Archivio | tecnologia RSS for this section

F-35, semplici istruzioni per arrostire una nave

https://i0.wp.com/images.defensetech.org/wp-content/uploads/2011/10/F-35BWasptakeoff.jpg
fonte immagine defensetech.org

F-35, semplici istruzioni per arrostire una nave

.

https://i2.wp.com/st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/themes/carrington-blog/img/autori/TDeMarchi-thumb.jpg
di | 30 maggio 2013

.

A volte ho la tentazione di dare ragione a quei lettori che si chiedono se non abbia di meglio da fare che parlare dei difetti dell’F-35. Evidentemente sì, avrei molto di meglio da fare, ma se insisto non è tanto per i difetti ma per l’imbarazzante arroganza della Lockheed, da una parte, e degli Stati maggiori italiani, dall’altra, nel persistere a ripetere che a parte ciò, madama la Marchesa, tutto va bene, madama la Marchesa. Ma se è Nunzio Filogamo a cantare il ritornello uno ci ride sopra. Se lo fa chi vuol vendere (o comperare, dipende da chi parla) un aereo a colpi di bugie beh, come scrivevano Gino&Michele, anche le formiche nel loro piccolo s’incazzano.

L’ultima della infinita saga di “cosa non va nell’F-35” la racconta ancora una volta Aviation Week & Space Technology, la rivista statunitense certo non nota per essere un pericoloso covo di luddisti al soldo di chi vuole demolire l’Occidente e la sua civiltà. Dice il settimanale, in un articolo del 29 maggio, che per imbarcare la versione F-35B del caccia (quella che sarà usata dai Marines americani e dalla nostra Marina Militare) sono necessarie importanti modifiche al ponte di volo e alle sovrastrutture delle navi della classe Wasp. E questo perché? Per rimediare ai problemi causati dal calore dei motori dell’aereo.

Ora, le modifiche non sono robetta, a sentire l’ammiraglio Jonathan Greenert, il Chief of Naval operations dell’US Navy (l’equivalente del nostro capo si Stato maggiore della Marina) citato dalla rivista. È una lunga lista di interventi sulle navi in conseguenza della “specifica segnatura termica” dell’F-35B e “per compensare le aumentate sollecitazioni  associate agli scarichi del JSF”: schermatura, spostamento e rimozione di sistemi vulnerabili che possono essere danneggiati, quali antenne, imbarcazioni, reti di protezione e stazioni di rifornimento carburante. Inoltre, dice sempre l’ammiraglio, sarà necessario rinforzare il ponte di volo per sostenere le sollecitazioni, modificare il rivestimento del ponte, installare nuovi sistemi di alimentazione elettrica, aggiornare i sistemi di rifornimento delle munizioni. Continua l’ammiraglio: bisognerà spostare i sistemi di difesa antiaerea Phalanx, e i lanciatori di missili Sea Sparrow e RAM, e così pure le antenne di comunicazione satellitari e il sistema antincendio della nave. Bazzecole.

La cosa in sé non era inaspettata. Da tempo alcuni commentatori non stipendiati dalla Lockheed avevano denunciato il problema rappresentato dalle altissime temperature dei gas di scarico dell’aviogetto. Ma la società aveva negato l’evidenza, come sottolinea l’articolo di Aviation Week che accusa la Lockheed stessa e il Marine Corps di aver fatto nel 2010 dichiarazioni “erronee” in proposito. Il portavoce della ditta, John Kent, citato in un articolo del sito DoDBuzz del 14 aprile 2010, disse che le differenze di temperatura con l’AV-8B, che l’F-35 dovrebbe sostituire, “sono molto piccole e non dovrebbero richiedere significative” modifiche.

Non dovrebbero richiedere significative modifiche? Rifare mezza nave non sarebbero significative modifiche? Aviation Week un po’ maliziosamente sottolinea che la Marina statunitense non ha fatto sapere quanto tempo richiederanno. Sottointendendo che non saranno certo tempi brevissimi. Parliamo probabilmente di mesi di lavoro. D’altronde, come abbiamo visto, l’elenco delle cose da modificare è lungo e comporta anche il rafforzamento del ponte di volo, non un semplice rivestimento con materiali più resistenti. Per fare un esempio, nell’agosto 2011 la Marina statunitense dovette far costruire due piattaforme di decollo e atterraggio per l’F-35 nella basi di Beaufort e Yuma per un costo, ciascuna, di 21 milioni di dollari. Durante le prove avevano scoperto che i gas di scarico dell’aereo frantumavano il cemento (sì, il cemento) della pista sparando tutt’intorno veri e propri proiettili.

