiare le sfide globali». Di qui l’appello dei sindacati anche alle commesse, affinché partecipino al corteo nonostante l’annunciata apertura di alcuni negozi. Ironico intanto il commento di Umberto Lorenzoni, presidente provinciale dell’Anpi: «Evidentemente sono diventati ecumenici anche i sindacalisti. A ogni modo va benissimo così, l’importante è non cedere sui princìpi. Per quanto mi riguarda, comunque, andrò a Follina con i giovani. Canteremo “Bella ciao” e “L’internazionale”. Il “Va’ Pensiero”? Proprio no».

.

Angela Pederiva
30 aprile 2011

fonte:  http://corrieredelveneto.corriere.it/treviso/notizie/politica/2011/30-aprile-2011/primo-maggio-col-leghista-gobbo-sindacati-suonano-va-pensiero-190539724242.shtml

Napolitano critica le divisioni: “Basta ipocrisie sui miei appelli”

30/04/2011 – VERSO IL 1° MAGGIO- L’APPELLO DEL QUIRINALE

Napolitano critica le divisioni: “Basta ipocrisie sui miei appelli”

.

Il capo dello Stato ai sindacati: “Senza coesione non c’è ripresa”

Il capo dello Stato Napolitano ha celebrato il 1° maggio al Quirinale

.

ROMA – Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lancia ancora una volta l’allarme disoccupazione nel nostro Paese e fa particolare riferimento a quella giovanile. Un tema, quello della disoccupazione, attraverso il quale passa la stessa «tenuta civile e democratica del nostro Paese». Napolitano interviene al Quirinale alla cerimonia in occasione della celebrazione della festa del lavoro e torna a puntare il dito sulla questione occupazionale.

Il capo dello Stato non ha dubbi, «allarmano i dati sull’occupazione relativi ai giovani tra i 15 e i 29 anni». Ma se questo è un dato generale, quello che ancora di più fa riflettere il capo dello Stato, e che richiede «il massimo sforzo» per la sua soluzione, e’ «il dato dei quasi 2 milioni di giovani fuori di ogni tipo di occupazione, ormai fuori dal ciclo educativo e non coinvolti nemmeno in attivita’ di formazione o addestramento».

Secondo Napolitano il tema dell’occupazione e di quella giovanile in particolare deve essere affrontato perchè, spiega, «lo sviluppo economico e la sua qualità sociale, la stessa tenuta civile e democratica del nostro Paese passano attraverso un deciso elevamento dei tassi di attivita’ e di occupazione, un accresciuto impegno per la formazione e la salvaguardia del capitale umano, un’ulteriore valorizzazione del lavoro, in tutti i sensi».

In questa condizione di «forte disagio e incertezza per larghi strati di giovani», dice Napolitano, si riflettono evidentemente «debolezze non recenti del nostro complessivo processo di crescita». Il presidente della Repubblica sottolinea che «per poter aprire nuove prospettive di occupazione in tutto il Paese è dunque imperativo riuscire a intervenire su cause strutturali di ritardo della nostra economia». Per il presidente della Repubblica «è imperativo farlo in uno col perseguimento di obiettivi tanto obbligati quanto ardui – concordati in sede europea – di rientro dell’Italia dalla situazione di disavanzo eccessivo e di riduzione del peso del debito pubblico».

Napolitano spiega che se si assume il traguardo di un sostanziale pareggio del bilancio del 2014 – «che comportera’ un’ulteriore manovra, per il 2013-2014, di riduzione della spesa pubblica di oltre 4 punti di Pil» – è «facile intuire come sara’ essenziale la caratterizzazione secondo ben ponderate priorita’ di tale manovra, e quindi la combinazione tra questa e le azioni volte a rafforzare il potenziale di crescita dell’economia e dell’occupazione».

Napolitano sostiene come le audizioni svolte presso le Commissioni Bilancio di Senato e Camera nelle ultime settimane abbiano fornito al Parlamento «apporti esterni di grande ricchezza e serietà» mettendo «in evidenza l’estrema tensione dello sforzo che si richiede al Paese». A questo punto Napolitano si chiede se l’insieme delle parti sociali e delle forze politiche abbia di questo «piena consapevolezza e concentri come dovrebbe la propria attenzione sulle piu’ ambiziose proposte di riforma – come quella fiscale – delineate dal governo e sulle indicazioni da esso prospettate con impegno – continua Napolitano – per quel che riguarda le politiche e azioni piu’ rilevanti ai fini dell’occupazione, della formazione del capitale umano, dell’evoluzione dei rapporti tra mondo dell’impresa e mondo del lavoro».

.

fonte:  http://www3.lastampa.it/politica/sezioni/articolo/lstp/400206/

RIGURGITO FASCISTA – Corsico, a fuoco gli addobbi per il 25 aprile

Non saranno sostituiti e non verrà cambiato il programma: «Vogliamo che la gente sappia»

Corsico, a fuoco gli addobbi per il 25 aprile

Bruciati i drappi sul monumento alla Resistenza e su quello degli alpini. Il sindaco: «Gesto inqualificabile»

.

MILANO – Alcuni sconosciuti hanno bruciato la scorsa notte gli addobbi sistemati sul monumento alla Resistenza a Corsico e asportato quelli presenti su un altro dedicato agli Alpini, in vista delle manifestazioni del 25 aprile. «Un gesto inqualificabile e inaccettabile – ha detto il sindaco Maria Ferrucci -. Una provocazione che respingiamo al mittente, perchè la memoria della Resistenza e della conquistata libertà contro l’autoritarismo non possono essere denigrate o cancellate da chi intende negare la storia».

