Archivio | ottobre 13, 2011

METEO – Da domani torna il freddo. Temperature in calo di 10 gradi

METEO

Da domani torna il freddo
Temperature in calo di 10 gradi

.

Già da questa sera in arrivo un peggioramento dai Balcani, temporali sulle regioni adriatiche poi al sud e su Sardegna e Sicilia. Sabato al centronord previsti 5 gradi alle 8 del mattino, piogge al sud

Da domani torna il freddo Temperature in calo di 10 gradi  (ansa)

.

ROMAIl colpo di coda estivo degli ultimi giorni, con temperature sopra la media stagionale, dovrebbe essere archiviato in tempi brevi: nelle prossime ore il freddo tornerà, con ogni probabilità definitivamente, facendo scendere la colonnina di mercurio di dieci gradi. Già da stasera aria fredda giungerà dai Balcani e il tempo peggiorerà con temporali sulle regioni adriatiche, poi al sud e su Sardegna e Sicilia. Sabato e domenica si prevedono solo 5 gradi alle 8 del mattino su molte città del centronord e piogge al sud, con forti temporali sulla Sicilia. Poi da domenica piogge diffuse per una settimana.

IL METEO 1

Nel dettaglio, domani il freddo da nordest porterà a un calo delle temperature con valori tra 17 e 19 gradi al sud, ancora 23 a Roma, piogge e temporali al sud su Calabria, est Sicilia, Sardegna, nubi su Piemonte e alta Lombardia con qualche pioggia. Nelle Marche, domani sono previste forti mareggiate con onde alte fino a tre metri. Un avviso di allerta meteo della Protezione civile indica l’arrivo di venti freddi da nord-est, con raffiche fino a 80 chilometri orari, che spazzeranno la fascia costiera.

Nel pomeriggio venti da nordest, temporali diffusi e forti sulla Sicilia, altri rovesci su sud Sardegna e Calabria. Forte maltempo su nord Sicilia e la sera sia su nord Sicilia che su catanese e siracusano, con nubifragi. Sabato ancora venti freddi da nordest, temperature tra i 14 e i 19 gradi, maltempo al sud. Stessa situazione domenica, con 16 gradi di temperatura media anche al centronord, dove ci sarà il sole.

Lunedì ci sarà una piccola tregua, con sole ovunque e temperature attorno ai 20 gradi. Da martedì arriverà una nuova perturbazione atlantica da ovest, portando piogge su Liguria e alta Toscana specie dal pomeriggio, verso la Lombardia nella notte. Mercoledì piogge al centronord e Campania, forti piogge su est Liguria, con stato di massima allerta.

.

13 ottobre 2011

fonte:  http://www.repubblica.it/cronaca/2011/10/13/news/maltempo_torna_il_freddo-23161943/

_________________________________________________________________________________________________________________________________

_____________

“E’ un profeta dei nostri tempi”. La prefazione di Moni Ovadia all’ultimo libro di don Gallo

“E’ un profeta dei nostri tempi”. La prefazione di Moni Ovadia all’ultimo libro di don Gallo

.

“In lui si compie il miracolo dell’ubiquità. La passione per l’uomo, per la vita e per l’accoglienza dell’altro si coniugano in questo specialissimo uomo di fede con un folgorante humor che dissipa ogni esemplarità predicatoria per aprire la porta del dialogo fra pari a chiunque voglia entrare, cristiano o musulmano, ebreo o buddhista, credente o ateo”

.

Pubblichiamo la prefazione di Moni Ovadia, tratta da “Se non ora, adesso. Le donne, i giovani e la rivoluzione sessuale”, l’ultimo libro di don Andrea Gallo, in uscita per Chiarelettere.

“Don Andrea Gallo, prete da marciapiede come lui stesso si definisce, è uno dei sacerdoti più noti e più amati che abitino il nostro disastrato paese. Centinaia di migliaia di persone lo sentono come un fratello, moltissimi fra costoro lo considerano una guida, un maestro, un compagno nell’accezione militante del termine, ma il Gallo è prima di tutto e soprattutto un essere umano autentico. In yiddish si dice «a mentsch». La nostra nascita nel mondo come donne e uomini è un evento deciso da altri anche se la costruzione in noi del capolavoro che è un essere umano autentico dipende in gran parte dalle nostre scelte. Il tratto saliente di questo percorso è l’apertura all’altro laddove si manifesta nella sua più intima e lancinante verità, ovvero nella sua dimensione di ultimo, sia egli l’oppresso, il relitto, il povero, l’emarginato, il disprezzato, l’escluso, il segregato, il diverso.

