Archive | ottobre 29, 2008

FREE GAZA: We’ve done it again – L’abbiamo fatto ancora!

LARNACA – The Free Gaza Movement is delighted to announce that their third boat, the SS Dignity carrying 27 crew and passengers arrived in Gaza at 8:10 Gaza time, in spite of Israeli threats to stop them. In the pouring rain, the boat pulled into port amid cheers from the people of Gaza and tears from the passengers.

Larnaca – il Movimento Free Gaza è felice di annunciare che la terza imbarcazione, la SS Dignity con a bordo 27 persone – equipaggio e passeggeri – è arrivata a Gaza stamani alle 8:10, ora di Gaza, nonostante le minacce israeliane di fermarla. Sotto la pioggia battente, l’imbarcazione è entrata in porto tra i saluti festanti degli abitanti di Gaza e le lacrime dei passeggeri.

David Schermerhorn, one of the crew members called an hour before the boat entered the waters of Gaza and said, “There is a rainbow stretching across the Mediterranean from where we are right now.”

David Schermerhorn, uno dei membri dell’equipaggio, ha chiamato un’ora prima dell’arrivo nelle acque di Gaza e ci ha detto “C’è l’arcobaleno che si allunga sul Mediterraneo, proprio dal punto in cui ci troviamo ora”.

Yesterday, The Israel Navy said they would stop the stop our vessel once it reached Israel’s territorial waters. Apparently to save face, they said they would harm our boat, arrest us and tow us IF we entered Israeli waters. The problem for Israel is that the SS Dignity had no intention of getting anywhere near those waters.

Ieri la Marina israeliana aveva detto che avrebbero fermato la nostra imbarcazione non appena avesse raggiunto le acque territoriali israeliane. Forse per salvare la faccia, avevano dichiarato che avrebbero colpito la nave ed arrestato noi SE fossimo entrati in acque israeliane. Il problema – per loro – è che la SS Dignity non aveva alcuna intenzione di avvicinarsi alle loro acque!

One of the organizers, Huwaida Arraf cheered, “Once again we’ve been able to defy an unjust and illegal policy while the rest of the world is too intimidated to do anything. Our small boat is a huge cry to the international community to follow in our footsteps and open a lifeline to the people of Gaza.”

Uno degli organizzatori, Huwaida Arraf, ha dichiarato “Ancora una volta siamo stati in grado di sconfiggere un’igiustizia ed una politica illegale mentre il resto dl mondo è troppo intimidito per fare qualcosa. La nostra barchetta è un immenso richiamo alla comunità internazionale perché segua il nostro esempio ed apra una “via di vita” agli abitanti di Gaza”.

For the second time, the Free Gaza Movement has demonstrated that the might of the Israeli navy is no match for a small boat of human rights activists determined to call to the attention of the world the occupation of the people of Gaza.

Per la seconda volta il Movimento Free Gaza ha dimostrato che la potenza della marina israeliana nulla può contro una barchetta di attivisti per i diritti umani determinati a richiamare l’attenzione del mondo sull’occupazione che subiscono gli abitanti di Gaza.

Dr. Mustafa Barghouti, member of the Palestinian Legislative Council added, “Despite the injustice against the Palestinian people, we believe in justice and will keep on trying to break Israel’s siege. The occupation has divided the Palestinians, but our nonviolent resistance has united us.”

Il dottor Mustafa Barghouti, membro aggiunto del Consiglio Legislativo Palestinese, ha aggiunto: “Nonostante le ingiustizie contro i Palestinesi, crediamo nella giustizia e continueremo a cercare di rompere l’assedio messo in atto da Israele. L’occupazione ha diviso i Palestinesi, ma la nostra resistenza non violenta ci ha unito”.

Osama Qashoo, one of the organizers of the Free Gaza Movement, overjoyed for the second time in three months, “We are all capable of leading a nonviolent and effective movement to end the Israeli Apartheid and expose the injustice that has been meted out to the Palestinians. We in the FG movement have provided the new dictionary, it’s up to the Palestinians and the Israelis and the Internationals to add the words.”

Osama Qashoo, uno degli organizzatori del movimento Free Gaza, ha gioito per la seconda volta in tre mesi: “Siamo tutti capaci di guidare un movimento non violento ed efficace per metter fine all’apartheid voluto da Israele e di mostrare l’ingiustizia perpetrata nei confronti dei Palestinesi. Noi del movimento FG abbiamo procurato un nuovo dizionario: ora sta ai Palestinesi, agli Israeliani ed alla comunità internazionale riempirlo di parole”.

For More Information, Please Contact:
Greta Berlin (Cyprus) +357 99 081 767 /
iristulip@gmail.com
Osama Qashoo (Cyprus) +44 (0)78 3338 1660 /
osamaqashoo@gmail.com
Angela Godfrey Gold
stein (Jerusalem)  +972 (0)54 736 6393 / angela@icahd.org

https://i1.wp.com/img168.imageshack.us/img168/2121/paleki0.jpg


“Nam, Nehnu Nastatyeh!” is Arabic for “Yes, We Can!”
By Ramzi Kysia

GAZA CITY, FREE PALESTINE (29 October 2008) – This morning I walked to the
Indian Ocean and made salt in defiance of the British Occupation of India.
This morning I marched in Selma, I stood down tanks in Tiannamen Square,
and I helped tear down the Berlin Wall. This morning I became a Freedom
Rider.

The Freedom Riders of the 21st Century are sailing small boats into the
Gaza Strip in open defiance of the Israeli Occupation and blockade. This
morning I arrived in Gaza aboard the SS Dignity, part of a Free Gaza
Movement delegation of twenty seven doctors, lawyers, teachers, and human
rights activists from across the world, including Mairead Maguire – the
1976 Nobel Peace Prize laureate.

