Archive | ottobre 2007

HAPPY HALLOWEEN!

Annunci

GLI IMMIGRATI IN PIAZZA PER I LORO DIRITTI

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

28 ottobre a Roma

La prima e più grande manifestazione d’autunno contro il governo

di Claudio Mastrogiulio

Domenica 28 ottobre 2007 sono scesi in piazza a Roma, bissando la dimostrazione di forza evidenziata il giorno prima a Brescia, più di diecimila immigrati. La manifestazione, organizzata dal combattivo “Comitato Immigrati in Italia”, si è caratterizzata per delle note positive e incoraggianti rispetto alla prospettiva di una crescita del movimento di opposizione dei lavoratori immigrati e italiani al governo Prodi. La genuinità delle parole d’ordine si sono felicemente accompagnate alla presenza in piazza di migliaia di immigrati esausti, avviliti, ma anche consci del fatto che uniti nella lotta si possono raggiungere risultati positivi in termini transitori (il permesso di soggiorno per tutti incondizionatamente e immediatamente), ma soprattutto in termini generali (la cittadinanza italiana per chiunque viva e lavori in Italia e per i figli degli immigrati nati nel nostro Paese).

La radicalità delle parole d’ordine non si è fermata alle richieste di sanatoria e di permesso di soggiorno generalizzato ma ha abbracciato la risposta fiera della piazza a tutte le politiche razziste in termini di immigrazione che in Italia si stanno susseguendo senza sosta da più di dieci anni.

Tutto è partito dalla Turco-Napolitano che ha avuto l’infame demerito di istituire i Cpt, vale a dire veri e propri lager di Stato, decretati per legge ed in cui si assiste puntualmente all’abolizione dei diritti umani nei confronti di uomini e donne che hanno avuto la sola colpa di essere nati qualche centinaio di chilometri più a sud o più ad est rispetto al gotha del capitalismo internazionale. Questi puntuali attacchi alle condizioni degli ultimi della società sono continuaticon la Bossi-Fini. Questa legge rappresenta la più ferrea applicazione della rozza logica di discriminazione e sfruttamento che sottende all’approccio dei poteri forti italiani nei confronti degli immigrati. Non ci dilunghiamo troppo sulle peculiarità di questa legge, dato che basta anche solo osservarne le conseguenze per capire da quali logiche sia stata partorita e soprattutto per quale fine. Il governo Prodi (ministro del Prc, Ferrero, alla “solidarietà”) ha legiferato sull’immigrazione in sostanziale continuità con la precedente parentesi amministrativa del capitalismo non inserendo né la chiusura dei Cpt nè la regolarizzazione del milione di immigrati presenti in Italia. Anzi una delle decisioni prese in merito è stata quella che vede come prerogativa imprescindibile per l’ingresso in Italia il cosiddetto “sponsor”, vale a dire la certificazione di avere un padrone che aspetta i flussi migratori non accompagnati da alcun diritto per poter accrescere sempre più i propri profitti e le proprie rendite.
Durante la manifestazione sono stati più volte ricordati due episodi che dimostrano l’essenza razzista e repressiva del governo italiano e di tutte le politiche che a esso sono riconducibili: l’assurdo blocco di 2.000 lavoratori immigrati che partivano da Napoli per raggiungere Roma ed unirsi alla manifestazione; la morte di almeno sette immigrati -proprio l’altro giorno- nelle acque della Calabria, immigrati che tentavano disperatamente di raggiungere l’Italia per migliorare la propria vita e che per tutta risposta vengono lasciati in balìa di sfruttatori illegali come gli scafisti oppure soggetti alle barbarie degli sfruttatori “legali” come le forze dell’ordine e il potere a cui rispondono.

I padroni italiani hanno bisogno degli immigrati, è infatti evidente che i lavori più umili e rispetto ai quali i lavoratori italiani vedono un riscontro per le loro tutele, sono sempre più affidati ai lavoratori stranieri. Come detto il capitale ha un bisogno congenito di questo importante e significativo pezzo della classe operaia ma, in continuità con la sua essenza sfruttatrice e classista, non vuole riconoscere a questi lavoratori i più basilari dei loro diritti, le più elementari delle loro tutele.