L’apertura all’altro, sia chiaro, non si manifesta nel melenso atto caritativo che sazia la falsa coscienza e lascia l’ingiustizia integra e perversamente operante, ma si esprime nella lotta contro le ingiustizie, nell’impegno diuturno per la costruzione di una società di uguaglianza, di giustizia sociale, in una vibrante interazione di pensiero e prassi con una prospettiva tanto laicamente rivoluzionaria, quanto spiritualmente evangelica. Il «Gallo» è radicalmente cristiano e sa che il messaggio di Gesù è un messaggio rivoluzionario, radicale e non moderato, ed è per questo che l’hanno messo in croce, per la destabilizzante radicalità del cammino che indicava. «Beati gli ultimi perché saranno i primi» non è un invito a bearsi in una permanente condizione di minorità per il compiacimento delle classi dominanti, ma è un’incitazione a mettersi in cammino per liberare l’umanità dalla violenza del potere, per redimerla con l’uguaglianza. La parola ebraica ashrei, tradotta correntemente con beato, si traduce meno proditoriamente con in marcia, come propone il grandissimo traduttore delle scritture André Chouraqui.

È questa consapevolezza che fa di don Gallo un profeta e non nell’accezione volgare e stereotipata con cui spesso si vuole sminuire o sbeffeggiare il ruolo di questa figura, ma nel senso più profondo di uomo che incarna la verità dei grandi pensieri ripetutamente e capziosamente pervertiti dai funzionari del potere, siano essi i soloni del regno terreno, siano essi i chierici del cosiddetto regno celeste. Questa è la ragione per la quale il profeta trasmette la parola del divino e il divino del monoteismo ha eletto come suo popolo lo schiavo e lo straniero, l’esule, lo sbandato, il fuoriuscito, il diverso, il meticcio avventizio perché tali erano gli ebrei e non un popolo etnicamente omogeneo come oggi vorrebbe uno sconcio delirio nazionalista. In questa sua fondamentale opera che deve essere letta da chiunque voglia capire le parole illuminate di questo prete da marciapiede, Gallo ci ricorda che l’etica è più importante della fede, come il filosofo e grande pensatore dell’ebraismo Emmanuel Lévinas suggerisce nel suo saggio Amare la Torah più di Dio.

Come già il profeta d’Israele Isaia dichiara con parole infiammate, il Signore stesso chiede agli uomini di praticare etica e giustizia perché disprezza la fede vuota e ipocrita dei baciapile: Che mi importa dei vostri sacrifici senza numero. Sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso dei giovenchi. Il sangue di tori, di capri e di agnelli Io non lo gradisco. Quando venite a presentarvi a me, chi richiede da voi che veniate a calpestare i Miei Atri? Smettete di presentare offerte inutili, l’incenso è un abominio, noviluni, sabati, assemblee sacre, non posso sopportare delitto e solennità. I vostri noviluni e le vostre feste io detesto, sono per me un peso, sono stanco di sopportarli. Quando stendete le mani, Io allontano gli occhi da voi. Anche se moltiplicate le preghiere, Io non ascolto. Le vostre mani grondano sangue. Lavatevi, purificatevi, togliete il male delle vostre azioni dalla mia vista. Cessate di fare il male, imparate a fare il bene, ricercate la giustizia, soccorrete l’oppresso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova. Il profeta autentico non predice il futuro, non è una vox clamans nel deserto, è l’appassionata coscienza critica di una gente, di una comunità, di un’intera società, ed è questa coscienza che si incide nella prole perché le parole diventino fatti, azioni militanti a ogni livello della relazione interumana e per riconfluire in parole ancora più gravide di quella coscienza trasformatrice.

Questo è a mio parere il senso che don Gallo attribuisce al primato della coscienza espresso mirabilmente nel documento conciliare Nostra Aetate uscito dal Concilio vaticano II voluto da Giovanni XXIII, il «papa buono», ma buono perché giusto. Con il poderoso strumento della sua coscienza cristiana, antifascista, critica, militante, laica ed evangelicamente rivoluzionaria, il prete cattolico Gallo riesce a confrontarsi con i temi socialmente più urgenti ed eticamente più scabrosi, smascherando moralismi, le rigidità dottrinarie, le ipocrisie che maldestramente travestono le intolleranze per indicare il cammino forte della fragilità umana come via per la liberazione. Quest’ultima e intima verità dell’uomo, Andrea Gallo la conosce, la sente e la ritrova nelle parole più impegnative delle scritture perché istituiscono l’umanesimo monoteista, ma anche l’umanesimo tout court nella sua dirompente radicalità: «Ama il prossimo tuo come te stesso, ama lo straniero come te stesso, ciò che fai allo straniero lo fai a Me».