Su tutto ciò naturalmente qui da noi c’è blackout assoluto. Eppure l’F-35B dovrà essere imbarcato sull’ammiraglia della nostra flotta, la portaerei Cavour. Tra l’altro molto più piccola delle Wasp statunitensi a cui si riferiva l’ammiraglio e dunque la nostra nave è potenzialmente più bisognosa di modifiche perché gli spazi sono più angusti e gli effetti negativi del calore più evidenti. Quanto costeranno questi lavori? Quanto tempo richiederanno? Sarebbe interessante avere un risposta. Tanto più che nave Cavour è già stata coinvolta in un “infortunio” al ponte di volo. Appena entrata in servizio il rivestimento dovette essere rifatto perché si staccava. Lo scrisse l’ammiraglio Alberto Gauzolino nel documento “Linee guida dell’Ispettore logistico” del 7 gennaio 2009: Scrupolosa attenzione dovrà essere posta relativamente alla problematica del distacco del trattamento del ponte di volo al fine di verificare che sia risolta secondo le più ampie aspettative della Forza Armata, ristabilendo le previste condizioni di efficienza, affidabilità e “safety” necessarie per la normale operatività del ponte. L’ammiraglio parlava di un ponte progettato per gli Harrier che, pochi mesi dopo l’entrata in servizio della nave, già si dissolveva. Cosa succederà con l’F-35B? Faranno il barbecue tre ponti più in basso?

.

fonte ilfattoquotidiano.it

PRINT – EMAIL – PDF

Annunci

Condannato per i commenti al suo blog, nove mesi per “istigazione a delinquere”

http://asgard1.files.wordpress.com/2010/12/cartellopoli_oscurato.jpg
fonte immagini asgard1.wordpress.com

Condannato per i commenti al suo blog
nove mesi per “istigazione a delinquere”

Rese note le motivazioni della sentenza con cui due mesi fa è stato condannato iil responsabile della pagine Facebook Cartellopoli, che si batte contro il degrado urbano della capitale. E’ la prima sentenza di questo tipo in Italia

http://asgard1.files.wordpress.com/2011/04/paline-torrino.jpg
Cartellonistica stradale a Roma, quartiere Torrino (dal blog “MalaRoma“)

.

di ALESSANDRO LONGO

.

SONO STATI i commenti altrui a causare la condanna a nove mesi di carcere per il gestore della pagina Facebook Cartellopoli, dedicata alla lotta al degrado urbano di Roma. Sono arrivate infatti oggi le motivazioni della sentenza di due mesi fa con cui Massimiliano T. veniva condannato per “Istigazione a delinquere e apologia di reato”, su denuncia di una società di affissioni. Si apprende  solo oggi, quindi, che questa del Tribunale di Roma è la prima sentenza di questo tipo, in Italia e che apre scenari inediti. In sostanza, qualunque utente Facebook è ora a rischio di condanna, insomma: basta che tra i commenti ne appaia qualcuno che inviti a compiere reati di qualsiasi tipo.

La pagina di Cartellopoli si descrive come “Comitato online contro lo stupro, la svendita e la consegna della città di Roma alla lobby cartellonara”, questione di cui Repubblica si è occupata più volte in questi mesi.

Il problema, secondo il Tribunale di Roma, a quanto si legge nelle motivazioni odierne, è dato dai commenti postati da terzi, rimasti anonimi. Non solo: sono valsi la condanna anche i contenuti pubblicati in altri siti e poi ripresi sulla pagina. E cioè commenti che invitavano ad agire contro i cartelloni abusivi, ad organizzare iniziative di protesta. Come il blitz di Legambiente, di due anni fa. È così che ci è andato di mezzo il gestore della pagina, Massimiliano T., 34anni.

Afferma il Giudice nelle motivazioni della sentenza, infatti: “Pacifica essendo la responsabilità esclusiva in capo all’imputato per la gestione del blog (…) e dunque anche per il contenuto dei messaggi in esso pubblicati, è indifferente che si tratti di contenuti riferibili direttamente al T.  o ricevuti da altri utenti, essendo stato comunque il primo a curarne l’inserimento e la conseguente divulgazione al pubblico”.

“L’affermazione del T di non controllare il contenuto dei messaggi ricevuti prima di pubblicarli è priva di rilievo ai fini che qui interessano, sia perché formulata in termini assolutamente generici, sia perché la qualità dei contenuti di analogo tenore pubblicati sul blog nel corso del tempo è tale da rendere inverosimile che l’imputato potesse averne ignorato o male interpretato il contenuto”.