When I close my eyes, I still hear the crash of ocean waves, I still feel
the warm sun on my face, and I still taste salt from the sea spray. When I
close my eyes, I can still see the Israeli warship that tried to
intimidate us when we reached the twenty-mile line outside Gaza, and I can
still see a thousand cheering people crowding around our ship when we
refused to be intimidated and finally reached port in Gaza City. Today,
the proudest boast in the free world is truly, “Nam, Nehnu Nastatyeh!” –
“Yes, We Can!”

Dr. Mustapha Barghouti, an independent member of the Palestinian
Legislative Council, sailed aboard the Dignity, along with six other
Palestinians from the West Bank, from 1948/inside the Green Line, and from
countries in Europe. What should have been a ninety-minute drive from
Ramallah to Gaza City became a three day odyssey as he travelled from the
West Bank to Jordan, then flew to Cyprus, before finally coming aboard the
Dignity for the fifteen hour sea voyage to Gaza.

“We’re challenging Israel in a manner that is unprecedented, ” said Dr.
Barghouti. “Israel has prevented me from visiting Gaza for more than two
years now. I am so pleased that we managed to defy Israel’s injustice so
that I can see all the people I love and work with in Gaza. Israel’s
measures are meant to divide us, but it is our defiance and resistance
which unite us. ”

This is a resistance which can and should light the fire of all our
imaginations, and bring hope not just to Palestinians, but to peoples
suffering the terrible tides of oppression and injustice the world around.

After watching the Dignity’s arrival, Fida Qishta, the local coordinator
for the International Solidarity Movement (ISM) in the Gaza Strip, said
“If Gaza is free then it’s our right to invite whomsoever we wish to visit
us. It’s our land and it’s our sea. Now more groups must come, not only by
sea but also the crossings at Erez and Rafah must be opened as well. This
second breaking of the siege means a lot, actually. It’s the second time
in two months that people have come to Gaza without Israel’s permission,
and that tells us that Gaza will be free.”

For over forty years, Israel has occupied the Gaza Strip. Despite the
so-called “Disengagement ” in 2005, when they shut down their illegal
settlements here, Israel maintains absolute control over Gaza’s borders
and airspace, severely limiting the free movement of goods, services, and
travel. Israel is still an occupying power.

For over two years, Israel has maintained a brutal blockade of Gaza. Less
than twenty percent of the supplies needed (as compared to 2005) are
allowed in. This has forced ninety-five percent of local industries to
shut down, resulting in massively increased unemployment and poverty
rates. Childhood malnutrition has skyrocketed, and eighty percent of
families are now dependent on international food aid just to be able to
eat. An hour after we arrived, I watched a teenage boy digging through the
garbage, looking for something he could use.

Israel’s siege isn’t simply illegal – it’s intolerable.

Renowned human rights activist Caoimhe Butterly also sailed aboard the
Dignity, and will remain in Gaza for several weeks as Project Coordinator
for the Free Gaza Movement. But, said Butterly, “My feelings are
bittersweet. Although we’re overjoyed at reaching Gaza a second time, that
joy is tempered by the fact that the conscience of the world has been
reduced to a small boat and 27 seasick activists. This mission is a
reminder of not only the efficacy of non-violent direct action, but also
of the deafening silence of the international community.”

Our first voyage in August, the first voyage of any international ship to
Gaza in over forty years, showed that it was possible to freely travel.
This second voyage shows that it is repeatable, and this sets a precedent:
The Siege of Gaza can be overcome through non-violent resistance and
direct action.

Free Gaza Ship


Today, the Free Gaza Movement has a simple message for the rest of the
world: What are you waiting for?

—–
Ramzi Kysia is an Arab-American writer and activist, and one of the
organizers of the Free Gaza Movement. To find out more about Free Gaza and
what you can do to help support their work, please visit
http://www.FreeGaza.org

E, per festeggiare degnamente, cosa c’è di meglio che una cena tra amici???

Break the siege: Cena di Finanziamento per il Free Gaza Movement

BREAK THE SIEGE!


MENU’ DELLA SERATA:

1. Risotto ai Funghi

2. Makluba (carne, riso con cavolfiore o melanzane) o Falafel (polpette fritte di ceci) e Fool (purè di Fave)

3. Insalatona Mediterranea

4. Dolci Arabi

5. Vino (una Bottiglia ogni 3 persone) ed Acqua

6. Caffè Rebelde

CENA DI FINANZIAMENTO PER IL FREE GAZA MOVEMENT

21 Novembre 2008– Ore 20.30 a Tavola!

Presso l’Ideal di Magenta – Viale Piemonte 10 (Dietro Stazione FS)

COSTO € 12

Prima bottiglia di vino gratis, seconda bottiglia a pagamento. Pagamento entro il 10 Novembre 2008.


PER INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI:

GABRIELE: 340312948

STEFANO: 3473045342

E-mail: vocidalsottosuolo@hotmail.it


THE FREE GAZA MOVEMENT: Il 23 agosto 2008, due imbarcazioni del Free Gaza movement sono attraccate nel porto di gaza dopo essere partite da cipro, rompendo il blocco navale imposto da Israele alla striscia da più di 40 anni.

Oltre a rompere simbolicamente il muro, alcuni membri del free gaza movement sono rimasti a gaza per portare aiuto alla popolazione stremata ed assediata.