«DERIVA PERICOLOSA» - «Una deriva pericolosa – commenta il presidente dell’Associazione partigiani di Corsico Maurizio Graffeo – che non ci fermerà. In un primo momento pensavo si trattasse solo di un atto vandalico. Ma sotto il monumento alla Resistenza vicino al cimitero abbiamo trovato alcuni giornali arrotolati per appiccare l’incendio. Inoltre, in modo mirato sono andati in via Grandi, zona piazza Petrarca, dove c’è il monumento dedicato agli Alpini strappando tutti gli addobbi posizionati dal Comune. Però anche qui hanno voluto lasciare un messaggio, abbandonando alcuni pezzi di bandiera. A queste provocazioni – prosegue Graffeo – rispondiamo mantenendo alti i valori della Resistenza, dell’antifascismo, della Liberazione. Lo dobbiamo a quelle migliaia di uomini e donne che sono morte per garantirci la democrazia».

IL PROGRAMMA NON CAMBIALa cerimonia di lunedì si svolgerà regolarmente e toccherà tutti i quattro monumenti (ai caduti, alla pace, ai marinai d’Italia e alla Resistenza) presenti sul territorio corsichese, dove i valori dell’antifascismo sono parte integrante della storia della città. Qualche anno fa, all’ingresso del palazzo comunale venne posizionata una targa in marmo per ricordare Luigi Salma, operaio delle Cartiere Burgo che resistette ai soprusi dei nazifascisti, sacrificando la propria vita per salvarne molte altre. «Corsico sarà in piazza il 25 aprile – dice ancora Maria Ferrucci – perché il presente si fonda su due valori, quali la Resistenza e la libertà, che proprio quest’anno, che si celebra il 150esimo anniversario dell’unità d’Italia, dovrebbero essere risvegliati dal torpore nel quale sono stati messi». Le bandiere e le coccarde bruciate o asportate non verranno sostituite. «Vogliamo che tutto rimanga così com’è – conclude la sindaca- perché chi ha compiuto il gesto sappia che la stragrande maggioranza dei cittadini crede nei valori della Resistenza».

.

Redazione Online
23 aprile 2011

fonte:  http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/11_aprile_23/bruciati-addobbi-25-aprile-190498869454.shtml

PROMESSE DA B. – l’Aquila è morta / I comitati cittadini dell’Aquila: “Il 6 aprile B. non lo vogliamo”

Promesse da B. l’Aquila è morta

Due anni dopo il sisma che ha distrutto l’Abruzzo, la zona rossa è ancora chiusa e di lavori non c’è traccia. Il premier disse: “Faremo in fretta, non siete soli”

fonte immagine

fonte immagine

.

Le macerie sono ancora tutte qui dentro, in quello che resta delle case. Mura squarciate. Tetti volati via assieme alla vita. Il centro storico. Il cuore de L’Aquila si è fermato alle 3,32 del 6 aprile 2009 quando una scossa di magnitudo 6.2 della scala Richter ha sepolto 309 persone. Da allora non batte più. Quello che si ode camminando è solo silenzio. Il silenzio della morte. Un solo rumore richiama l’attenzione: lo scorrere dell’acqua. Ci guardiamo intorno alla ricerca di una fontana rimasta aperta per dare un senso a quel rumore. Lo sguardo si perde nel nulla. Solo più tardi ci spiegano che si tratta di acqua che fuoriesce dalle tubature spaccate dal terremoto e mai aggiustate. Il consumo di acqua è lo stesso di due anni fa quando in città vivevano 14 mila persone oltre agli studenti. Neppure a questo ha pensato la macchina da guerra mediatica dell’emergenza. A meno che non si venga pagati dalle tv di Silvio Berlusconi è impossibile dire: grazie Governo. La zona rossa è ancora chiusa dentro le transenne di ferro presidiata dai militari giorno e notte. “Siamo qui al freddo dell’inverno e al sole cocente dell’estate”, ci dice un ragazzo dentro la sua tuta mimetica che stringe il fucile e si guarda attorno smarrito. Riusciamo ad entrare accompagnati da Vladimiro Placidi, assessore comunale alla ricostruzione dei beni culturali che ci consegna il casco giallo dei Vigili del Fuoco. Lentamente camminiamo dentro una città fantasma. Entriamo nelle case squarciate dove il tempo è fermo a quella notte. A pianterreno di una abitazione, dove la tromba delle scale è un buco nero, scorgiamo un tavolo con sopra incredibilmente intatti i piatti sporchi della cena coperti di vermi. L’odore acre dell’umidità entra nelle narici. La polvere fa lacrimare.