In base a quanto sostenuto dall’azienda che ha depositato la denuncia in Procura, sono state molte le azioni vandaliche, che hanno riguardato un centinaio di impianti in varie zone di Roma, messe in atto come “l’imbrattamento dei cartelloni con vernice spray e, successivamente, nel danneggiamento delle comici e nello smontaggio ed asporto delle plance pubblicitarie”.

“La sentenza è corretta in linea di diritto”, ribatte Andrea Monti, avvocato esperto di nuove tecnologie e fondatore dell’associazione Alcei per la libertà di espressione online. “Chi gestisce uno spazio di contenuti ha una responsabilità su tutto ciò che vi viene pubblicato. Se ci sono troppi commenti, deve dimostrare che non gli era possibile moderarli tutti ma che almeno ci ha provato”, continua. “Attenzione, vedete che è peggio per la libertà di internet se passa l’idea che le leggi non possono colpire pagine come Cartellopoli”, aggiunge Monti. “Significa dar ragione a coloro, come Laura Boldrini (presidente della Camera) che invoca nuove e più severe leggi sul web”.    (13 maggio 2013)

.

fonte repubblica.it

PRINT – EMAIL – PDF

INCHIESTA L’ESPRESSO – Le spese folli della Difesa

https://i2.wp.com/cdn.download.repubblica.it/kpmimages/kpm3/eol/eol2/2013/05/02/jpg_2206163.jpg

Le spese folli della Difesa 

Ventidue miliardi per digitalizzare l’Esercito, tre miliardi per i satelliti militari, oltre 600 milioni per un’arma contraerea che resterà prototipo. Ecco alcuni dei programmi più esosi e discubitili delle forze armate

.

di Gianluca Di Feo
02 maggio 2013

.

Forza Nec, Sicral, Skymed, Meads. Sono progetti militari ignoti ai più che si traducono in miliardi a carico dei cittadini. Ormai tutti gli italiani conoscono il supercaccia F35, diventato l’icona della spesa bellica esagerata. Ma “‘l’Espresso” nel prossimo numero in edicola descrive il buco nero della Difesa, che inghiotte ogni anno fiumi di denaro per iniziative di dubbia utilità. Grazie a un documento redatto dal governo Monti infatti è possibile ricostruire il costo previsto per alcuni degli investimenti più sorprendenti.

POTENZA SPAZIALE. Il capitolo più discutibile riguarda l’attività spaziale. L’Italia infatti ha una costellazione di satelliti spia e da comunicazione militare: sono già costati due miliardi di euro e si prevede di spendere un altro miliardo nei prossimi anni. Sei satelliti sono già in azione, parecchi altri stanno per raggiungerli entro il 2016. Per tenere in contatto brigate, flotte e stormi è in orbita la prima coppia di satelliti Sicral, a cui stanno per seguire il nuovo Sicral2 (costo 235 milioni di euro) e gli Athena, in consorzio con la Francia (63,5 milioni). Il solo piano Mgcp per la mappatura digitale del globo inghiotte 34 milioni. Misteriosi per definizione sono i nostri satelliti spia. Quattro sono già al lavoro: i Cosmo Skymed (costo 1.137 milioni) con i loro radar scansionano senza sosta i continenti e hanno prestazioni ammirate persino dalla Cia. Ora ne stiamo allestendo altri due di nuova generazione (550 milioni). In più siamo partner con i francesi per gli Helios2 (92,5 milioni), che fanno foto ovunque con obiettivi all’infrarosso. Come se non bastasse, due anni fa si è scelto di disegnare un altro 007 stellare made in Italy, chiamato Opsis: lo stanziamento iniziale è di 13,5 milioni. Finito? No, perché nel luglio 2012 i parlamentari prima di partire per le vacanze hanno ratificato l’acquisto di un ulteriore satellite spia: l’Opsat 3000, il gioiello israeliano che garantisce immagini portentose. Il satellite ideato dal Mossad ha un costo enorme: ben 350 milioni di euro, solo l’obiettivo della fotocamera verrà 40 milioni di dollari. Il fatto singolare è che al produttore di Tel Aviv andranno 182 milioni di dollari, mentre altri 200 milioni saranno intascati da Telespazio, azienda del gruppo Finmeccanica che curerà il lancio e la gestione delle infrastrutture. Si tratta di un’altra società molto cara all’esecutivo di centrodestra e in particolare all’ex sottosegretario Gianni Letta: il quartiere generale è in Abruzzo, nella natia Conca del Fucino, cuore di tutte le avventure spaziali nostrane.