PUNTO ROSSO MAGENTA

Con il ricavato della cena verranno finanziati il Free Gaza Movement

e Donne in nero

Annunci

SCUOLA: DONADI, REFERENDUM SEPPELLIRA’ IL GOVERNO

.

Roma – L’Italia dei valori raccogliera’ le firme per il referendum abrogativo del dl Gelmini gia’ dalla prossima settimana, firme che “saranno la premessa per mandare a casa e seppellire questo governo”. Lo afferma Massimo Donadi, capogruppo dell’Idv alla Camera, conversando con i giornalisti a Montecitorio. “L’Idv sul referendum raddoppia – dice Donadi – dopo il lodo Alfano, tra una settimana saremo in piazza per raccogliere le firme anche contro il dl Gelmini. Speriamo nell’unita’ di tutte le forze di opposizione. Siamo convinti che se tutte le opposizioni saranno unite, potremo seppellire il governo con quattro milioni di firme che cancelleranno due leggi-vergogna per il paese”. Donadi spiega che l’Idv ha gia’ raccolto “oltre 700 mila firme” per il referendum abrogativo del lodo Alfano.

.

fonte: http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/politica/rep_politica_n_3382719.html

questo banner è di SUB

Melamina, dopo il latte tossico cinese lo scandalo si estende alle uova

Uova

L’allarme melamina si estende anche alle uova: alti livelli della sostanza tossica sono stati rinvenuti ad Hong Kong nelle uova importate dalla Cina. L’annuncio è stato dato dallo stesso governo dell’ex colonia britannica. In particolare nelle uova prodotte da una filiale del gruppo cinese Dalian Hanwei, situato nella città portuale di Dalian nel nord-ovest del Paese, si sono rinvenute 4,7 parti per milione di melamina mentre il limite legale è 2,5. La Hanwei è una delle maggiori produttrici cinesi di uova.

Secondo il ministro per la Sicurezza alimentare di Hong Kong, Chow, la presenza di melanina nelle uova potrebbe derivare da fertilizzanti dati in pasto alle galline. Il ministro ha deciso di far realizzare test anche su campioni di prodotti che contengono carne importata.

Si muove anche la Fao, l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di agricoltura, la quale chiede alla Cina di accertarsi che la sostanza tossica non sia entrata nella catena nutritiva degli animali: «Se è il cibo per animali ad essere contaminato allora esiste la possibilità che siano contaminati anche maiali, polli e pesce» ha detto Zhang Zhongjun, uno dei responsabili a Pechino dell’agenzia dell’Onu.

In Italia la Coldiretti chiede l’obbligo di indicare la provenienza di tutti i prodotti alimentari: «Con l’allarme per la contaminazione di melamina che si è esteso dal latte alle uova diventa necessario estendere l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza a tutti gli alimenti». L’organizzazione agricola italiana condivide l’allarme della Fao, sottolineando il rischio che la melamina «sia entrata in Cina nella catena nutritiva degli animali con la possibilità che siano contaminati anche maiali, polli e pesce». Per la Cia, Confederazione italiana agricoltori, occorrono «più controlli, una reale tracciabilità degli alimenti, indicazione d’origine nell’etichettatura, e tolleranza zero contro ogni tipo di sofisticazione e adulterazione dei cibi»

Intanto la catena di supermercati americana Wal-Mart ha bloccato la vendita di uova di un’importante fornitore cinese. Un portavoce della catena ha precisato: «Non stiamo sostenendo che queste uova non sono nella norma, stiamo semplicemente adottando una misura precauzionale per essere pienamente responsabili verso i nostri clienti».

Il caso melanina, sostanza tossica usata per le produzione di colle e resine, era scoppiato il mese scorso in Cina dove quattro bambini sono morti e migliaia sono stati ricoverati con problemi renali dopo aver bevuto latte in polvere contaminato. I produttori cinesi aggiungevano la sostanza tossica nel latte per aumentarne il contenuto proteico.

.
Pubblicato il: 29.10.08
Modificato il: 29.10.08 alle ore 17.50

.

fonte: http://www.unita.it/view.asp?idContent=80400

USA – “Fermeremo Barack Obama, siamo il nuovo Ku Klux Klan”

Parla il leader del nazionalismo bianco, il movimento che negli Usa sta crescendo contro i neri e gli immigrati. E contro il candidato democratico

<B>"Fermeremo Barack Obama<br>siamo il nuovo Ku Klux Klan"</B> Un gruppo di membri del Ku Klux Klan con la bandiera confederata

.

Ma per Don Black, ex capo del Klan e fondatore del sito razzista Stormfront
non è più tempo delle armi: “Dobbiamo organizzarci e conquistare il Partito repubblicano”
.

Dall’inviato di repubblica MARIO CALABRESI

.

WEST PALM BEACH (FLORIDA) – “Se Barack Obama venisse eletto la nostra gente diventerebbe completamente pazza: è antitetico a tutto quello che è stata l’America fino ad oggi, sarebbe una cosa oltraggiosa”. L’uomo che ho davanti parla piano, con lentezza, scandisce le parole, le pesa prima di pronunciarle. “Non è immaginabile che la nazione più potente del mondo, la guida dell’Occidente, possa essere comandata da un afroamericano radicale, legato ai terroristi che bombardarono il Pentagono. Da un uomo che ogni domenica per vent’anni ha ascoltato il suo pastore chiedere che Dio dannasse l’America”. L’uomo che ho seduto davanti si chiama Don Black, ha 57 anni ed è oggi la guida del più grande movimento del “potere bianco” che ci sia negli Stati Uniti.