L’unità tra i lavoratori come unica risposta
I poteri forti italiani, nel loro disegno organico di sfruttamento indiscriminato, hanno dalla loro la sovrastruttura giuridica che ne fa da garante, accompagnata ovviamente da tutta quella pletora di cani e lacchè che in maniera calzante il vecchio Engels chiamava “bande armate a servizio del capitale”. La risposta alle politiche dei governi borghesi di centrodestra e centrosinistra in materia di immigrazione e di lavoro non può che essere unitaria, radicale, netta e caratterizzata da forti connotati di classe. Non vedere l’ampiezza di questo disegno organico risulta quanto mai improbabile se si osservano i parallelismi non soltanto temporali ma anche più prettamente politici tra gli attacchi ai diritti al lavoro, a una pensione, a una vita dignitosa nei confronti dei lavoratori italiani e gli attacchi alle più basilari condizioni di vita che devono caratterizzare qualsiasi essere umano, qualunque sia la sua nazionalità, qualunque sia la sua provenienza.

L’organicità e la cooperazione che le classi dominanti hanno dimostrato tra loro al di là dei confini nazionali è stata evidente quando, ad esempio, sono stati firmati i primi “protocolli d’intesa” tra le forze dell’ordine costituito italiane e quelle dei diversi Paesi di provenienza per permettere più facilmente la cacciata degli immigrati dall’Italia. La stessa essenza unitaria dovrà caratterizzare la risposta degli immigrati e di tutti gli sfruttati che contestualmente al perdurare della difesa degli interessi di Confindustria e di tutti i poteri forti italiani hanno visto peggiorare inesorabilmente le loro condizioni di vita. Continuare sulla strada tracciata con le manifestazioni del 27 e 28 ottobre è necessario per poter attuare una continua, reale e duratura dimostrazione di forza ma soprattutto dimostrazione di fierezza, dignità e volontà di riscatto da parte di tutte quelle forze sociali oppresse più o meno evidentemente dal giogo sfruttatore del capitalismo.

Roberto Angiuoni (dirigente PdAC) tiene un comizio applauditissimo
Una manifestazione esemplare, la più grande contro il governo in questo autunno.
Il Partito di Alternativa Comunista è stato tra gli organizzatori dell’imponente manifestazione romana (così come ha partecipato anche alla manifestazione del Nord, tenuta sabato a Brescia).
Alternativa Comunista è stata, insieme con l’organizzazione del “Che Fare”, l’unica sigla politica presente massicciamente in piazza, a dispetto di quei partitini nominali o binominali (il diminutivo è per la loro consistenza politica e non numerica) che sono presenti solo quando c’è da comparire sulla stampa (che ha ignorato la manifestazione, nonostante persino l’Ansa parlasse di diecimila manifestanti a Roma). Spiace rimarcare che mancavano (o sono passati velocemente, senza militanti al seguito) i parlamentari “critici” e i sedicenti “leader” di movimento: forse perché non c’erano i riflettori della Tv?

Comunque sia, si sono persi la più grande manifestazione finora fatta, in questo autunno, contro il governo Prodi. Una manifestazione che può dare la linea a tutte le prossime mobilitazioni.

Il PdAC partecipe fin dalla sua nascita, quotidianamente, nelle lotte degli immigrati, era ben presente. E il nostro intervento è stato tra i più applauditi in piazza, motivo che ci permette di affermare e ribadire con forza che le posizioni di coerenza e nettezza politica pagano in termini di legittimità all’interno di un movimento così eterogeneo, variegato ma anche genuino e sincero. Le nostre parole d’ordine sono state mirate a sottolineare la continuità tra le politiche dei due poli borghesi, il parallelismo tra le guerre sociali e militari di Prodi, ponendo l’accento infine sulla necessità dell’unità rispetto al prossimo fondamentale appuntamento che la classe lavoratrice e i giovani (nativi e immigrati) avranno il dovere di non mancare e rispetto al quale dovranno presentarsi con la stessa forza e la stessa radicalità osservate in questa manifestazione, vale a dire lo sciopero generale del 9 novembre.

Nella sezione foto del nostro sito http://www.alternativacomunista.org/
potete vedere altre decine di foto della imponente manifestazione degli immigrati.