A TUTTA FORZA. “L’Espresso” analizza poi il programma Forza Nec che prevede di trasformare tutto l’Esercito in un’unica rete digitale. Il preventivo è di 22 miliardi di euro, un record che surclassa persino le stime per il supercaccia F35. E’ una passione dell’ammiraglio Gianpaolo Di Paola, che l’ha imposta nel 2006 quando era a capo delle forze armate, l’ha sostenuta poi dal vertice della Nato e come ministro tecnico l’ha salvata dall’amputazione della spending review. Ed è una gioia anche per Selex Es, società di Finmeccanica, che come “prime contractor” gestirà tutto in esclusiva. Un ottimo affare, perché da qui al 2031 tutto quello che verrà comprato dall’Esercito passerà attraverso il programma Forza Nec: fucili, elmetti, maschere antigas, autoblindo, fuoristrada, carri armati dovranno essere “digitalizzati”. I fondi di Forza Nec finora sono serviti a Finmeccanica per studiare il “Soldato futuro” ossia una serie di gadget che non sfigurerebbero nel laboratorio di Mister Q dove si riforniva James Bond. C’è il mirino Specter integrato con una microtelecamera ad infrarossi. Ci sono occhiali per la visione notturna montati sull’elmetto. Mininavigatori gps piazzati sulla spalla. Telemetri sul lanciagranate coassiale che correggono automaticamente il tiro. Per i comandanti è allo studio un tablet blindato con touch screen, anche se molti sono scettici sulla possibilità di farlo funzionare in mezzo al fango delle battaglie. Prototipi che promettono meraviglie: finora ne abbiamo finanziati una ventina, spendendo 325 milioni. Con questi denari, si stanno “digitalizzando” solo 558 soldati: veri uomini d’oro, perché ognuno si porta addosso apparati hi-tech per un valore di mezzo milione di euro, incluse ovviamente le spese di sviluppo. Il guaio è che molti degli equipaggiamenti sono provvisori: destinati a essere rimpiazzati da altri congegni che ancora non sono stati messi a punto.

MISSILE DOPPIONE. Tra i tanti paradossi della tecnologia bellica a carico dei contribuenti c’è anche la scelta di finanziare due distinti programmi per la contraerea. Dieci anni fa l’Italia è entrata contemporaneamente nel consorzio europeo per il missile Samp-T e in quello con Germania e Stati Uniti per il missile Meads: entrambi destinati a fare più o meno le stesse cose. Il Samp-T adottato dall’Esercito è entrato in servizio. Per 1.200 milioni di euro potremo contare solo su cinque batterie operative: quanto basta per proteggere la capitale e Milano. Invece il più ambizioso sistema Meads concepito sull’asse Roma-Berlino-Washington è destinato al flop. La progettazione diretta dalla Lockheed è stata lenta e ha divorato fiumi di quattrini: oltre 3 miliardi di euro, inclusi 593 milioni sborsati dall’Italia. Un anno fa gli Usa hanno annunciato la fine degli stanziamenti. A quel punto i due governi europei hanno fatto pressioni d’ogni genere per convincere l’alleato a ripensarci. Il risultato è un compromesso: gli americani hanno tirato fuori 400 milioni di dollari, più o meno la stessa cifra che avrebbero dovuto pagare come penale per rompere l’accordo. Fondi che serviranno per completare solo lo sviluppo del radar, mentre il sistema Meads non diventerà mai operativo.

GENERALI IN AUTOGESTIONE. Di tutto questo, però, in Parlamento non si è mai discusso. Da oltre dieci anni generali e ammiragli sono di fatto in autogestione: programmano il loro futuro senza indicazioni a lungo termine da parte dei governi. L’ultimo “Libro Bianco” della Difesa venne redatto da Antonio Martino e presentato il 20 dicembre 2001: fu pensato in un altro mondo, che si godeva il boom economico e ancora doveva fare i conti con la guerra globale al terrorismo. Da allora spesso si prendono decisioni che rispondono più ai rapporti di potere tra le tre forze armate o alla visione del ministro in carica che non alle esigenze del Paese. La Marina, ad esempio, ha ridotto il numero di unità potenziandone il ruolo con l’ingresso in linea di due portaerei e quattro sottomarini. Con quale missione? La nostra sfera d’azione si è dilatata dalla Somalia alla Nigeria. E si cerca di giustificare l’attività dei sottomarini U212 – ultimi eredi degli Uboot tedeschi costati mezzo miliardo l’uno – affidandogli il pattugliamento del Mediterraneo contro improbabili mercantili di Al Qaeda. Spesso per giustificare la prosecuzione dei programmi, si inventa una nuova missione per i sistemi che si vuole acquistare da tempo. Così potrebbe accadere con le fregate Fremm, per le quali è prevista una spesa superiore ai cinque miliardi e mezzo. Finora sono stati stanziati soldi per costruirne sei mentre gli ammiragli ritengono che ne servano dieci. Le ultime navi allora potrebbero essere convertite alla lotta contro i missili balistici intercontinentali, per creare uno scudo navigante in caso di attacco di qualche Stato canaglia. Certo, i militari devono essere preparati a ogni minaccia: ma nell’Italia di oggi forse ci sono altri problemi, ben più urgenti delle incursioni di Teheran o di Pyongyang.