“Ma non è ancora detto che Barack Obama verrà eletto: nel Paese c’è un forte sentimento razziale che non si legge nei sondaggi, che corre sotto traccia, che potrebbe emergere come una sorpresa il 4 novembre”. Don Black è stato il leader del Ku Klux Klan alla fine degli Anni Settanta, viene dall’Alabama e da vent’anni si è trasferito a vivere in Florida dove nel 1995 ha fondato Stormfront – “Fronte della tempesta” – il sito web del nazionalismo bianco: “144mila iscritti, 42mila visitatori ogni giorno”.

“La minaccia rappresentata da Obama ci fa crescere settimana dopo settimana da mesi, la gente bianca sta mettendo fuori la testa, esce dal bosco in cui si era rifugiata, adesso si sente motivata ad alzarsi e a combattere per i suoi interessi. Dobbiamo mobilitarci prima che gli immigrati trasformino quella che era una nazione ricca e stabile in un Paese del Terzo Mondo”. Don Black dice apertamente e tra virgolette quello che da mesi sento ripetere sui treni, nei bar, nei negozi in Pennsylvania e in Kentucky, in Florida o in South Carolina. Discorsi pieni di rabbia contro gli immigrati, contro chi non parla l’inglese, contro una società multirazziale che fa paura, contro Barack Obama che sarebbe il simbolo della vittoria della stagione dei diritti civili. È per questo che i movimenti suprematisti bianchi, i neonazisti e gli skinheads hanno ricominciato a crescere dopo anni di marginalità.

“Ci stiamo avvicinando a tempi rivoluzionari, non penso a qualcosa che abbia a che fare con le armi ma si sente un fervore nuovo: l’America è pronta per una nuova dichiarazione d’indipendenza. Dobbiamo tornare alle origini: questo Paese è stato fondato da coloni europei bianchi e da lì vengono la nostra cultura, le nostre tradizioni e i nostri valori”. Don Black è cresciuto nel Ku Klux Klan – dove è arrivato a raggiungere la posizione di Grande Dragone, il grado massimo nella gerarchia interna -, viene da Birmingham la città dove più dura fu la battaglia contro la segregazione razziale, la città dove quattro bambine nere furono uccise nel 1964 da una bomba piazzata in una Chiesa battista. Nel 1974 insieme a Dave Duke, leader storico del KKK, tentò di trasformare il Klan in una forza politica: “Fallimmo per colpa della propaganda dei media che avevano screditato il movimento, avevamo la reputazione dei violenti e fu impossibile trasformare e rilanciare l’organizzazione. Ma ci rimase la convinzione che bisognava dare alle nostre idee una nuova faccia, legale e presentabile”.

Gli chiedo allora se Stormfront non sia altro che il nuovo Ku Klux Klan, il Klan del Ventunesimo Secolo senza cappucci e simboli ariani. “Sì, è così”, risponde d’istinto. Accanto a Don Black è seduto il figlio Dereck, 19 anni, l’organizzatore della radio su internet di Stormfront. Dall’inizio del nostro incontro ascolta in silenzio, ma adesso interrompe il padre: “Non lo hai mai detto, non lo puoi dire”. Si agita e cerca di fermare con la mano il discorso: “Lo sai che non lo puoi dire”. Il padre resta immobile: “Non lo direi mai ad un giornalista americano, ma lo sai che è vero”.

Dereck, cappello di pelle da cowboy australiano sempre in testa, è la nuova faccia del suprematismo bianco ed è stato eletto nel direttivo di Repubblicani della contea di Palm Beach. Il segretario del partito non lo vuole e si oppone alla sua elezione, ma i Black stanno dando battaglia: “Il leader locale, che è un ebreo – sottolinea il padre – non lo vuole far sedere, ma Dereck è stato eletto con il 60 per cento dei voti e le regole democratiche devono essere rispettate”. Questa battaglia apparentemente minore è cruciale per il futuro del movimento del “white power”: “Non è più tempo per cercare di creare un terzo partito destinato alla marginalità, dobbiamo presentarci ad ogni elezione primaria dentro il partito repubblicano così da imporre i nostri temi nel dibattito, dobbiamo lavorare per creare un nostro gruppo di interesse, per restaurare le tradizioni e i veri valori bianchi”.

La prova generale c’è stata nel giugno del 2007, quando il Congresso bocciò la legge di regolarizzazione di milioni di immigrati illegali voluta da George Bush: “Abbiamo fatto la nostra parte: ci siamo mobilitati al massimo per fare pressioni in ogni collegio sui deputati e i senatori. Abbiamo vinto perché la maggioranza dei cittadini ha paura che l’America diventi come Haiti. Non esiste la possibilità di una reale integrazione: un messicano non può diventare un vero cittadino americano, perché non si può cambiare la natura delle persone e l’ambiente conta fino ad un certo punto. Non illudiamoci: alla fine sarebbero loro a trasformare noi a farci diventare un Paese sottosviluppato”. E qui il figlio puntualizza: “Se non cambiamo in fretta, entro quarant’anni noi bianchi saremo una minoranza”.

Don e Dereck Black fanno sentire la loro voce tutti i giorni insieme a quella di David Duke su internet, ma non amano le interviste e hanno accettato l’incontro perché il giornale è italiano: “Ci piace il vostro Paese: c’è molta eccitazione sul nostro sito per quello che sta succedendo da voi, siete i primi e a reagire a dimostrare che non vi fate sottomettere dagli immigrati. Anche David Duke la pensa così, tanto che passa la maggior parte del suo tempo nel nord Italia e l’anno scorso eravamo tutti a sciare sulle Dolomiti”. Ma alla domanda su dove viva Duke si raffreddano: “Questo preferiamo non dirlo, ci tiene al fatto che la cosa resti riservata”.