Sarà perché la Santa Pasqua sta per arrivare ma quella che percorriamo ci appare una Via Crucis dove ogni stazione è un ricordo amaro. Rughe profonde come voragini solcano le facciate di Palazzo Picalfieri, di Palazzo Dragonetti vere perle barocche. Rughe di dolore che deturpano il loro splendore e che mai smetterà di raccontare un’enorme tragedia ma anche una delle più grandi truffe mediatiche mai allestite. Basti ricordare i Grandi del Mondo, dirottati qui dalla Maddalena per dimostrare che lui, il premier del fare, avrebbe restituito casa pane e lavoro a questa gente. Bruno Vespa commosso con in mano l’orsacchiotto di peluche ha smesso di fare dirette. Il dolore, quello fresco, si sa, regala picchi di ascolto come il racconto delle promesse. Poi di fronte alle promesse tradite cala il silenzio. L’inganno e la beffa nuocciono ai sondaggi, minano il consenso. Potrebbe suonare blasfemo, ma due anni fa quando arrivammo qui a contare i morti e a raccontare la disperazione dei sopravvissuti si coglieva, pur se fioca, una luce di speranza. Poi la speranza è stata ingoiata dalla rassegnazione. Dalla certezza che semmai qualcosa rinascerà, che semmai qualcuno tornerà nelle proprie case, non accadrà prima di dieci anni, quando il tempo avrà consumato ogni respiro. Dalla convinzione che le 1500 attività commerciali non riapriranno mai. Che gli studenti – quando il 31 dicembre 2011 terminerà lo stato di emergenza e calamità naturale e dovranno ricominciare a pagare le tasse – non si iscriveranno più alle università aquilane: affitti triplicati e in luoghi non serviti dai mezzi pubblici. E neppure i turisti verranno più perché non c’è più nulla da ammirare. Alla fine della salita c’è quello che resta dell’asilo dell’Annunziata. Il pensiero che se la scossa fosse arrivata di mattino queste macerie avrebbero seppellito oltre cento bambini fa rabbrividire. Tutti sapevano che l’edificio non era in sicurezza, così come la Casa dello Studente. Quattordici palazzi costruiti negli anni Sessanta, squagliati come un gelato dentro al suo cono, dentro un boato disumano che non smetterà mai di risuonare nelle orecchie dei sopravvissuti. Arriviamo a Piazza Duomo. È come attraversare un deserto. Cani randagi sdraiati così immobili da sembrare morti. Saracinesche abbassate. Appena voltato l’angolo su Corso Federico II leggiamo da un grande foglio appeso alle transenne: “State cancellando tutti i nostri sogni, c’è bisogno di spazi, di lavoro, di vita”. Prima del terremoto il centro storico era un pullulare di pub, bar, ristoranti, tavolini all’aperto dove i giovani e i turisti trascorrevano le serate. Ora la movida si chiama via della Croce Rossa. Una strada a scorrimento veloce, con una discarica a cielo aperto, in cui giace il pericolosissimo amianto sgretolato che qualcuno ha definito la favela aquilana. Ci sono voluti infiniti reclami affinché l’area venisse non bonificata, ma solo delimitata da fasce arancione fosforescente con su scritto: “Lavori in corso”. Qui nel degrado sono nati come funghi ristoranti e bar dove ascoltare musica. I proprietari dei locali che hanno speso soldi con tanto di autorizzazione del Comune si ribellano e chiedono di migliorare la vivibilità della zona, che è e resta uno stradone in cui le auto sfrecciano, dove l’illuminazione è assente e i marciapiedi divelti, in cui c’è un solo cassonetto per l’immondizia.

“Saremmo ritornati subito in centro, ma ci è stato detto che sarebbero serviti anni. Girava voce che avremmo avuto un’area dove ricollocare tutti i locali, ma dopo tre mesi di silenzio ci siamo sistemati qui”: è solo una delle tante voci disperate. Sono 2.400 gli operai in cassa integrazione. Ottocento le partite iva non riaperte. Quasi 14 mila persone vivono nel Progetto Case, 19 insediamenti lontano dalla città senza mezzi pubblici per raggiungerla. Mentre chi è benestante costruisce liberamente dove vuole in zone a destinazione agricola tra i boschi incontaminati in barba ad un piano regolatore che è saltato con il terremoto. Il Governo ha stanziato 4 miliardi di euro. Niente, perché solo per ristrutturare il centro storico ce ne vorrebbero 6 di miliardi, ad esclusione dei monumenti e delle Chiese. Per i beni culturali il Ministero non ha stanziato un solo fondo.

L’approvazione dei progetti di ristrutturazione è un vero circuito a ostacoli senza fine. Quando sembra che tutto sia andato a buon fine basta un cavillo per vedersi bocciare il progetto e ricominciare daccapo. Per non parlare poi delle responsabilità: non esistono. O meglio non esistono i responsabili. È un continuo rimbalzo dal governatore dell’Abruzzo Gianni Chiodi (che è anche commissario straordinario per la ricostruzione), al vicecommissario Cicchetti al sindaco Massimo Cialente (che dopo aver rassegnato le dimissioni più volte le ha sempre ritirate). Nel solo bar aperto alla fine di Corso Federico II due signore sorseggiano il caffé. Siete aquilane? Chiediamo. “Purtroppo sì”, rispondono e aggiungono: “Chi l’avrebbe mai detto che un giorno avremmo risposto così della città dove siamo nate, dove abbiamo cresciuto i nostri figli, la città di cui eravamo orgogliose? Ci hanno tolto tutto, anche la forza di ribellarci. Bambocci siamo come bambocci”. Ma di chi è la responsabilità? “L’Aquila è lo specchio del Paese: i politici o sono banditi o sono incapaci e non si sa chi fa più danni”. Allungando lo sguardo ai piedi della montagna si scorge uno dei diciannove insediamenti del Progetto Case. Abitazioni antisismiche consegnate chiavi in mano con tanto di pentole posate e perfino la bottiglia di spumante in frigo, dove se poco poco si supera di qualche chilo il peso forma, è impossibile entrare nel bagno dove sono state allestite vasche con idromassaggio, forse avanzi di magazzino, così grandi da impedire di raggiungere i servizi igienici. I tanto sbandierati e costosi prati all’inglese, impreziositi dalle palme, sono completamente secchi. Quando piove l’umidità è insopportabile e camminando la casa si muove come fosse una zattera in mare aperto. Inconvenienti sopportabili, se come avevano promesso sarebbero stati alloggi figli di quell’emergenza che a conti fatti ha solo permesso di agire in deroga al codice degli appalti, alle norme sul procedimento amministrativo, alle leggi sulla trasparenza della pubblica amministrazione, senza produrre soluzioni concrete per i cittadini. Con lo spettro che quei luoghi-dormitori, in cui non c’è segno di socialità, di aggregazione, di condivisione, siano per sempre. I comitati dei familiari delle vittime, il “popolo viola”, quello delle carriole, chiedono a gran voce che a ricordare il 6 aprile venga invitato solo il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Mentre Berlusconi ha già fatto sapere che ci sarà, a rinverdire il parolaio miracolo aquilano e magari ad annunciare che comprerà una casa anche qui tra le macerie, come a Lampedusa.