La passione per l’uomo, per la vita e per l’accoglienza dell’altro si coniugano in questo specialissimo uomo di fede con un folgorante humor che dissipa ogni esemplarità predicatoria per aprire la porta del dialogo fra pari a chiunque voglia entrare, cristiano o musulmano, ebreo o buddhista, credente o ateo. In don Gallo si compie il miracolo dell’ubiquità: lui è radicalmente cristiano e anche irriducibilmente cattolico, ma potrebbe anche essere uno tzaddik chassidico, così come è un militante antifascista e un laicissimo libero pensatore. Per me il Gallo è un fratello, un amico, una guida certa, un imprescindibile e costante riferimento. Per me personalmente, la speranza tiene fra le labbra un immancabile sigaro e ha il volto scanzonato di questo prete ribelle.

.

.
.

_________________________________________________________________________________________________________________________________

Se non ora, adesso

il libro

“Le donne, i giovani,

la liberazione

sessuale”

autore:
prefazione di: Moni Ovadia
collana: Reverse
dettagli: 176 pagine
dove trovarlo
condividi
stampa dettagli
acquista on line
14,00 €
ebook
9.99 €

 

 

.

_________________________________________________________________________________________________________________________________

_____________

L’ira di Fini: «Minzolini si deve dimettere. C’è un limite anche all’indecenza»

AL TG1 DELLE 20

Ira di Fini: «Minzolini si deve dimettere»

«Intollerabile faziosità del telegiornale». Il caso per due servizi

.


fonte immagine

.

Fini (Ansa)
Fini (Ansa)

MILANO – «Augusto Minzolini si deve dimettere subito per l’intollerabile faziosità del suo telegiornale. C’è un limite anche all’indecenza». Lo afferma il presidente della Camera Gianfranco Fini in relazione a due servizi mandati in onda giovedì sera dal Tg1 che lo riguardano. Il presidente della Camera fa riferimento a due servizi del Telegiornale di cui uno riguardante l’intervista a Franco Bechis, vicedirettore di Libero. Fini fa sapere che nei confronti del Tg1 si riserva di tutelare la propria onorabilità in sede giudiziaria e professionale. (Fonte Ansa)

.

.

13 ottobre 2011 21:46

fonte:  http://www.corriere.it/politica/11_ottobre_13/fini-ira-minzolini-dimissioni_0c1efc0e-f5d4-11e0-9479-439a0eb41067.shtml

_________________________________________________________________________________________________________________________________

_____________

 

Stress da lavoro, ne soffrono 9 milioni italiani. Le donne sono il 70%

Stress da lavoro, ne soffrono 9 milioni italiani

Donne con piu’ disturbi d’ansia, uomini con depressione

.


fonte immagine

.

MILANO – Nove milioni di italiani soffrono di stress da lavoro, con una prevalenza di donne, che rappresentano il 70%. Di queste, 9 su 10 soffrono di disagi psichici e disturbi dell’umore, come ansia (45%), sindrome pre-mestruale (43%), irritabilita’ e tendenza al pianto (41%). A tracciare il quadro e’ stato oggi Onda (Osservatorio nazionale salute donna) insieme al dipartimento di Neuroscienze dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano.

”Il genere femminile e’ piu’ esposto allo stress da lavoro – spiega Claudio Mencacci, direttore del dipartimento di neuroscienze – e ha il doppio dei giorni persi, rispetto agli uomini, per malattia e qualita’ di vita”. A creare stress nelle donne sono le forti pressioni lavorative, le barriere culturali che rendono la carriera manageriale piu’ difficile, le remunerazioni piu’ basse, i rapporti con i colleghi e il dover gestire la famiglia. ”Le donne giovani – conclude Mencacci – e quelle che lavorano a contatto con il pubblico sono le piu’ vulnerabili agli stati di ansia, mentre gli uomini adulti con mansioni esecutive sono piu’ inclini alle sindromi depressive”.

.

Click here to find out more!

.