L’incontro avviene da “Flanigan’s bar and grill” a West Palm Beach, un locale poco lontano dalla villetta con la bandiera sudista dove abitano. Il locale di legno non ha finestre e al bancone a forma di ferro di cavallo sono tutti rigorosamente bianchi. L’appuntamento è nel parcheggio. Don Black, che è un omone altissimo, arriva camminando a fatica, appoggiandosi ad un bastone: ha avuto un ictus tre mesi fa. “Il recupero è lento e faticoso ma ogni giorno faccio miglioramenti”.

Black è un programmatore di computer, per questo è stato il primo a immaginare che la galassia del razzismo bianco potesse sbarcare su internet. Non lo racconta mai, ma ha imparato ad usare le tecnologie in una prigione federale del Texas dove ha scontato una condanna a tre anni per aver tentato un colpo di stato nell’isola caraibica di Dominica. Agli agenti federali che lo arrestarono, mentre stava per salpare da New Orleans su una nave carica di armi automatiche ed esplosivi, disse: “Volevamo creare un regime anticomunista, lo facevamo nell’interesse degli Usa e ci sentiamo traditi”.

Gli chiedo subito del Ku Klux Klan, della violenza e degli omicidi. “Il Klan ha grandi meriti, ha restaurato l’ordine nel Sud dopo la Guerra Civile, oggi si cerca di riscrivere la storia ma era una forza veramente positiva”. Ma i linciaggi e le bombe? “C’è stata violenza negli Anni Sessanta, ma è stata enfatizzata e usata contro di noi dai media”. Non c’è niente di cui pentirsi? A fatica Don Black bisbiglia: “Ci sono state cose sbagliate”, per aggiungere subito: “Ma i processi che si celebrano oggi, quarant’anni dopo, contro membri dell’organizzazione sono solo processi politici”. Gli ricordo la bomba di Birmingham e le bambine ammazzate: “Non si dimentichi che io ero solo un ragazzino allora, ma tante volte mi chiedo: chi c’era dietro? Perché dopo quella bomba il governo spazzò via tutte le istituzioni del Sud e aprì scuole e università”. Nostalgico della segregazione razziale? “Non penso che sia più proponibile, ma in certi posti funzionava: nelle scuole c’era più sicurezza”.

Voterete per John McCain?, chiedo alla fine. “I due candidati sono assolutamente uguali, vogliono l’amnistia per gli immigrati e continuare a far intervenire il nostro esercito in giro per il mondo: così si buttano via un sacco di soldi e si impoverisce l’America. Noi siamo contro l’intervento in Iraq dal primo giorno, ci siamo andati solo perché la lobby ebraica dirige la nostra politica estera. Però resta il fatto che uno dei due è nero e se entrasse alla Casa Bianca saremmo arrabbiati e demoralizzati, non ci potremmo sentire rappresentati da lui. I Padri fondatori avevano pensato ad una nazione bianca e questo non va dimenticato. E’ tempo che i bianchi americani si alzino e si battano per i loro interessi e per i loro diritti. La minaccia di Obama ci motiva”.
Stormfront ha 144mila iscritti. “Quello – precisa mentre mi saluta – era il dato del mese scorso”.

.

29 ottobre 2008

fonte: http://www.repubblica.it/2008/10/speciale/altri/2008elezioniusa/nuovo-klan/nuovo-klan.html

Clima, Berlusconi contro l’Ue: «Non torno indietro»

 Presidente commissione Ue barrosoCosì come sulla scuola, anche sul pacchetto clima dell’Ue il premier, Silvio Berlusconi, non mostra nessuna volontà di dialogo. Per confermare la contrarietà del governo alle misure europee sul clima il premier usa parole nette: «Non ci muoviamo dalla nostra posizione, io non mi faccio intimorire da nessuno». Berlusconi precisa che «non può essere l’Italia a pagare più di tutti: il prezzo deve essere uguale per tutti i cittadini europei».

Parole ruvide che non mostrano nessuno spirito diplomatico e che contrastano con quelle del presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, il quale ha sostenuto che «non dobbiamo rispondere alla crisi rallentando l’agenda europea sul clima». Barroso mostra una visione diametralmente opposta a quella di Berlusconi. Se per il premier la crisi economica internazionale non permette di sostenere il pacchetto clima, per Barroso un maggiore rispetto ambientale contribuirebbe a superare questo momento difficile: «Dobbiamo accelerare l’agenda, favorire inoltre l’efficienza energetica» in quanto ciò «è parte della soluzione della crisi», ha detto il presidente della Commissione. Nei giorni scorsi anche il presidente francese, Nicolas Sarkozy, aveva smentito il premier italiano.

Sul capitolo clima interviene anche la Cgil che chiede chiarezza all’esecutivo: «Il Governo continua a ripetere che il pacchetto clima europeo sarebbe troppo oneroso. Tuttavia non si riesce ad ottenere un solo dato che permetta di valutare la misura di questa maggiore onerosità» recita una nota del dipartimento Ambiente e Territorio del sindacato guidato da Guglielmo Epifani. La Cgil sottolinea che, secondo l’esecutivo, per l’Italia ci sarebbe una onerosità maggiore del 40% rispetto alla media europea. Valutazione che sembra però smentita dai dati: «Dalle ricerche effettuate sull’impatto del pacchetto clima emerge in modo chiarissimo che alcuni settori produttivi dovranno sopportare un onere maggiore, mentre per altri si apriranno nuove possibilità di sviluppo. Nel complesso tuttavia il bilancio per il sistema produttivo sarà positivo» si legge nella nota della Cgil. Per il più grande sindacato italiano «se questa analisi non dovesse rispondere al vero è dovere del Governo spiegarne le ragioni». Infine la Cgil sottolinea che, più volte, è stata richiesta l’apertura di un confronto al Ministero dell’Ambiente ma ogni appello è caduto nel vuoto.