.

.

in edicola

Il giornale in edicola

fonte espresso.repubblica.it

PRINT – EMAIL – PDF

LONDRA – “Non buttatelo quando si rompe”. Ecco la scuola degli aggiustatutto

"Non buttatelo quando si rompe".  Ecco la scuola degli aggiustatutto

“Non buttatelo quando si rompe”.
Ecco la scuola degli aggiustatutto

Dal computer all’elettrodomestico, a Londra si organizzano workshop che svelano i segreti dei gadget elettronici. Per risparmiare e tutelare l’ambiente

ROSALBA CASTELLETTI
inviata de la Repubblica

.

LONDRA Bollitore rotto? Computer lento? Non c’è bisogno di precipitarsi in negozio per rimpiazzarlo con l’ultimo modello. In tempi di crisi economica ed ecologica, il motto è “riparalo, non disperare”. E “Repair, don’t despair” è per  l’appunto lo slogan adottato da due trentenni. .

Ugo Vallauri e Janet Gunter, questi i loro nomi, l’anno scorso hanno dato vita al “Restart Project”.  Sulle orme dei “Repair Café” di Amsterdam o dei “Fixers Collective” di Brooklyn, organizzano nella capitale britannica dei “Restart Party”: workshop mensili itineranti dove si impara gratuitamente a riparare il proprio gadget elettronico o elettrodomestico rotto.

C’è chi arriva lamentandosi della lentezza del proprio portatile per poi scoprire che basta aumentarne la memoria o chi si presenta con un rasoio elettrico malfunzionante e, con l’aiuto dei volontari e di qualche tutorial pescato su Internet, riesce a farlo operare nuovamente. Con un po’ di pazienza e di fortuna, alla fine si trova una soluzione all’80 percento dei problemi.

“L’idea – spiega Vallauri, trapiantato a Londra da Bra – mi è venuta dopo la mia collaborazione in Africa con la organizzazione non governativa britannica Computer Aid. In Kenya ho imparato approcci meno spreconi dei nostri. Lì non ci si sbarazza facilmente di qualcosa che può essere riparato. Si aggiusta tutto. Mentre noi spesso compriamo oggetti non dettati dalla necessità, ma dalla pigrizia e dalla mancanza delle conoscenze necessarie per la manutenzione di quelli che abbiamo già. Il nostro obiettivo non è offrire delle riparazioni gratuite, ma sconfiggere l’obsolescenza programmata e recuperare la manualità in una società esasperata dal consumismo”.

Il primo Restart Party si è tenuto lo scorso giugno ed è stato subito un successo. “Sin dall’inizio abbiamo raccolto l’interesse – continua Vallauri – non solo di chi spesso è frustrato dalla macchinosa e scoraggiante burocrazia delle garanzie previste dalle aziende produttrici, ma anche di chi vuole mettere la propria manualità e il proprio saper fare al servizio degli altri”. E il prossimo passo dell’organizzazione sarà proprio creare sul sito therestartproject. com una rete che metta in contatto chi cerca servizi con chi li offre: appassionati di riparazioni, sviluppatori di software, etc.

Complice la crisi economica, la cultura della riparazione sta soppiantando quella dell’usa e getta anche Oltremanica. In Olanda gli antesignani Repair Cafe sono oramai una trentina e hanno persino ricevuto una sovvenzione governativa di quasi mezzo milione di euro.

Gli australiani imparano a recuperare i loro gioielli agli incontri mensili organizzati da “The Tresaury” a Melbourne o ad aggiustare e reinventare i loro oggetti al Bower Reuse and Repair Centre di Sidney. Mentre a New York i Fixers Collective si incontrano una volta a mese.