Il telefonino del futuro? Lo hanno inventato a Perugia giovani universitari

di Chiara Conti

Si chiama CamaBiLife ed è il rivoluzionario telefono cellulare progettato da un gruppo di giovani talenti dell’Università degli Studi di Perugia, così innovativo che il team si è aggiudicato la quarta edizione del Nokia University Program (Nup).

Cos’è il Nup. L’iniziativa, promossa dalla società leader mondiale nel campo della telefonia mobile, si propone di fare incontrare concretamente e aprire un dialogo fattivo tra università e impresa.
Gli studenti, guidati da uno o più docenti, hanno 2-3 mesi di tempo per elaborare una ricerca e proporre un business case.

Il premio, nato nel 2003, col tempo ha visto partecipare sempre più poli universitari e facoltà: dalla prima edizione, rivolta esclusivamente agli studenti di due atenei romani, il piano formativo è cresciuto coinvolgendo oggi 10 università e contribuendo a creare sinergie inter-facoltà e pertanto a stimolare l’interdisciplinarietà. Il numero dei giovani talenti è passato dai 500 del 2003 agli oltre 2mila di quest’anno. Nel dettaglio, l’edizione 2007 ha interessato gli studenti delle facoltà di economia, ingegneria e scienze della comunicazione dell’università di: Catania, Bologna, Pescara, Ancona, Milano, Parma, Perugia, Torino, Roma e Salerno.
Il progetto vincente. In particolare, a presentare CamaBiLife e a meritarsi il riconoscimento da Nokia, sono stati Irene Bassani, Tatiana Del Rocio Soriano Cordova e Valentino Cicero, tutti quanti studenti presso la facoltà di economia di Perugia.
Chiamati a sviluppare un progetto che avesse come protagonista l’integrazione delle reti fisse e mobili (convergenza) e la possibilità di declinarla in funzione delle diverse categorie di bisogni dei consumatori (divergenza), il gruppo perugino ha risposto con un dual phone (doppio telefono) che unisce, tramite il design molto innovativo, perfettamente simmetrico, due apparati identici con caratteristiche all’avanguardia.
«Due sono i punti di forza di questa proposta, – dichiara Andrea Facchini, Direttore Marketing di Nokia Italia – innanzitutto, l’aver ideato un telefono che, essendo doppio, sia in grado di soddisfare le esigenze dei clienti più evoluti, abituati a utilizzare due telefoni per sfruttare le varie offerte economiche degli operatori di telefonia. In più è pensato ecofriendly, cioè dotato di un sistema di autoricarica ecocompatibile».
Il mobile, infatti, è dual dentro e fuori: internamente con doppio supporto per la sim card, doppio processore e due antenne; esternamente con due display, tastiere, auricolari, microfoni e videocamere. Un doppio utilizzo facilitato dalla condivisione di una memoria, un software e una batteria.
Ma questa forte attenzione alla funzionalità e praticità si sposa con la necessità di ricorrere a un sistema di alimentazione che sfrutti energia pulita, in quanto CamaBiLife rispetta l’ambiente grazie alla presenza di micro pannelli solari che rivestono l’intera superficie del telefono, con l’unica eccezione del display.
Inoltre, il cellulare non passa inosservato per il suo changeble design con forme e colori in una combinazione del tutto nuova mediante la cover di materiale plastico, cangiante a seconda della luce presente. La scala di tonalità va dal trasparente vitreo, da permettere alla luce di raggiungere i micro pannelli solari, al nero, che rende il telefono un elegante oggetto di tendenza, passando per la scala dei colori dell’iride.
Infine, dal momento che è pensato per un uso continuo nei diversi momenti della giornata, CamaBiLife è ergonomico, ossia dalla forma smussata e contenuta per consentire la rotazione nel palmo della mano con estrema facilità.
Ma questa intuizione un giorno potrebbe tradursi in realtà ed arrivare sul mercato? E’ ancora troppo presto per dirlo ma un giorno chissà…
«L’obiettivo di fondo del premio non è tanto di realizzare un progetto ma di avvicinare e preparare i giovani al mondo del lavoro, facendo sì che imparino ad esercitarsi e a strutturare un business case. La progettazione, a riprova, prevede anche l’individuazione delle strategie di marketing per definire il prezzo, la pubblicità e i canali vendita del prodotto». In ogni caso – chiosa Facchini – «Si tratta di uno straordinario patrimonio di conoscenze, visioni e interpretazioni da coltivare e con cui continuare a confrontarsi».

fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Business/2007/10/nokia-prototipi.shtml?uuid=f2ec775a-86b7-11dc-9f3e-00000e251029&type=Libero

Pedofilia, Meter denuncia portale da un milione di dollari al giorno

Siracusa, 31 ott. (Adnkronos/Ign) – Un portale da un milione di dollari al giorno. E’ quello denunciato oggi alla Polizia postale italiana di Catania dai volontari di Meter, l’associazione antipedofilia fondata e guidata da don Fortunato Di Noto. ”Per rabbia, pudore e vergogna – riferiscono i volontari – non riportiamo le descrizioni che i pedofili anticipano per ogni film ma che rappresentano esattamente il contenuto dei filmati”.

Il sito, forse ucraino ma con server negli Stati Uniti, vende dvd a sfondo pedopornografico in cui i bambini fanno sesso con adulti. Ci sono 102 titoli e oltre 7.000 foto. E il settore rende: solo oggi 2.457 persone hanno acquistato video on line. Il sito spedisce una mail che, con discrezione, indica come effettuare il pagamento senza “avere noie con polizia, legge, FBI” e vende un filmato mediamente a 350 dollari l’uno. Per un incasso totale, stimato, di 859.950 dollari.

Proprio oggi l’Italia ha aderito al Virtual Global Taskforce (VCG), l’organizzazione internazionale fondata nel 2003 per coordinare le attività delle polizie di diversi Paesi nell’azione di contrasto alla pedofilia on line. Il nostro Paese si aggiunge così ai 4 Paesi fondatori (Stati Uniti, Australia, Inghilterra e Canada) e all’Interpol, e si prepara a condividere informazioni e strumenti con le polizie di questi stati con l’obiettivo di contrastare la presenza dei pedofili sul web e di sensibilizzare le persone a un corretto uso di internet.

fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/Cronaca/?id=1.0.1496628900

Birmania, nuovo corteo di monaci buddisti

Un centinaio di tonache tornano in strada dopo la violenta repressione del mese scorso
Il rapporto dell’organizzazione umanitaria Human Rights Watch: “Comprati a dieci anni”

La denuncia: “Arruolati bambini-soldato”

RANGOON – Tornano a sfilare i monaci contro il regime birmano. Circa duecento bonzi in saio rosso hanno dato vita ad un nuovo corteo per la democrazia lungo le strade di Pakkoku, una delle città nella Birmania centrale dove è nata la protesta. Mentre si dirigono verso la pagoda di Shwegu, i monaci cantano e recitano la ‘Metta Sutta’, la preghiera di Budda sull’amore universale. E’ la prima volta che i monaci birmani tornano in piazza dopo le violente repressioni dello scorso mese.

L’inviato Onu, Gambari, tornerà questo fine settimana nel Paese per tentare di riavvicinare governo e opposizione. La giunta militare birmana ha intanto liberato 7 esponenti della Lega per la democrazia, il partito di Suu Kyi, di cui 150 membri sono ancora in carcere.

Intanto l’organizzazione umanitaria Human Rights Watch, denuncia che l’esercito birmano ricorre a bambini soldato per far fronte al fenomeno della diserzione. Il rapporto della Hrw sostiene che la giunta militare abbia autorizzato i reclutatori a “comperare” bambini, alcuni non hanno neppure dieci anni.

I bambini-soldato sono reclutati in strada, alle fermate dell’autobus o nelle stazioni ferroviarie, nelle povere case dei loro genitori, costretti a seguire i loro aguzzini con la minaccia dell’arresto. “Alcuni vengono picchiati fino a quando non accettano”, si dice nel rapporto intitolato “Venduti per essere soldati”. Secondo Hrw, sarebbero migliaia i bambini arruolati in questo modo.