Il pacchetto clima oggetto dello scontro tra Ue e governo italiano prevede entro il 2020 il raggiungimento di tre obiettivi: 20 per cento di produzione energetica da fonti rinnovabili, miglioramento del 20 per cento dell’efficienza energetica e taglio del 20 per cento nelle emissioni di anidride carbonica.

.
Pubblicato il: 29.10.08
Modificato il: 29.10.08 alle ore 14.55

fonte: http://www.unita.it/view.asp?idContent=80402

Scuola, l’arroganza del governo: il decreto Gelmini è ormai legge / A Roma estremisti di destra contro gli studenti

Giovedì 30 lo sciopero generale

corteo universitari contro la Gelmini a Palermo, foto AnsaIl Senato approva, in via definitiva, la conversione in legge del decreto Gelmini sulla scuola con 162 a favore, 134 controri e tre astenuti. Il provvedimento, approvato il 9 ottobre dalla Camera, non è stato modificato dai senatori e ora è legge.

Intanto gli studenti continuano a protestare e si sono fatti trovare al loro posto a scandire gli slogan che hanno percorso le maggiori piazze della Penisola dall’inizio della protesta. Si tratta di circa 1.500 ragazze e ragazzi in larga parte delle scuole superiori. Con loro, in prima fila, gli insegnanti dei Cobas con uno striscione che reca la scritta «Gelmini Vattene» e «Il popolo della scuola pubblica» con il messaggio «Non distruggete la scuola».

Ancora un giorno davanti al Senato per urlare che quel decreto non deve passare: l’ennesimo sit-in sotto palazzo Madama.

È il giorno clou, a Roma dopo i temporali della notte anche la pioggia sembra dare tregua e gli studenti si preparano a tornare in quel collo di bottiglia tra Piazza Navona e Corso Rinascimento, chiusi dietro le transenne e la polizia in assetto anti-sommossa.

Qualcuno (una trentina) ha già preso posto dalle 9 dietro gli striscioni lasciati lì da martedì: gridano e aspettano i rinforzi. Sostegni bipartisan, come è ormai consuetudine contro il ministro Gelmini: «Per le vie della capitale ci saranno singoli cortei di studenti provenienti da diverse scuole e universitari sparsi, tutti diretti al Senato: i primi saranno a palazzo Madama verso le 10.30, gli altri verso le 12», spiega Roberto Iovino (Uds) e anche Francesco Polacchi (Blocco studentesco) dà appuntamento «alle 10 davanti al Senato».

Sul da farsi entrambi concordano: «Dopo il voto vediamo, dipende dalla giornata. Certo saremo migliaia». E comunque andrà «domani c’è lo sciopero».

È stato in ogni caso annullato il corteo previsto per il pomeriggio con partenza alle 14 da Piazza della Repubblica, mentre in questo momento si sta muovendo un corteo non autorizzato di studenti partito da Porta San Paolo e diretto a Trastevere che ora si trova in via Marmorata.

Intanto, sul fronte universitario nazionale ad Ancona l’Assemblea No 133, in cui il Gulliver-Udu Ancona è promotore della protesta, continua la pacifica occupazione della Facoltà di Ingegneria; a Brescia è previsto un sit-in con volantinaggio in piazza San Faustino da parte del “Comitato universitaglia: 133 passi indietro nessuno avanti”; a Cagliari nella Facoltà di Lettere a Piazza del Carmine alle ore 10 ci sarà il laboratorio di approfondimento “Il futuro dell’università italiana: istituzioni pubbliche o fondazioni private?”; a Lecce assemblee studentesche nelle facoltà di Lettere e di Economia; a Pavia lezioni in piazza (corso di Geometria 1 per Matematica e Fisica e lezione divulgativa di Fisica); a Padova fiaccolata di protesta contro la legge 133 organizzata e promossa dall’associazione Studenti Per sfilerà per le vie della città; a Macerata gli studenti, che hanno ieri occupato il rettorato improvvisando un corteo nella città, oggi improvviseranno nuove forme di protesta; ad Urbino assemblea d’ateneo alle 15; a Chieti-Pescara, infine, il movimento studentesco ha organizzato un’assemblea a Pescara e delle lezioni all’aperto a Chieti.

«Questo decreto è solo una parte di una riforma molto più ampia». Così il senatore leghista Federico Bricolo (Lega Nord) nella sua dichiarazione di voto oggi al Senato sul dl Gelmini che riforma la scuola.«Non è soffiando sul fuoco della protesta che si riforma la scuola – avverte Bricolo – sulla scuola la sinistra ha sparso solo critiche e falsità, nessuna proposta costruttiva. Su questo tema ci saremmo aspettati un’opposizione più matura. Ma così non è e quindi andremo a fare questa riforma da soli. Voi ieri avete protestato qui in Senato. Oggi vi diciamo che la ricreazione è finita e oggi approveremo il decreto». E infatti, alla faccia della democrazia.

Pubblicato il: 29.10.08
Modificato il: 29.10.08 alle ore 16.50

fonte: http://www.unita.it/view.asp?idContent=80393

Disordini a piazza Navona

Tensione e scontri: a Roma estremisti di destra contro gli studenti, a Milano occupata la stazione

Giovani feriti a piazza Navona (foto Toiati)Giovani feriti a piazza Navona (foto Toiati)

.