Anche in Italia, dove ogni anno vengono prodotti un milione e mezzo di tonnellate di rifiuti elettronici, non mancano iniziative simili. Come la PcOfficina che organizza incontri settimanali a Milano dove, sul modello della ciclofficina, si riparano computer tra una birra e una chiacchiera. O come l’Oratorio digitale lanciato dall’associazione Ohibò che insegna ai ragazzi sopra gli 11 anni ad allungare la vita del cellulare o del lettore mp3 che già possiedono invece di inseguire le pubblicità dell’ultimo modello. La riparazione insomma è diventata un vero e proprio movimento. Perché fa bene all’ambiente e al portafoglio.
(09 aprile 2013)

.

fonte repubblica.it

PRINT – EMAIL – PDF

Ecco come le case automobilistiche truccano (legalmente) i test sui consumi

https://i0.wp.com/st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2013/03/consumo-benzina-interna-nuova.jpg

Ecco come le case automobilistiche truccano (legalmente) i test sui consumi

Bloccare la ricarica della batteria durante le prove, spogliare l’auto per farla pesare di meno, chiudere le fessure con nastro adesivo per ridurre l’attrito dell’aria, gonfiare al massimo gli pneumatici: secondo uno studio di una Ong, sono alcuni degli escamotage con cui l’industria a quattro ruote raggira gli automobilisti

.

di | 28 marzo 2013

.

Avete comprato un’auto che consuma più di quanto vi era stato detto? Il motivo può essere la vostra guida sportiva. O, più probabilmente, il fatto che le case automobilistiche hanno barato durante i test sui consumi di carburante. A rivelarlo è Transport & Environment (T&E), Ong legata all’Unione europea e ormai presente in 23 nazioni. La T&E, nel suo ultimo studio, spiega come i costruttori riescano a far sembrare i consumi dei loro veicoli di gran lunga inferiori a quelli reali. Bloccare la ricarica della batteria durante le prove, spogliare l’auto per farla pesare di meno, chiudere le fessure con nastro adesivo per ridurre l’attrito dell’aria, gonfiare al massimo gli pneumatici: sono solo alcuni dei creativi escamotage che, tirate le somme, “costano agli automobilisti europei migliaia di euro ogni anno”. Le differenze fra i dati ufficiali e quelli riportati dallo studio non sono affatto trascurabili: il consumo di carburante dichiarato dai costruttori, infatti, è in media del 25% inferiore a quello reale, e in alcuni casi addirittura del 50%.

Lo studio di T&E, Mind the gap!, sta mettendo in imbarazzo gran parte dell’automotive europea e “indica che i controlli correnti sui veicoli […] sono incoerenti e inadeguati, con i produttori che pagano le organizzazioni che certificano le prove”. I metodi per eseguire i test, quindi, sono ormai “superati e non rappresentativi del mondo reale”. Secondo gli studiosi, il problema è racchiuso in un “lassismo nelle procedure di collaudo” che sta permettendo alle case automobilistiche di “manipolare le prove ufficiali, per produrre risultati irrealistici”. Che fare, dunque? Serve “un aggiornamento urgente dell’attuale sistema di misurazione dei consumi”.

I trucchi usati dalle case automobilistiche, per quanto scorretti, sono del tutto legali. Sono i test che, sottolinea l’ong, a decenni di distanza dalla loro entrata in vigore non sono più applicabili. Sotto accusa in particolare il New European Driving Cycle (Nedc): introdotta in Europa per la prima volta nel 1970, questa prova vuole rappresentare l’uso tipico di una vettura per valutarne i livelli di emissioni inquinanti. Come fa notare T&E, però, i veicoli sono ben diversi da quelli dei decenni passati (una seconda versione del Nedc è stata introdotta nel 1990), tanto che il gap fra le prestazioni dichiarate e quelle reali aumenta man mano che i modelli sono più nuovi. Secondo un’analisi svolta (sempre per T&E) da un laboratorio indipendente, infatti, le prestazioni dei veicoli sono peggiori in condizioni reali rispetto ai risultati ottenuti nelle prove ufficiali, in media, del 19% per i modelli più vecchi, e addirittura del 37% per quelli più recenti.

I dati delle case automobilistiche sono stati confrontati nel report anche con quelli raccolti da singoli automobilisti di Germania, Paesi Bassi e Svizzera in database come Spritmonitor.de. Siti che, raccogliendo le testimonianze degli automobilisti, hanno mostrato più di ogni altra analisi la gravità del fenomeno. “Le case automobilistiche in Europa stanno truffando i propri clienti e manipolando le prove ufficiali, portando a migliaia di euro di costi aggiuntivi”, afferma Greg Archer, manager di T&E. A essere frodati, però, sono anche “le leggi comunitarie, volte a ridurre le emissioni di CO2 delle autovetture e dei furgoni”. Il motivo? “L’attuale procedura consente inspiegabilmente al costruttore di dichiarare emissioni di CO2 fino al 4% al di sotto di quelle effettivamente misurate”.