13 ottobre 2011

fonte:  http://www.ansa.it/web/notizie/specializzati/saluteebenessere/2011/10/13/visualizza_new.html_672420883.html

_________________________________________________________________________________________________________________________________

_____________

GOVERNO ALLA SFASCIO – Ambiente, il ministero che affonda. Prestigiacomo: «Non voto la legge»

Tagliare sugli interventi ambientali è proprio darsi la zappa sui piedi: hanno idea i signori del Governo a quali costi l’Italia andrà incontro nei prossimi anni? Terremoti, alluvioni, vite umane, inquinamento… In un territorio come quello italiano, dissestato idrogeologicamente ed alto rischio sismico, tale atteggiamento da ‘chi vivrà vedrà’ è definibile in un solo modo: criminale.

mauro

Ambiente, il ministero che affonda
Prestigiacomo: «Non voto la legge»

In quattro anni previsti tagli del 90% sugli interventi ambientali: da 1,3 miliardi a 120 milioni

.

ROMA – «Ovviamente non potrò votare nè in Consiglio dei Ministri nè in Parlamento una legge di stabilità che di fatto cancella il ministero dell’Ambiente». È quanto afferma il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo in merito alle voci di ulteriori tagli al suo ministero.

In quattro anni tagli per il 90%: dal 1,3 miliardi di euro del 2008, previsti per interventi ambientali, a 120 milioni di euro nel 2012. Questi, a quanto si è appreso, i tagli per il ministero dell’Ambiente in vista della definizione degli ulteriori interventi che verranno decisi domani dal Consiglio dei Ministri. Considerando che le spese fisse, insopprimibili, per il ministero sono pari a 320 milioni, il bilancio, che per il 2008 era di un miliardo e 620 milioni, passerebbe a 440 milioni di euro nel 2012. Il rischio è quello di eliminare sostanzialmente il piano bonifiche per i 57 siti inquinati di interesse nazionale, azzerare la gestione dei 60 parchi nazionali e riserve marine, eliminare gli interventi per il dissesto idrogeologico, i fondi per la mobilità sostenibile e quelli della lotta alla Co2.

.

Giovedì 13 Ottobre 2011 – 19:58    Ultimo aggiornamento: 20:02

fonte:  http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=166414&sez=HOME_INITALIA

_________________________________________________________________________________________________________________________________

______________

FUKUSHIMA – “Tokyo, radioattività altissima” Greenpeace lancia l’allarme

FUKUSHIMA

“Tokyo, radioattività altissima”
Greenpeace lancia l’allarme


fonte immagine

.

Rilevati valori di 3.35 microsievert nel quartiere di Setagaya e di 5.82  in un parco per bambini in Funabashi. L’organizzazione ambientalista avvisa: “Situazione più grave di quanto comunicato”. Ma le autorità negano relazioni con l’incidente della centrale nucleare

"Tokyo, radioattività altissima" Greenpeace lancia l'allarme Setagaya, zona di Tsurumaki (Tokyo) (reuters)

.

TOKYO – Allarme da Greenpeace sulla diffusione di radiazioni nell’area della capitale giapponese. Alti livelli di radioattività sono stati registrati oggi a Tokyo e nella vicina prefettura di Chiba, entrambe a più di 200 chilometri dalla centrale di Fukushima distrutta da uno tsunami 1 a marzo. Alcune misurazioni rivelano livelli di contaminazione addirittura superiori a quelli registrati nella zona di evacuazione intorno alla centrale.

I dati. Greenpeace precisa che le autorità locali hanno comunicato che durante un’ispezione sono stati misurati livelli di radioattività di 3.35 microsievert l’ora lungo una strada residenziale del quartiere di Setagaya e di 5.82 microsievert l’ora in un parco per bambini in Funabashi, nella prefettura di Chiba. “Questi nuovi test mostrano che la dispersione del materiale radioattivo fuoriuscito dalla centrale di Fukushima è più ampia e più grave di quanto si pensasse – commenta Salvatore Barbera, responsabile della campagna nucleare di Greenpeace Italia – il fatto che le autorità locali stiano cercando di decontaminare la zona usando idranti ad alta pressione, disperdendo ancor più il materiale radioattivo invece di rimuoverlo, è il segno che non hanno ricevuto il necessario supporto dal governo centrale e che stanno operando senza seguire le normali linee guida in caso di contaminazione nucleare”.  Greenpeace aggiunge di ritenere “assurda” l’intenzione del primo ministro Noda di far ripartire i reattori nucleari prima che venga completata l’investigazione sulle cause e le conseguenze della triplice fusione del nocciolo avvenuta sette mesi fa nella centrale di Fukushima.