.

da Il Fatto Quotidiano del 3 aprile 2011

fonte:  http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/04/03/promesse-da-b-l%E2%80%99aquila-e-morta/101803/

___________________________________________________________________________

Terremoto a L’Aquila – Foto del centro storico

Da: | Creato il: 03/giu/2009

http://www.youtube.com/view_play_list?p=2BA91964BF34ED35
Foto del centro storico dopo il sisma del 6 aprile.
Music: Ludovico Einaudi.
On April 6, 2009, at 01:32 GMT (03:32 CEST) an earthquake of 6.3 magnitude struck central Italy with its epicentre near L’Aquila. Many buildings in L’Aquila were damaged. Italian media reports confirmed that many historic buildings collapsed in the centre of the city, and at least 308 deaths, 1,500 injuries, and 60,000 homeless have been reported. There were many students trapped in a partially collapsed dormitory.

The city’s construction was begun by Frederick II, Holy Roman Emperor and King of Sicily out of several already existing villages (ninety-nine, according to local tradition; see Amiternum), as a bulwark against the power of the papacy. The name of Aquila means “Eagle” in Italian. Construction was completed in 1254 under Frederick’s son, Conrad IV of Germany. The name was switched to Aquila degli Abruzzi in 1861, and L’Aquila in 1939. After the death of Conrad, the city was destroyed by his brother Manfred in 1259, but soon rebuilt by Charles I of Anjou, its successor as king of Sicily. The walls were completed in 1316.
Earthquakes mark the history of L’Aquila, as the city is situated partially on an ancient lake-bed that amplifies seismic activity.

The city was struck by an earthquake on December 3, 1315. Another earthquake struck on January 22, 1349, killing about 800 people. Other earthquakes struck in 1452, then on November 26, 1461, and again in 1501 and 1646. On February 3, 1703 a major earthquake struck the town. More than 6.000 people died and almost all the churches collapsed; Rocca Calascio, the highest fortress in Europe was also ruined by this event, yet the town survived. L’Aquila was then repopulated by decision of Pope Clement XI. The town was rocked by earthquake again in 1706, on July 31, 1786, on June 26, 1958 an earthquake of 5.0 magnitude struck the town.

___________________________________________________________________________

I comitati cittadini dell’Aquila: “Il 6 aprile B. non lo vogliamo”

Alla vigilia del secondo anniversario del terremoto, nel capoluogo abruzzese non è cambiato niente

fonte immagine

fonte immagine

.

“Che Berlusconi venga oppure no cambia davvero poco. Noi ricordiamo il terremoto 364 giorni l’anno. Poi, ogni 6 aprile, pensiamo solo ai morti”. Alessio Di Giannantonio è il portavoce del Comitato 3e32. In questi giorni tutti vogliono sapere da lui come si sta preparando l’Aquila per il secondo anniversario dal disastro. E la risposta è quella dell’anno scorso: “Non è cambiato nulla.

Il centro è in macerie, la gente vive sfollata o in albergo, i politici litigano e noi siamo incazzati neri”. Ieri una manifestazione organizzata da gruppi del popolo viola ribattezzati per l’occasione Comitato per la ricostruzione e la legalità. Da non confondersi con il Comitato per la ricostruzione supportato dai Bertolaso boys e dalla pagina Facebook pro Bertolaso. “Martedì sera – conferma Di Giannantonio -, faremo una fiaccolata, mercoledì silenzio.

Naturalmente, se Berlusconi fosse così ardito da venire in città, sapremmo come reagire”. D’accordo Giusi Pitari, docente universitaria: “Lo spot all’Aquila non si può fare più. Qui la gente ha già passato quel che sta succedendo a Lampedusa: le sceneggiate, le barzellette, il ghe pensi mi. Qui i cittadini sono abbandonati ai loro guai. Parlo di Berlusconi, ma anche del sindaco Cialente: pure lui deve tener buona una maggioranza ingestibile, magari pensando già alle comunali 2012”.

L’umore è basso, la fiducia scarsa, il senso di abbandono potente. Anche per episodi di cronaca come questo: un disabile cerca di entrare nel centro storico con la sua auto.

La polizia lo ferma perché il passeggero al suo fianco ha una telecamera e in zona sottoposta a controllo militare occorre un apposito permesso. L’auto fa retromarcia, l’Aquila è ancora in gabbia.

.

03 aprile 2011

fonte:  http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/04/03/%E2%80%9Cche-berlusconi-venga-oppure-no-cambia-davvero/101805/

KURT VONNEGUT: L’UCCISIONE DI SACCO E VANZETTI

Kurt Vonnegut: l’uccisione di Sacco e Vanzetti

.