Cifre importanti, che fanno sperare lo studioso di vedere introdotti nei prossimi anni nuovi test, in modo da riflettere maggiormente le condizioni di guida reali. “Fornire informazioni affidabili circa i consumi di carburante delle automobili aiuta i conducenti a scegliere modelli con minori costi di esercizio”, scrive T&E nel suo rapporto: “Avere accurati test sulle emissioni di CO2 dei veicoli è invece essenziale per consentire ai governi di imporre il corretto livello di tasse automobilistiche e garantire efficaci regolamenti di riduzione delle emissioni delle nuove autovetture”. Arrivati a questo punto, però, serve anche riportare gli automobilisti a fidarsi dei costruttori. Ma come? “L’unico modo per ricostruire questa fiducia è quello di colmare le lacune nelle procedure di prova in corso”, insiste Greg Archer: “E garantire che gli imbroglioni non prosperino”.

.

fonte ilfattoquotidiano.it

PRINT – EMAIL – PDF

SCIENZA & TECNOLOGIA – Pisa, i ricercatori del S.Anna scoprono l’Internet superveloce. Il precedente primato era già italiano

Raddoppiato il record (italiano) precedente

https://i0.wp.com/www.hardware.com/images/news/articleimages/Terabit_ethernet.jpg
fonte immagine

Pisa, i ricercatori del S.Anna scoprono l’Internet superveloce

L’esperimento di un team di studiosi della scuola toscana condotto in Australia ha infranto il primato mondiale. Mille chilometri a un terabit al secondo

https://i0.wp.com/cdn.download.repubblica.it/firenze/images/2013/03/25/175412615-cc70dfe6-e041-423f-a441-3816a0272942.jpg

.

di MARIO NERI

.

Si potranno fare 15 milioni di videochiamate al secondo, e nello stesso tempo potrete scaricare 25 dvd multimediali. Oppure si potranno garantire 50mila connessioni adsl a 20 milioni di bit di velocità. Sembra fantascienza ma i ricercatori giurano che fra poco sarà realtà. E per tutti. Sono solo alcune delle cose rese possibili dall’ultima scoperta di un gruppo di ricercatori italiani, gli ingegneri e gli informatici della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Che in pratica sono riusciti a viaggiare su Internet a una velocità supersonica, quella più alta mai raggiunta.

Il precedente primato era già italiano

Mille chilometri a un terabit al secondo. Da Sydney a Melbourne. Mille chilometri percorsi da mille miliardi di bit e da dati informatici ad alta intensità tecnologica per un record tutto italiano. Quello stabilito dai ricercatori della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa con un test svolto in Australia e con cui viene infranto il primato mondiale di velocità su Internet. È l’ultima impresa messa a segno dal team di studiosi del gruppo di ricerca che lavora all’Istituto di tecnologie della comunicazione, dell’informazione e della percezione (Tecip) del Sant’Anna insieme ai ricercatori del Laboratorio nazionale di reti fotoniche del Consorzio nazionale interuniversitario per le telecomunicazioni (Cnit).

Durante le sperimentazioni è stato doppiato il record precedente, di 448 milioni di bit al secondo. Finora viaggiare a un terabit al secondo sul web era impensabile. Il risultato è frutto di una ricerca condotta in collaborazione con Ericsson e la compagnia telefonica australiana Telstra, che ha messo a disposizione la rete di trasmissione. Una scoperta che potrebbe rivoluzionarie il web e la vita di chi quotidianamente naviga in Rete. E per farlo, i ricercatori non hanno dovuto sfruttare una banda innovativa. “Impieghiamo tecnologie inventate da noi – spiega Luca Potì, appena tornato dall’Australia dopo un mese di test, calcoli e sperimentazioni – per aumentare la velocità senza aumentare l’utilizzo della banda. Si tratta di un sistema nuovo di compressione che ci consente di innalzare moltissimo la quantità dei dati trasmessi nelle attuali reti di fibra ottica, senza modificarle in alcun modo”

Secondo le aziende e gli studiosi, infatti, fra 4 anni la velocità record sperimentata in Australia potrà essere una realtà. Sarà cioè possibile aumentare fino a 10 volte i livelli di navigabilità dei migliori impianti attuali.  In un secondo potranno essere trasmessi 200 milioni di chiamate voip o scaricatoi 25 dvd e trasmessi in simultanea 300mila video ad alta definizione. Ma “il nostro obiettivo – dice Potì – è riuscire a raddoppiare ancora, ed ad arrivare a 2 terabit nel prossimo dicembre”. (25 marzo 2013)