“I generali del governo tollerano l’arruolamento di bambini e non puniscono coloro che lo esercitano”, sostiene Jo Becker, incaricato della difesa dei diritti dei bambini. “In questa atmosfera i reclutatori militari si dedicano a piacimento al traffico di minori”.

(31 ottobre 2007)

fonte: http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/esteri/birmania-2/nuovi-cortei-monaci/nuovi-cortei-monaci.html

Sicurezza, Veltroni contro la Romania


Dopo l’aggressione della donna a Tor di Quinto il sindaco della capitale duro contro Bucarest: “No a flussi incontrollati di immigrati”. Napolitano: “Barbara aggressione”

Cdm straordinario sul ddl espulsioni

Si convertirà in decreto legge la parte del disegno di legge contenute nel pacchetto sicurezza

Fini: “Demolire le baraccopoli, identificare ed mandare via i clandestini”

ROMA – “E’ necessario assumere iniziative straordinarie e d’urgenza sul piano legislativo in materia di sicurezza”. Lo ha detto il sindaco di Roma e leader del Pd Walter Veltroni durante una conferenza stampa improvvisata in Campidoglio dopo l’aggressione della donna a Tor di Quinto. Veltroni ha avuto parole dure contro Bucarest: “Non si possono aprire i boccaporti”, ha detto, ricordando che Roma era la città più sicura del mondo “prima dell’ingresso della Romania nell’Ue”. Oggi Prodi ha chiamato il premier Rumeno, mentre Napolitano ha parlato di barbara aggressione”

Prodi. Il presidente del consiglio, Romano Prodi, ha convocato un Consiglio dei ministri straordinario in serata a Palazzo Chigi. All’ordine del giorno “provvedimenti di contrasto alla criminalità”: si dovrebbe convertire in decreto legge la parte del disegno di legge in materia di espulsioni. Prodi ha chiamato il premier rumeno, Calin Popescu Tariceanu, per rappresentare il “dolore e lo sconcerto suo personale e di tutto il governo italiano” per la tragedia accaduta oggi a Roma. Il premier ha chiesto a Tariceanu “un impegno molto fermo di cooperazione” tra i due paesi.

Napolitano. “Profondamente impressionato per la barbara aggressione criminale di cui è stata vittima la sua consorte, accolga le espressioni della mia più affettuosa partecipazione al suo sgomento e alla sua ansia”, è il messaggio che il presidente della Repubblica ha inviato al marito di Giovanna Reggiani. “
L’episodio di efferata violenza – dice ancora Napolitano – richiama ancora una volta l’attenzione delle istituzioni sulla necessità di compiere ogni sforzo per garantire il bene prezioso della sicurezza e della vita dei cittadini.”

Veltroni. Il sindaco di Roma ha parlato di “un vero, autentico orrore” e ha aggiunto che “si tratta di un’espressione di violenza che da qualche mese ha cominciato a manifestarsi in questa città e che testimonia che c’è stato un cambiamento di clima”.

“Non si può girare intorno – ha ribadito il leader del Pd – la sicurezza è una grande questione nazionale che chiama in causa iniziative d’urgenza sul piano legislativo: i prefetti devono poter espellere i cittadini comunitari che hanno commesso reati contro cose e persone”. Su questi temi Veltroni ha incontrato al Viminale il ministro dell’Interno Giuliano Amato e il prefetto di Roma Carlo Mosca.

“Credo che l’Italia debba porre la questione” riguardo ai flussi migratori provenienti dalla Romania “in sede europea: è un problema di natura politica. Ritengo che l’Europa debba chiamare in causa le autorità romene”, ha detto il sindaco di Roma. “Se si sta in Europa – ha aggiunto determinato – bisogna starci a certe regole: la prima non può essere quella di aprire i boccaporti e mandare migliaia di persone da un Paese europeo all’altro”.

Veltroni ha poi ricordato il vertice avuto qualche giorno fa con il ministro dell’Interno della Romania “durante il quale – ha detto – sono stato duro quanto necessario, anche se qualcuno mi ha accusato di esserlo stato troppo”. Infine il sindaco e leader del Pd, ha ricordato che “prima dell’ingresso della Romania nell’Unione europea, Roma era la città più sicura del mondo”.