.

Il 23 agosto 1927 venivano assassinati.

Quelli che già altre volte avevano ascoltato Kenneth Whistler lo pregarono di raccontare nuovamente di quando aveva organizzato le manifestazioni di protesta davanti alla prigione di Charlestown, per l’uccisione di Sacco e Vanzetti. Mi sembra strano, oggi, dover spiegare chi fossero Sacco e Vanzetti. Recentemente ho chiesto a Israel Edel, l’ex portiere notturno all’Arapahoe, cosa sapeva lui di Sacco e Vanzetti, e mi ha risposto senza esitazione che erano due giovani di buona famiglia che, a Chicago, avevano commesso un omicidio per provarne il brivido. Li aveva confusi, insomma, con Leopold e Loeb.

Perché dovrebbe sconvolgermi questo? Quand’ero giovane, ero convinto che la storia di Sacco e Vanzetti sarebbe stata raccontata tanto spesso quanto la storia di Gesù Cristo, suscitando altrettanta commozione. Non avevano forse diritto, i moderni – pensavo – a una Passione moderna come quella di Sacco e Vanzetti, che si concludeva sulla sedia elettrica?
Quanto agli ultimi giorni di Sacco e Vanzetti e al finale della loro Passione: come già sul Golgota, erano tre i condannati a morte dal potere statale. Stavolta, non uno su tre era innocente. Innocenti erano due, su tre.

Il colpevole era un famigerato ladro e assassino a nome Celestino Madeiros, condannato per un altro delitto. All’approssimarsi della fine, Madeiros confessò di esser lui l’autore degli omicidi per cui Sacco e Vanzetti erano stati condannati a morte.

Perché?

“Ho visto la moglie di Sacco venirlo a trovare coi figli, e mi hanno fatto pena, quei figlioli” disse.
Immaginate questa battuta pronunciata da un bravo attore in una moderna Sacra Rappresentazione.

Madeiros morì per primo. Le luci della prigione si abbassarono tre volte.

Per secondo toccò a Sacco. Dei tre, era l’unico che avesse famiglia. L’attore chiamato a interpretarlo dovrà dar vita a un uomo molto intelligente che, non essendo ben padrone dell’inglese, né molto bravo a esprimersi, non poteva fidarsi di dire alcunché di complicato ai testimoni, mentre lo assicuravano alla sedia elettrica.

“Viva l’anarchia” disse. “Addio, moglie mia, figli miei, e tutti i miei amici” disse. “Buonasera, signori” disse poi. “Addio, mamma” disse. Era un calzolaio, costui. Le luci della prigione si abbassarono tre volte.

Per ultimo toccò a Vanzetti. Si sedette da sé sulla sedia, dove già erano morti Madeiros e Sacco, prima che gliel’ordinassero. Cominciò a parlare ai testimoni prima che gli dicessero che era libero di farlo. Anche per lui l’inglese era la seconda lingua, ma ne era padrone.

Ascoltate:
“Desidero dirvi,” disse, “che sono innocente. Non ho commesso nessun delitto, ma qualche volta dei peccati, sì. Sono innocente di qualsiasi delitto, non solo di questo, ma di ogni delitto. Sono innocente”. Faceva il pescivendolo, al momento dell’arresto.
“Desidero perdonare alcune persone per quello che mi hanno fatto” disse. Le luci della prigione si abbassarono tre volte.

La loro vicenda, di nuovo:
Sacco e Vanzetti non uccisero mai nessuno. Erano arrivati in America dall’Italia, senza conoscersi fra loro, nel Millenovecentootto. L’anno stesso in cui arrivarono i miei genitori.

Papà aveva diciannove anni. Mamma ventuno. Sacco ne aveva diciassette. Vanzetti venti. Gli industriali americani a quell’epoca avevano bisogno di molta manodopera a buon mercato e docile, per poter tenere basse le paghe.

Vanzetti dirà in seguito: “Al centro immigrazione, ebbi la prima sorpresa. Gli emigranti venivano smistati come tanti animali. Non una parola di gentilezza, di incoraggiamento, per alleggerire il fardello di dolori che pesa così tanto su chi è appena arrivato in America”.

Papà e mamma mi raccontavano qualcosa di analogo. Anche loro ebbero la sensazione di essere dei poveri fessi che si erano dati tanto da fare solo per esser portati al macello.

I miei genitori furono subito reclutati da un agente delle Ferriere Cuyahoga di Cleveland. Costui aveva l’ordine di ingaggiare solo slavi biondi, mi disse una volta Mister MacCone, in base alla teoria di suo padre per cui i biondi avrebbero avuto la robustezza e l’ingegnosità meccanica dei tedeschi, ma temperata dalla docilità degli slavi. L’agente doveva scegliere sia degli operai sia dei domestici presentabili per le varie case dei MacCone. Perciò i miei genitori entrarono nella classe dei servi.

Sacco e Vanzetti non ebbero altrettanta fortuna. Non c’era nessun sensale cui fossero stati ordinati dei tipi come loro. “Dove potevo andare? Cosa potevo fare?” scrisse Vanzetti. “Quella era la Terra promessa. Il treno della sopraelevata passava sferragliando e non rispondeva niente. Le automobili e i tram passavano oltre senza badare a me.” Sicché lui e Sacco, ciascuno per suo conto, per non crepare di fame, dovettero cominciar subito a questuare in cattivo inglese un lavoro qualsiasi, a qualsiasi paga – andando di porta in porta.