.

fonte firenze.repubblica.it

PRINT – EMAIL – PDF

Ambiente, in tutto il mondo luci spente per l’Ora della Terra 2013 / M’illumino di LED

https://i0.wp.com/www.repubblica.it/images/2013/03/23/150631185-1e70fe00-5efe-45e6-89cd-fc8c0226f635.jpg
L’Australia ha dato il via all’Earth Hour, l’Ora della Terra che oggi in tutto il mondo scandisce l’impegno contro il surriscaldamento globale – GUARDA LA GALLERY

**

Ambiente, in tutto il mondo luci spente per l’Ora della Terra 2013

.

ultimo aggiornamento: 23 marzo, ore 16:06
Roma – (Adnkronos) – E’ oggi alle 20:30 a seconda dei fusi orari. In Italia saranno 280 le città coinvolte, a Roma si spegnerà anche la cupola di San Pietro. La Uefa spegnerà le luci della sede centrale a Nyon

.

Roma, 23 mar. (Adnkronos) – Dall’Opera House di Sydney alla Porta di Brandeburgo, dalla Torre di Tokyo all’Empire State Building di New York, sono solo alcuni dei luoghi simbolo di tutto il mondo che partecipano all’Ora della Terra 2013, oggi alle 20:30 (a seconda dei fusi orari). Come ricorda il Wwf, le città italiane coinvolte sono 280 e a Roma si spegnerà anche la cupola di San Pietro.

Tra le diverse adesioni, ricorda il sito dell’organizzazione mondiale per la conservazione della natura, ci sono anche quella del Segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, che ha detto “Partecipiamo con determinazione per agire sui cambiamenti climatici”, e del calciatore Lionel Messi, che ha comunicato la sua adesione sulla sua pagina Facebook. Saranno oltre 150 i Paesi che parteciperanno in tutto il mondo: Palestina, Tunisia, Galapagos, Suriname, Guyana Francese, St. Helena e Rwanda sono tra quelli che entrano a far parte del movimento globale per la prima volta proprio quest’anno.

Tra le novità, la Uefa, l’organo di governo del calcio europeo, spegnerà le luci della sede centrale a Nyon, sulle sponde del Lago Ginevra in Svizzera. Anche la Russia si è unita all’evento con 100 luoghi simbolo in 50 città e paesi.

.

fonte adnkronos.com/IGN

_____________________________________________________

M’ILLUMINO DI LED

https://i2.wp.com/www.inmeteo.net/blog/wp-content/uploads/2013/03/led.jpg

Risparmiare? Facciamolo con i LED! Si risparmiano anche i soldi

.

RISPARMIARE? Usiamo i led! Oggi si celebra la giornata dell’ormai famosa “Ora della Terra”, indetta dal WWF, come evento globale contro i cambiamenti climatici e per sensibilizzare a uno stile di vita più sostenibile. Tante le iniziative, come quella di tenere spente le luci (a partire dalle ore 20.30 per almeno un’ora, attraverso tutti i fusi orari del Mondo). E in occasione di questa giornata, si è parlato molto del fattore risparmio energetico.
Al fine di rendere piu’ eco-compatibili le luci di casa, il WWF (e non solo), consiglia di utilizzare le luci a tecnologia led (piu’ comunemente Led), cioè diodi ad emissione luminosa, che portano reali benefici non soltanto all’ambiente, ma anche al nostro portafoglio, e consentono così un doppio risparmio. I Led sono disponibili in varie forme sia per la casa che per l’illuminazione pubblica e permettono di abbattere notevolmente, soprattutto nel lungo periodo, l’energia consumata e i relativi costi.

Il Wwf ha elencato i punti a favore dei Led rispetto alle lampadine a basso consumo: stessa efficienza energetica, a volte addirittura superiore (70-80 lm/W), maggiore durata (fino a 40mila ore), migliore resa del colore, ottimo fascio di luce, luce brillante, accensione immediata, adatti anche a basse temperature (al contrario delle lampadine a basso consumo), nessuna irradiazione ultravioletta, (importante per l’uso in musei, negozi di alimentari e tessili), fonte di luce puntiforme come elemento creativo per i designer della luce. Sul sito Top ten del Wwf una guida permette di paragonare dieci marche differenti per ogni tipologia di wattaggio dei Led.  

***

generic image
Lancia la tua sfida
Lanciare la tua sfida per salvare il Pianeta

 

Scegli la luce giusta
La nuova guida TOPTEN aiuta a scegliere il LED più efficiente per illuminare casa e ufficio

***

fonte inmeteo.net

PRINT – EMAIL – PDF