Il sindaco ha citato gli episodi di criminalità. Da quello “al ciclista ucciso all’aggressione al regista Tornatore, a una consigliera municipale, alla violenza sessuale verso una ragazza e questo episodio orrendo. Tutti questi fatti – ha sottolineato Veltroni – sono riconducibili purtroppo a un’unica matrice: in questa città da diversi mesi c’è un arrivo di persone che vengono da Paesi comunitari. Non si tratta di immigrati che vengono qui per ‘campare’, ma di un’altra tipologia di immigrazione che ha come sua caratteristica la criminalità”. Veltroni ha precisato di non fare “generalizzazioni verso un singolo Paese”, ricordando tuttavia che “il 75% di arresti effettuati l’anno scorso hanno riguardato i romeni.

An: “Governo in Aula”. Il portavoce di Alleanza nazionale, Andrea Ronchi, chiede al presidente del Consiglio, Romano Prodi e al ministro dell’Interno, Giuliano Amato, “di riferire con urgenza alla Camera”.
Il presidente di Alleanza nazionale, Gianfranco Fini, invita sindaco e prefetto a fare “quello che la legge impone: demolizione delle baraccopoli abusive, identificazione e espulsione dei clandestini e dei cittadini comunitari privi di fonte certa di sostentamento, come espressamente previsto dalle normative europee”.

“Si vergognino i coccodrilli della sinistra tipo Veltroni, che oggi piangono e chiedono immediati interventi – dice Roberto Calderoli, coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Nord -, la responsabilità di quanto sta accadendo nelle nostre città è di questa maggioranza e di questo governo che tra i primi atti ha sospeso la moratoria sulla libera circolazione dei cittadini provenienti dai paesi ultimi entrati nella Ue, tra cui la Romania, cosa che la Lega Nord e il governo Berlusconi avevano invece sempre impedito, proprio per la consapevolezza dei pericoli a cui si andava incontro”.

“Di fronte a una tragedia come quella di Roma la strumentalizzazione da parte della destra risulta davvero incredibile”. Lo dice il ministro della Solidarietà sociale, Paolo Ferrero, che aggiunge: “La moratoria riguardo all’adesione della Romania all’Europa era relativa solo ai rapporti di lavoro e non all’ingresso dei cittadini romeni nel nostro paese. Non applicandola abbiamo ridotto il ricorso ancora più massiccio al lavoro nero nel nostro Paese”.

“Un episodio orrendo. Siamo d’accordo con Veltroni e condividiamo la necessità di coinvolgere l’Unione Europea e la Romania per regolare i flussi indiscriminati ed affrontare con efficacia il tema della sicurezza nelle nostre città. E’ un problema europeo che va affrontata con la massima decisione: nessuna tolleranza verso i criminali e la violenza”. Lo afferma il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio, commentando quanto accaduto a Roma.

(31 ottobre 2007)

fonte: http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/cronaca/tor-di-quinto/reazioni-uccisa/reazioni-uccisa.html

IL FATTO
Tor di Quinto, in coma donna assalita da romeno:è stata aggredita, violentata e gettata in un fosso
Ha 47 anni, tornava a casa alle 20,30 dopo un pomeriggio in centro
L’aggressore arrestato ieri sera nel vicino campo nomadi

ROMA (31 ottobre) – Non è ancora clinicamente morta la donna che ieri è stata aggredita, violentata e seviziata, infine gettata in un fosso a Tor di Quinto. «Alle 17.50 la paziente presenta uno stato di coma con assenza di riflessi,
ma con residua attività elettrico cerebrale. Perciò non è clinicamente morta», ha detto un medico del Sant’Andrea nella sala d’attesa della Rianimazione.

La vittima. Si tratta di Giovanna Reggiani, 47 anni, moglie di un ufficiale della Marina (capitano di vascello su un dragamine), che alle 20,30 era appena uscita dalla stazione ferroviaria di Tordiquinto per tornare a casa, nei vicini alloggi della Marina, dopo un pomeriggio di shopping in centro. Autore dell’aggressione un romeno di 24 anni, arrestato nella notte per omicidio e violenza sessuale.