Il tempo passava.
Sacco, che in Italia aveva fatto il calzolaio, trovò un posto in una fabbrica di calzature a Milford (Massachusetts), la cittadina in cui, guarda caso, era nata la madre di Mary Kathleen O’Looney. Sacco prese moglie e andò a stare in una casa con giardino. Ebbe un figlio, Dante, e una figlia, Ines. Lavorava sei giorni la settimana, dieci ore al giorno. Trovava anche il tempo per prendere parte a dimostrazioni indette da operai che chiedevano un salario più alto e condizioni di lavoro più umane e così via; per tali cause teneva discorsi e dava contributi in denaro. Fu arrestato, a causa di tali attività, nel Millenovecentosedici.

Vanzetti non aveva un mestiere e quindi lavorò qua e là: in trattorie, in una cava, in un’acciaieria, in una fabbrica di cordami. Era un avido lettore. Studiò Marx e Darwin e Victor Hugo e Gor’kij e Tolstoj e Zola e Dante. Questo aveva in comune con quelli di Harvard. Nel Millenovecentosedici guidò uno sciopero contro la fabbrica di cordami, ch’era la Plymouth Cordage Company, oggi consociata della RAMJAC. Era sulle liste nere dei datori di lavoro, sicché per sopravvivere si mise a fare il pescivendolo per conto proprio.

Fu nel Millenovecentosedici che Sacco e Vanzetti si conobbero bene. Si rese evidente a entrambi – pensando ognuno per proprio conto alla brutalità del padronato – che i campi di battaglia della Grande Guerra erano semplicemente altri luoghi di pericoloso e odioso lavoro, dove pochi sovrintendenti controllavano lo spreco di milioni di vite nella speranza di far soldi.

Era chiaro per loro, anche, che l’America sarebbe presto intervenuta. Non volevano esser costretti a lavorare in siffatte fabbriche in Europa, quindi si unirono a un gruppo di anarchici italoamericani che ripararono in Messico fino alla fine della guerra.

Gli anarchici sono persone che credono con tutto il loro cuore che i governi sono nemici dei loro stessi popoli.

Mi trovo ancor oggi a pensare che la storia di Sacco e Vanzetti possa entrare nelle ossa di future generazioni. Forse occorre solo raccontarla qualche altra volta. In ogni caso, la fuga in Messico verrà certo vista come un’ulteriore espressione di una sorta di sacro buon senso.

Sia come sia, Sacco e Vanzetti tornarono nel Massachusetts dopo la guerra, amici per la pelle. Il loro buon senso, sacro o no, basato su libri che quelli di Harvard leggono abitualmente senza cattivi effetti, era sempre apparso disdicevole al loro prossimo. Questo stesso prossimo – e quelli che volevano deciderne il destino senza incontrare tanta opposizione – presero a sentirsi atterriti da quel buon senso, specie quando a possederlo erano degli immigrati.

Il dipartimento di Giustizia compilò un elenco segreto di stranieri che non facevano mistero di quanto trovavano ingiusti e insinceri e ignoranti ed esosi tanti esponenti della cosiddetta Terra promessa. Sacco e Vanzetti erano inclusi in tale lista. Erano pedinati da spie del governo.

Incluso nella lista era anche un tipografo a nome Andrea Salsedo, amico di Vanzetti.

Costui fu arrestato a New York da agenti federali, senza specifiche accuse, e venne tenuto isolato per otto settimane. Il tre maggio del Millenovecentoventi Salsedo cadde o saltò o fu spinto da una finestra al quattordicesimo piano, dove avevano sede certi uffici del dipartimento di Giustizia.

Sacco e Vanzetti organizzarono un comizio per chiedere che fosse aperta un’inchiesta sull’arresto e sulla morte di Salsedo. Il comizio doveva tenersi il nove maggio a Brockton, nel Massachusetts, paese natale di Mary Kathleen O’Looney. Lei aveva sei anni, allora. Io, sette.
Sacco e Vanzetti vennero arrestati per attività sovversive prima che il comizio avesse luogo. Il loro reato era il possesso di volantini che annunciavano il comizio. Rischiavano una forte multa e fino a un anno di carcere.

Ma, ecco, d’un tratto, furono anche accusati di due omicidi rimasti irrisolti. Due guardie giurate erano state uccise durante una rapina a South Braintree (Massachusetts) circa un mese prima.
La pena per questo reato era, naturalmente, alquanto più dura: la morte indolore per entrambi sulla medesima sedia elettrica.

Vanzetti, per soprappiù, fu anche accusato di un tentativo di rapina a Bridgewater (Massachusetts). Processato, fu riconosciuto colpevole. Venne così tramutato, da pescivendolo, in notorio criminale, prima che Sacco e lui fossero processati per duplice omicidio.

Era colpevole, Vanzetti, di quel reato di rapina? Forse sì, ma non importava molto. Chi lo disse, che non importava molto? Il giudice che diresse il processo disse che non importava molto. Costui era Webster Thayer, rampollo di ottima famiglia del New England. E disse alla giuria: “Quest’uomo, benché potrebbe non aver effettivamente commesso il reato contestatogli, è tuttavia moralmente colpevole, poiché è un nemico giurato delle nostre vigenti Istituzioni”.
Parola d’onore: questa frase fu pronunciata da un giudice nell’aula di un tribunale americano. Traggo la citazione da un libro che ho sottomano: Labor’s Untold Story (Storia inedita del sindacalismo) di Richard O. Boyer e Herbert M. Morais (ed. United Front, San Francisco 1955).
E toccò poi a quello stesso giudice Thayer processare per omicidio Sacco e il noto criminale Vanzetti. Furono dichiarati colpevoli dopo un anno circa dal loro arresto; era il luglio del Millenovecentoventuno, e io avevo otto anni.