Le autorità: nessuna relazione con Fukushima. Ma secondo il governo giapponese, gli alti livelli di radioattività registrati a Tokyo non possono essere messi in relazione con l’incidente di Fukushima. Secondo il ministro della Scienza, le radiazioni sono state provocate da materiale conservato nel seminterrato di un appartamento. I residenti, ha aggiunto il ministro, sono stati informati che non c’è alcuna minaccia per la loro salute.

.

Adotta a distanza.
Catastrofe umanitaria
Nel Corno d’Africa 500.000 bambini stanno morendo di fame.

.

13 ottobre 2011

fonte:  http://www.repubblica.it/ambiente/2011/10/13/news/a_tokyo_alti_livelli_di_radioattivit_greenpeace_lancia_l_allarme-23165616/?rss

_________________________________________________________________________________________________________________________________

______________

ROMA – Via Nazionale, gli indignati in tenda: Chiuso Palazzo delle Esposizioni /Video


fonte immagine

Al solito ‘spaventapasseri’ delle sempre sventolate “possibili infiltrazioni estremiste” (quando è chiaro, da anni, che le uniche infiltrazioni ‘estremiste’ sono quelle degli apparati di controllo dello Stato) stavolta si abbina il ‘disappunto’ prefettizio del “non ho sentito fare proposte, solo proteste”, come se fosse compito precipuo dei manifestanti presentarsi con tanto di ordine del giorno e ‘manifesto’ politico, confondendo la spontaneità e l’esasperazione degli ‘indignati’ con i soliti partiti frequentanti quel di Montecitorio.. Chi si ribella ha le sue ragioni per farlo; e la ribellione porta sempre al sovvertimento, anzi, deve farlo per essere tale. Dalle ceneri di ciò che è stato distrutto può nascere un nuovo ordine sociale. Ciò non significa, attenzione, che teorizziamo il metodo della violenza. Tutt’altro. Vogliamo che il movimento, l’onda che nasce dalle profondità del tessuto sociale, sia il più pacifico possibile. Ma che sia grande, travolgente, e che impegni i cittadini di ogni condizione sociale a un ritorno ai valori più puri, come quelli fondanti della nostra Costituzione. Per una nuova società e per un modo più etico di fare politica; finalmente tesa al benessere comune, di tutti i cittadini, nessuno escluso.

mauro


fonte immagine

Via Nazionale, gli indignati in tenda:
Chiuso Palazzo delle Esposizioni /Video

Manganelli: polizia spesso deve supplire alla politica. Il prefetto: dai manifestanti solo proteste ma nessuna proposta

Approfondimenti
Gli indignati preparano il 15 ottobre: «La non violenza nostra prerogativa fondamentale»
I timori degli 007: mancanza di leader e rischio infiltrazioni estremiste
Video
 Gli indignati accampati al Palazzo delle Esposizioni
 Lo sgombero degli indignati

.

ROMA – Sono stati sgomberati nella notte dalle forze dell’ordine le centinaia di indignati che dal pomeriggio di ieri manifestavano in via Nazionale, di fronte al Palazzo delle Esposizioni. Gli agenti sono intervenuti dopo la mezzanotte sollevando di peso uno a uno i manifestanti e spostandoli sulle scalinate del Palazzo delle Esposizioni, dove il presidio è andato avanti per tutta la notte. Lo sgombero è avvenuto senza incidenti.

Questa mattina c’erano ancora alcune tende sulla scalinata. Il traffico è regolare. Oggi si è tenuta un’assemblea, in vista della manifestazione di sabato. Per la serata è atteso Elio Germano che interverrà ad un happening sulle scale di Palazzo delle esposizioni.

«Protestiamo contro le banche perchè pensiamo che oggi siano le banche a dirigere le scelte dei governi», dice Vanessa, che ha passato la notte accampata sulle scale. Insieme a lei, in una decina di tende, circa 50-60 persone. L’intenzione è quella di rimanere accampati fino al 15 ottobre, «Giornata europea contro le politiche anticrisi della Bce, del Fmi, dei governi» che richiamerà circa 150mila persone.

Il clima è pacifico, per questo gli indignati hanno chiesto che Palazzo delle Esposizioni venga riaperto, dopo la decisione del direttore di tenerlo chiuso fino a domenica per questioni di «ordine pubblico». «Noi non siamo che dei pericolosi pacifisti – scherza Vincenzo – in mezzo a noi ci sono lavoratori precari, artisti e occupanti del Valle che protestano per i loro diritti. Non c’è alcun problema di ordine pubblico».