Trascinata in una baracca. Il romeno ha trascinato a forza la donna in una baracca nei dintorni della stazione, dove è stata violentata e seviziata a lungo. Inutili i suoi disperati tentativi di difesa, perché è stata più volte colpita alla testa. La polizia ha trovato nella baracca la borsa della vittima dell’aggressione. Quando è stata trovata nel fosso la donna aveva il pantalone abbassato, un maglione nero ripiegato fin sotto le ascelle, un solo stivaletto, una catenina e una fede con incisa una data e un nome e il volto tumefatto e coperto di sangue.

Trasportata in spalla. E’ stata un’anziana romena ad accorgersi della tragedia e a fermare un autobus che percorreva viale Tordiquinto all’altezza di via di Camposampiero. La donna, che non parla italiano, a gesti ha indicato all’autista di guardare nel fosso, dove giaceva la donna, esile e di media corporatura, che stanotte è stata operata al Sant’Andrea e per la quale poi non c’è più stato nulla da fare. La nomade, a cenni, ha riferito alla polizia di aver visto un uomo mentre trasportava in spalla la sua vittima e che, mentre la trascinava, gli ha urlato di fermarsi, ma l’uomo ha gettato la vittima nel fossato ed è fuggito.

L’arresto. Accompagnata dagli agenti della polizia la donna, dopo aver descritto l’aggressore, è andata nel campo abusivo allestito a Tordiquinto dove ha detto di vivere. Lì gli agenti hanno visto il 24enne uscire da una baracca, sporco di fango e sangue sul volto e su tutto il corpo, e la donna lo ha indicato come l’autore del delitto. In un primo momento si era pensato che la vittima dell’aggressione fosse una giovane prostituta dell’Est, vista la zona dell’agressione.

Ancora sporco di sangue e fango. Quando ieri sera Nicolae Romulus Mailat, 24enne senza fissa dimora, è stato arrestato dagli agenti della polizia di Stato del commissariato Ponte Milvio, diretti da Emiliano Brayda, era ancora sporco di sangue e fango e aveva numerosi graffi sia sulle braccia, sia sul volto. Non ha detto una parola e in nottata è stato portato a Regina Coeli. Il procuratore aggiunto Italo Ormanni e ilsostituto Maria Bice Barborini hanno chiesto la convalida del fermo del romeno.

fonte: http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=12202&sez=HOME_INITALIA

Nel GRANO il potere del futuro

di Pierluigi Paoletti http://www.centrofondi.it/
Uno degli effetti della disgregazione economica (http://www.centrofondi.it/report/report_10_03_06.pdf) attuata da chi veramente controlla attualmente il mondo è proprio l’aumento esorbitante del grano che ha fatto “lievitare”, è proprio il caso di dire, il prezzo di farina, pane, pasta.

Oggi, non bisogna essere dei complottisti per capire che la politica del liberalismo e della globalizzazione degli anni ’90 aveva come obiettivo la completa riduzione in schiavitù dell’intera popolazione mondiale. Attraverso le politiche imposte dal WTO http://it.wikipedia.org/wiki/Organizzazione_Mondiale_del_Commercio organizzazione sovranazionale al quale obbediscono supinamente 150 stati (praticamente tutto il mondo industrializzato), si è arrivati alla distruzione completa dei mercati interni dei singoli paesi a favore delle importazioni in mano ai grandi gruppi.

La distruzione dei mercati interni, avvenuta in appena 12 anni (dalla nascita del WTO) e con una velocità che ha spiazzato numerosi imprenditori, ha portato i singoli stati ad essere completamente dipendenti dalle importazioni, specialmente in campo alimentare e soprattutto nel settore strategico per un paese, quello del grano. Fino agli anni ’80 la produzione di grano era simbolo di potere e Stati Uniti e Russia si confrontavano anche dalla quantità di grano prodotta e l’Italia era tra i maggiori produttori mondiali, vista anche la nostra dieta mediterranea. Oggi siamo costretti ad importare oltre il 40%, con la tendenza in aumento, mentre solo pochi anni fa avevamo praticamente l’autosufficienza.