Quando alla fine salirono sulla sedia elettrica, io ne avevo quindici. Se udii qualcuno a Cleveland parlarne, l’ho dimenticato.

L’altro giorno in ascensore ho attaccato discorso con un fattorino della RAMJAC. Uno della mia età. Gli ho chiesto se ricordava niente di quell’esecuzione, avvenuta quando lui era ragazzo. Sì, mi rispose, aveva udito suo padre dire ch’era stufo marcio di sentire parlare di Sacco e Vanzetti, e che era contento che fosse finita.

Gli chiesi che cosa facesse suo padre, di mestiere.
“Era direttore di banca a Montpellier, nel Vermont” mi rispose. Il vecchio fattorino indossava un pastrano militare, residuato di guerra.

Al Capone, il famoso gangster di Chicago, trovava giusto che Sacco e Vanzetti venissero giustiziati. Anche lui era convinto che fossero nemici del modo di pensare americano sull’ America. L’indignava che fossero così ingrati verso l’America, quegli immigrati italiani.

Stando a Labor’s Untold Story, Capone disse: “Il bolscevismo bussa alla nostra porta… Dobbiamo tener i lavoratori lontani dall’ideologia rossa e dalle astuzie rosse”.

Il che mi ricorda una novella di Robert Fender, il mio amico galeotto. Vi si narra di un pianeta sul quale il crimine peggiore è l’ingratitudine. La gente viene condannata a morte, se ingrata. La condanna a morte viene eseguita, come in Cecoslovacchia, mediante defenestrazione. I condannati vengono buttati da un’alta finestra.

Il protagonista del racconto viene alla fine scaraventato giù da una finestra per ingratitudine. Le sue ultime parole, mentre precipita dal trentesimo piano, sono: “Grazie miiiiiiiiilllllllleeeeee!”.

Prima che Sacco e Vanzetti venissero giustiziati per ingratitudine nello stile del Massachusetts, però, grandi proteste si levarono in tutto il mondo. Il pescivendolo e il calzolaio erano divenuti celebrità planetarie.

“Mai ci saremmo aspettati, in vita nostra,” disse Vanzetti, “di poter compiere un tale lavoro in favore della tolleranza, della giustizia, della comprensione reciproca fra gli uomini, come ora vuole il caso che compiamo.”

Se da ciò si ricavasse una Passione teatrale moderna, gli attori chiamati a interpretare le autorità, i Ponzi Pilati, dovrebbero esprimere sdegno per le opinioni della massa. Ma sarebbero più in favore che contro la pena di morte, in questo caso.
E non si laverebbero le mani.

In effetti erano tanto fieri del loro operato che incaricarono un comitato – composto da tre fra i più saggi, rispettati, equanimi e imparziali individui del momento – di dire al mondo intero se giustizia sarebbe stata fatta.

Fu soltanto questa parte della storia di Sacco e Vanzetti che Kenneth Whistler volle raccontare, quella sera di tanto tempo fa, mentre Mary Kathleen e io l’ascoltavamo tenendoci per mano.

Si dilungò con molto sarcasmo sulle risonanti credenziali dei tre saggi.
Uno era Robert Grant, giudice in pensione, che conosceva le leggi a menadito e sapeva in che modo farle funzionare. Presidente del comitato era il rettore di Harvard, e sarebbe stato ancora rettore quando m’iscrissi io. Figurarsi. Si chiamava A. Lawrence Lowell. Il terzo che, secondo Kenneth Whistler, “s’intendeva molto di elettricità, se non di altro”, era Samuel W. Stratton, rettore del Politecnico del Massachusetts (MIT).

Mentre eran dietro a deliberare, ricevettero migliaia di telegrammi: alcuni in favore dell’esecuzione ma la maggior parte contro. Fra i mittenti c’erano Romain Rolland, George Bernard Shaw, Albert Einstein, John Galsworthy, Sinclair Lewis e H.G. Wells.

Il triunvirato dichiarò alla fine che, se Sacco e Vanzetti fossero stati messi a morte, giustizia sarebbe stata fatta.

Questo dice la saggezza degli uomini più saggi del momento. E sono indotto a chiedermi se la saggezza sia mai esistita e possa mai esistere. E se la saggezza fosse tanto impossibile in questo particolare universo quanto il moto perpetuo?

Chi è l’uomo più saggio della Bibbia, ancor più saggio, si suppone, del rettore di Harvard? Re Salomone, naturalmente. Due donne che si contendevano un bambino comparvero davanti a Salomone, chiedendo che applicasse la sua leggendaria saggezza al loro caso. Lui suggerì allora di tagliare in due il bambino.

E gli uomini più saggi del Massachusetts dissero che Sacco e Vanzetti dovevano morire.
Quando il loro parere fu reso noto, il mio eroe Kenneth Whistler guidava una manifestazione di protesta davanti al palazzo del governo di Boston. Pioveva.

“La natura si mostrava partecipe” disse, guardando proprio Mary Kathleen e me, seduti in prima fila. E rise.

Mary Kathleen e io non ridemmo con lui. Né rise alcun altro fra il pubblico. La sua risata risuonò agghiacciante. La natura se ne frega di quello che provano gli esseri umani e di quello che loro succede.