Rissa a Piazza Navona: identificati 20 membri di “Blocco studentesco”

.

ROMA (28 ottobre) – Tensione e scontri dopo l’approvazione del decreto legge Gelmini sulla scuola. Gli studenti questa mattina sono tornati a presidiare palazzo Madama, protetto da blindati di polizia e carabinieri. A Roma tre feriti dopo gli scontri tra i manifestanti dell’Uds e i giovani di destra del Blocco Studentesco. Venti di questi ultimi sono stati identificati dalla polizia. Tre gli agenti di polizia lievemente feriti. A Milano cortei non autorizzati, nel corso dei quali i manifestanti denunciano di essere stati caricati dalla polizia: due i feriti. Poi gli studenti hanno occupato la stazione. A Napoli quattro cortei e occupazione della facoltà di Lettere dell’Università Federico II. corteo anche a Catanzaro che ha bloccato per ore il traffico in città. Continuano, in tutta Italia, lezioni in piazza e manifestazioni.

Pd e Idv tra gli studenti. Non appena l’Aula di Palazzo Madama ha approvato la riforma Gelmini sulla scuola, i senatori del Pd e dell’Idv sono scesi a Corso Rinascimento per parlare con i contestatori. I parlamentari dell’Idv hanno alzato uno striscione con scritto: «Se passa la Gelmini: referendum», e i manifestanti hanno iniziato a urlare: «Referendum! Referendum!».

Tafferugli a piazza Navona: tre feriti e 20 identificati. Tre manifestanti sono rimasti feriti a Roma dopo gli scontri tra studenti dell’Uds e i giovani dell’organizzazione di destra del Blocco Studentesco: venti di questi ultimi sono stati identificati dalla polizia. In piazza Navona i due gruppi si sono fronteggiati con lancio di fumogeni e di tavolini e sedie dei ristoranti e locali circostanti. La polizia ha creato un cordone per dividere i manifestanti. «Dopo la carica da parte del gruppo di estrema destra due studenti a piazza Navona riportano gravi traumi alla testa e un ragazzo riporta un orecchio lacerato – spiega l’Uds – È scandaloso il comportamento delle forze dell’ordine che non intervengono per ripristinare una situazione pacifica». Tra i feriti un funzionario e due agenti della polizia.

Uds: azione premeditata. «Erano una ventina di infiltrati – ha aggiunto Roberto Iovino, coordinatore nazionale dell’Uds -, era un’azione premeditata». Uno dei feriti denuncia di essere stato colpito con bottiglie, cinte e caschi mentre era per terra.

Gli studenti aggrediti: polizia solo davanti al Senato. Più di uno studente lamenta l’assenza di poliziotti al momento dell’aggressione da parte di aderenti a Blocco Studentesco: «Siamo stati aggrediti e non abbiamo visto neanche l’ombra di un poliziotto – denunciano – Gli agenti sono schierati per difendere Palazzo Madama, ma qui, al presidio di Piazza Navona neanche un agente».

Blocco studentesco: aggrediti noi. Da parte loro, gli studenti del gruppo di destra denunciano invece di aver subito l’aggressione: «È stato il Blocco Studentesco ad essere aggredito dagli antifascisti universitari presenti al sit-in sotto il senato», dicono.

Assemblea alla Sapienza. Poco dopo le 13 gli studenti hanno cominciato a svuotare Piazza Navona per andare in corteo alla Sapienza. Gli studenti dell’ateneo di Roma hanno invitato tutti i manifestanti, anche quelli dei licei, a partecipare all’assemblea presso l’università alle 18.

Cortei non autorizzati a Milano, cariche e due feriti. Dopo la notizia dell’approvazione al Senato della riforma sono nati spontaneamente a Milano cortei non autorizzati, organizzati dagli studenti. Due studenti, che partecipavano al corteo non autorizzato che da Largo Cairoli si è mosso verso il centro di Milano, hanno denunciato di essere stati «caricati a colpi di manganelli dagli agenti della polizia» all’angolo di piazza Filippo Meda e Via San Paolo. I due hanno detto di chiamarsi rispettivamente Ivan, 19 anni dell’istituto Vespucci, che sarebbe stato colpito alla spalla sinistra; l’altro si chiamerebbe Paolo, 20 anni, dell’istituto Fusi e sarebbe stato colpito al braccio destro. A detta degli studenti lo scontro sarebbe avvenuto perché un piccolo gruppetto di studenti si era staccato per tagliare per via San Paolo mentre le forze dell’ordine, che avevano formato un cordone, facevano andare il corteo da piazza Meda verso San Babila. Proprio questo gruppetto sarebbe stato bloccato dagli agenti e i due studenti sarebbero stati colpiti. Al corteo degli studenti delle scuole superiori si è poi unito quello dei manifestanti provenienti dalla Statale di Milano.

Occupata la stazione Lambrate. Gli universitari scesi in strada contro il decreto hanno occupato i binari della stazione Lambrate, sedendosi in centinaia sulle rotaie. Il corteo degli universitari, dopo avere attraversato corso Buenos Aires, via Plinio, via Morgagni, viale Abruzzi e viale Gran Sasso, si è riunito in piazza Piola con un altro spezzone, sempre di studenti della Statale, fino ad arrivare a oltre un migliaio di partecipanti. Sono cinque ore che gli studenti delle facoltà dell’Università Statale, poi raggiunti da quelli del Politecnico, sono in marcia per le vie di Milano al grido «blocchiamo la città».