Le ragioni di ciò sono facili da immaginare se pensiamo che solo nel 1985 il costo del grano al quintale era di 50.000 lire mentre solo qualche mese fa era arrivato a 12 euro (24.000 lire), o se pensiamo che la comunità europea elargiva contributi per non coltivare grano. Anche se oggi siamo arrivati a 22 euro al quintale pagato al produttore, siamo ancora lontani dal giusto prezzo che remunera i notevoli aumenti dei costi che gli agricoltori hanno dovuto sopportare dal 1985 ad oggi.

La politica dei biocarburanti poi rischia di far precipitare le cose, come ha già fatto in Messico dove il pane (la tortillas) è già aumentata di oltre il 400% in pochi mesi. A fronte di un prezzo del grano, pagato al produttore, di 22 euro al quintale (oggi!) abbiamo un prezzo del pane che come media costa 270 euro al quintale (2,7 euro al chilo) ovvero 12,27 volte (!!!) superiore al prezzo percepito dall’imprenditore agricolo, se non è speculazione questa…

Piccolo dato statistico dal 1985 il pane è aumentato del 419% mentre il prezzo ai produttori è costantemente sceso. Il problema agricolo e in special modo quello relativo al grano oltre ad avere un impatto sulle nostre finanze già allo stremo dai debiti e dalle voracità famelica di uno stato allo sbando, rischia di mettere in serio pericolo l’indipendenza e la nostra libertà (anche se oggi è già fortemente compromessa).

Una via di salvezza ovviamente c’è e adesso sta diventando imperativo metterla in atto. Stiamo parlando del risanamento delle economie locali e in particolar modo del progetto per l’agricoltura Il sapore del cuore http://www.centrofondi.it/articoli/sapore_cuore_progetto.htm un progetto aziendale che permetterebbe ai produttori di ottenere con l’accorciamento della filiera agroalimentare di poter ottenere un prezzo giusto dalla loro produzione e poter dare al consumatore finale un prodotto di qualità superiore ad un costo inferiore, visti i rincari odierni. Arrivare ad un prezzo del pane di 1,5 euro (150 euro al quintale) è possibile e consentirebbe a tutti la soddisfazione e lo stesso potrebbe accadere con l’ortofrutta, latte, carne ecc. La ricostruzione della filiera agroalimentare senza inutili e dannosi passaggi è l’unica strada che ci porta a riconquistare la sovranità alimentare che è anche il primo pilastro dell’economia locale e nazionale.

Il prezzo del petrolio oggi ai massimi storici quasi a 80$ (il dato attuale è 94 dollari a barile, n.d.m.) e la consapevolezza che il suo picco di produzione è già stato toccato http://www.centrofondi.it/report/report_03_05_07.pdf ci spingono verso la produzione locale. Le merci di fronte ad un costante aumento dei prezzi dell’energia petrolifera non potranno continuare a fare migliaia di chilometri prima di essere vendute e consumate o i loro prezzi schizzeranno alle stelle (e lo stiamo già vedendo). Rafforzare le economie locali, magari con l’ausilio di una moneta complementare come, Ecoroma, Scec, Tau ecc., ricostruire filiere produttive ormai quasi estinte, ci consentirà di avere economie locali più forti e autonome che potranno scambiarsi merci e servizi tra di loro (ri)costruendo così una economia nazionale.

Risanare il piccolo per guarire il grande sarà il motto dei prossimi giorni, mesi, anni, ovvero

Pensare globalmente e agire localmente
Questa situazione critica ha portato anche ai massimi dell’oro e a infrangere i minimi del dollar index (ma potrebbe essere una trappola), mentre l’euro ha toccato (anche lui) i massimi storici. Quindi massimi per petrolio, grano, oro e euro e minimi per il dollaro, un mix esplosivo che potrebbe portare a breve ad una crisi valutaria imponente. Siamo quindi ad un punto cruciale per tutto questo nostro pazzo, pazzo mondo e qualcosa di importante sta per succedere anche se secondo noi ora molto probabilmente ci sarà una reazione del dollaro che spengerà la miccia di questo momento esplosivo, ma come abbiamo detto nell’ultimo report sarà solo per poco…

Comunque sia sarà bene stare con gli occhi bene aperti e molto attenti.

That’s all folks

fonte: http://www.disinformazione.it/