«Ci scusiamo per il disagio: global revolution in corso». All’ingresso di Palazzo delle Esposizioni campeggia un telo bianco lungo venti metri, dipinto con il drago simbolo della protesta e la scritta global change. Ci sono gli addetti alla pulizia che armati di scopa e paletta ripuliscono la scalinata da cicche di sigaretta e bottigliette. Nell’epoca delle proteste digitali non può mancare l’angolo web: tre computer sistemati su tavolini e una videocamera per trasmettere in streaming alcune dirette dal presidio. Le tende canadesi sono circa dieci e i ragazzi si preparano a un’altra notte all’aperto tra dibattiti e musica. «Si dorme da paura, siamo entrati comodi in quattro qui», sorride una ragazza.

L’intenzione è di mantenere il presidio fino alla giornata di sabato, quando ci sarà la manifestazione nazionale degli “Indignati”. In serata è previsto un happening musicale e potrebbero esserci delle iniziative e dimostrazioni, del tutto pacifiche, a sorpresa in altri punti della città.

Da dove nasce il nome “draghi ribelli”, il gruppo che ieri ha occupato via Nazionale? «Il nome provocatorio è nato spontaneamente durante la manifestazione – racconta Federico, studente ventiquattrenne della Sapienza – perchè ci trovavamo davanti all’inquilino principale di Palazzo Koch, Mario Draghi. Si tratta dell’unione di più movimenti: abbiamo messo da parte piccole sigle per un obiettivo comune».

Una forza di questo movimento è la possibilità di raggiungere tutti grazie ai social network, facebook e twitter su tutti. «Stiamo credendo nella forza della Rete – prosegue Federico – per diffondere un messaggio nuovo e aprire un percorso che coinvolga tutte le persone interessate al cambiamento. Siamo in un momento storico in cui è la finanza a dettare l’agenda alla politica e non ci piace. La manifestazione di sabato è solo l’inizio della nostra strada e s’inserisce in una situazione politica molto fluida».

La scalinata è strapiena ed è iniziata un’assemblea pubblica. Il microfono passa di mano in mano con la narrazione di storie personali, dai precari della scuola a quelli dello spettacolo, che s’intrecciano con un’unica collettiva. «Vogliamo partecipare e non essere più solo spettatori della nostra vita», è il ritornello di tutti gli interventi.

«Noi siamo in piazza non per contrastare i manifestanti ma per assicurare loro la libertà di espressione garantita dalla Costituzione», dice il capo della Polizia, Antonio Manganelli, sottolineando che le prossime saranno giornate calde dal punto di vista dell’ordine pubblico e che le forze di polizia spesso sono chiamate a «compiti di supplenza» della politica. La posizione delle forze di polizia, spiega Manganelli, «è quella di creare il giusto equilibrio tra il diritto al dissenso e la garanzia di chi vuole continuare a vivere normalmente». Bisogna sempre cercare «di capire le ragioni della protesta», aggiunge, e spesso in questo le forze di Polizia sono lasciate sole. «L’ordine pubblico è una materia sensibile – dice infatti il capo della Polizia – che tocca problemi reali del Paese e che spesso svolge, ahimè, un compito di supplenza alla politica che manca di affrontare o affronta male le questioni sociali spinose. E così finisce che si parla sempre di incidenti e di sgomberi ma non delle ragioni della protesta. Quando comprimiamo la libertà di espressione lo facciamo per garantire la sicurezza. Dunque useremo la forza quando incontreremo la violenza ma prima ancora useremo la testa per cercare di lasciare a tutti la possibilità di esprimere il proprio pensiero».

«Ancora oggi io non ho sentito alcuna proposta, sento solo proteste – commenta il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro – Al momento non c’è alcuna preoccupazione per la giornata di sabato anche se da parte delle forze di polizia ci sarà massima attenzione. Io mi auguro che si manifesti sempre in maniera democratica e mi aspetto che ci sia da parte di tutti il rispetto per gli altri cittadini, cioè quelli che non manifestano e quelli che lavorano». Pecoraro è poi tornato a criticare i manifestanti: «Sento solo proteste e nessuna proposta – ha ribadito – È facile così, anche se spetta al governo fare proposte».

.

pubb

.

Giovedì 13 Ottobre 2011 – 10:54    Ultimo aggiornamento: 18:04

fonte:  http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=166331&sez=HOME_ROMA

_________________________________________________________________________________________________________________________________

________________