La manifestazione davanti al palazzo del governo di Boston durò ininterrotta per altri dieci giorni, fino alla sera dell’esecuzione. Quella sera lui guidò i dimostranti per le strade tortuose e oltre il fiume, fino a Charlestown, dov’era la prigione. Fra i dimostranti c’erano Edna Saint Vincent Millay e John Dos Passos e Heywood Broun.

C’erano polizia e Guardia nazionale ad attenderli. C’erano mitragliatrici, in cima alle mura del carcere, puntate contro la popolazione che chiedeva clemenza a Ponzio Pilato.

Kenneth Whistler aveva con sé un pacco pesante. Era un enorme striscione, arrotolato. Lo aveva fatto preparare quel mattino.

Le luci del carcere cominciarono ad abbassarsi.
Quando si furono abbassate nove volte, Whistler e un amico si precipitarono alla camera ardente dove i corpi di Sacco e Vanzetti sarebbero stati esposti. Lo stato non sapeva più che farsene, delle salme. Venivano restituite a parenti e amici.

Whistler disse che due catafalchi eran stati eretti nella camera ardente, in attesa delle bare. Allora Whistler e il suo amico dispiegarono lo striscione e l’appesero alla parete, sopra i catafalchi.
Su quello striscione erano dipinte le parole che l’uomo che aveva condannato Sacco e Vanzetti a morte, il giudice Webster Thayer, aveva detto a un amico poco dopo aver emesso la sentenza:

Hai visto che cosa gli ho fatto a quei due bastardi anarchici, l’altro giorno?

Fonte: Kurt Vonnegut, Pezzo di galera (tit. orig. Jailbird), 1979, edizione Feltrinelli (2004), traduzione di Pier Francesco Paolini dal sito Filiarmonici.

.

fonte: http://www.controlacrisi.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=7956&catid=41&Itemid=68

La porta sbarrata, i misteri su Lele Scieri in un libro del giornalista Aldo Mantineo

La porta sbarrata, i misteri su Lele Scieri in un libro del giornalista Aldo Mantineo

.

Edito da Lombardi, uscirà ad ottobre: intervista ai genitori del parà

di Redazione

Siracusa – “Adesso sì, non ci sentiamo più di credere in questo Stato. Anzi, pensiamo che lo Stato abbia quasi rinunciato a rispondere alla nostra domanda di verità e di giustizia per la morte di Lele e ci abbia chiuso la porta in faccia. E adesso, undici anni dopo la perdita di nostro figlio e dopo che tutti i processi intentati in sede militare, penale e civile si sono chiusi con un nulla di fatto, quella porta è sbarrata”.

E’ uno dei passaggi della lunga intervista di Corrado Scieri ed Isabella Guarino, i genitori di Emanuele Scieri il giovane avvocato siracusano morto il 13 agosto 1999 in circostanze mai chiarite ai piedi della scala della torretta di prosciugamento dei paracadute nella caserma “Gamerra” di Pisa dove era giunto per svolgere il servizio di leva tra i parà della “Folgore”. La testimonianza dolorosa dei genitori fa parte del libro “La porta sbarrata. Misteri, omissioni e reticenti silenzi sulla morte di Lele Scieri” del giornalista siracusano Aldo Mantineo che il prossimo autunno sarà in distribuzione in tutta Italia per i tipi Lombardi Editori.

Lo sfogo di Corrado Scieri ed Isabella Guarino è stato raccolto dall’autore dopo che anche il Tribunale Civile di Catania ha respinto il ricorso della famiglia contro i vertici della   caserma “Gamerra” ed alcuni militari in servizio nei giorni in cui è consumata la vicenda. “Ad oggi possiamo dire che per lo Stato Italiano la vita di mio figlio valga 50 milioni delle vecchie lire: è stato questo, infatti, l’indennizzo ricevuto – si legge ancora nell’intervista –. Ma quello che brucia non è il mancato risarcimento richiesto, somme che avremmo destinato eventualmente ad azioni concrete non solo per tenere viva la memoria di Lele ma soprattutto per mettere in campo iniziative per far sì che mai più vicende simili possano verificarsi, quanto il fatto che abbiamo perso anche l’ultima speranza di poter rimettere in piedi l’inchiesta che è stata archiviata a Pisa nel 2001. E questo fatto brucia ancor di più perché il giudice Salvatore Barberi della Quinta Sezione Civile del Tribunale di Catania ha sì rigettato la nostra istanza ma ha anche scritto nel suo provvedimento che siamo in presenza di un omicidio, pur senza mai adoperare questo termine: “ (…) Si deve quindi concludere che la responsabilità circa il tragico fatto in esame è solo di quei soggetti, purtroppo non identificati e perciò rimasti impuniti, che hanno provocato la morte di Emanuele Scieri a seguito della caduta della torretta, aggiungendosi che questi soggetti sono rimasti non identificati anche per la condotta, penalmente rilevante, di altri che hanno consentito agli autori del crudele crimine in questione di sottrarsi alla loro individuazione da parte dell’autorità (…)” Adesso, dunque, possiamo solo confidare che, magari vinto dal rimorso, chi sa, e c’è certamente qualcuno che sa, trovi il coraggio di parlare”.

Nella foto, un dettaglio della copertina del libro

fonte: http://www.giornaledisiracusa.it/attualita/16375-qla-porta-sbarrataq-misteri-del-caso-scieri-in-un-libro-del-giornalista-aldo-mantineo.html