Napoli: occupata facoltà di Lettere. Quattro cortei di studenti in centro, blocco dei binari della stazione ferroviaria e occupazione della facoltà di Lettere dell’Università Federico II, in via Porta di Massa. In migliaia, provenienti da diverse scuole medie e superiori della città e della provincia, hanno sfilato in piazza Municipio. Altri cortei sono stati organizzati in via Mezzocannone da ricercatori e dottorandi, dagli studenti dei licei del Convitto Vittorio Emanuele II diretti da piazza Dante a piazza Plebiscito, e dagli alunni del Villari che dalla zona di via Foria hanno raggiunto la sede dell’università Federico II.

Unione degli universitari: ancora proteste in tutta Italia. Cortei anche a Torino, manifestazioni a Firenze e Trieste. L’Unione degli universitari ricorda che le proteste continueranno in tutta Italia. Ancona, dove l’assemblea No 133 continua la pacifica occupazione dela facoltà di Ingegneria; Brescia, dove è previsto un sit-in con volantinaggio in piazza S.Faustino da parte del “Comitato universitaglia: 133 passi indietro nessuno avanti”; Cagliari, in cui nella facoltà di lettere a Piazza del Carmine ci sarà un laboratorio di approfondimento, sul futuro dell’università italiana; Lecce, nelle cui facoltà di Lettere e di Economia sono previste Assemblee studentesche; Pavia, dove hanno luogo le proteste alternative di lezioni di Geometri e Fisica in piazza; Padova, dove una fiaccolata di protesta contro la legge 133, sfilerà per le vie della città; a Macerata gli studenti, che hanno ieri occupato il Rettorato improvvisando un corteo nella città, oggi si sono nuovamente organizzati per ulteriori forme di protesta; Urbino, ateneo in cui gli studenti, dopo la partecipazione di circa 1000 persone all’assemblea d’ateneo di ieri, si sono dati appuntamento per oggi pomeriggio per una nuova mobilitazione. Infine, nell’ateneo di Chieti-Pescara il Movimento studentesco ha organizzato un’assemblea d’ateneo a Pescara e delle lezioni all’aperto a Chieti.

In Veneto sette istituti superiori sono stati occupati. All’istituto superiore «Luzzatti» gli studenti hanno ammassato banchi e cattedre all’entrata per impedire l’accesso.Autogestione al linguistico «Renier» di Belluno, a Verona occupato lo scientifico «Fracastoro». All’Itc Riccati di Treviso il preside e insegnanti hanno convinto gli studenti a trasformare l’annunciata occupazione in «autogestione» con assemblee permanenti.

Scontri a piazza Navona (foto Toiati)

.

fonte: http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=33693&sez=HOME_SCUOLA

__________________________________________________________________________________________________

Dario Fo alla Statale di Milano

Dario Fo: «Rompere con questa tradizione nefasta, capovolgere l’ordine»

.

MILANO (29 ottobre) – «Bisogna rompere con questa tradizione nefasta, non basta prendere ciò che si può, bisogna capovolgere l’ordine». Lo ha detto Dario Fo alle migliaia di studenti universitari che sono intervenuti ad ascoltarlo questa mattina alle 10 nell’aula magna della Statale di Milano.

Il Nobel, emozionato per il ritorno sullo stesso palco dove decine d’anni fa debuttò sempre per gli studenti in lotta con “Mistero Buffo”, invita gli studenti a proseguire nella contestazione, soprattutto tenendo lezioni all’aperto: «Tenere lezioni all’aperto non è una trovata, ma un’idea straordinaria – afferma travolto dagli applausi – per coinvolgere la gente e dimostrare che voi per studiare fate dei sacrifici: questa è la vostra vittoria».

Secondo il premio Nobel «bisogna sputare in faccia al problema del loro denaro, non lo molleranno mai se non gli farete sentire quanto sono inutili». Fo ci tiene a precisare che «il mio discorso è per questo governo, ma non perdono quello di prima, è facile ora mettersi in coda, ma bisognava muoversi per tempo, non aspettare di arrivare a questo punto».

Mettendosi completamente a disposizione degli studenti, Fo spiega che «tutto dipende da quanto si resiste e si inventa, non basta occupare ma bisogna inventare un nuovo modo di studiare e fare cultura». Poi è il momento dell’arte, con un piccolo estratto da Mistero Buffo dedicato a Bonifacio VIII, ma anche al pontefice di oggi: «L’ho visto in televisione che parlava di banche che franano e di economia a rotoli, dicendo che non vale la pena di seguire il potere del denaro, ma è meglio ascoltare la parola della Chiesa. Insomma – scherza – se avete fame…». E continua, «sul giornale ho letto che con un anno di anticipo rispetto alla catastrofe il papa ha dato l’ordine di dismettere gli impegni bancari e comprare oro, così ora sta seduto su una tonnellata di oro… che sia quella la Parola?».

.

fonte: http://www.ilmessaggero.it/articolo_app.php?id=10699&sez=HOME_SCUOLA&npl=N&desc_sez=Scuola_e_Universit%E0

Proteste fuori e dentro il Senato. Gelmini, il governo tira dritto

E gli studenti non si arrendono

proteste davanti al Senato contro la Gelmini, foto Ansa

.

«Tuttinsieme-facciamopaura», hanno scandito i ragazzi sotto l’Aula del Senato: la reazione alla notizia portata da una mini delegazione dell’opposizione, della sospensione della seduta che, dentro, stava discutendo della riforma Gelmini. E sono rimasti ancora lì, tanti, con i loro striscioni, sotto gli ombrelli o intabarrati nei giacconi anti pioggia. Un lungo presidio sotto le finestre di palazzo Madama dove entro ventiquattr’ore il famigerato decreto 133, secondo gli intendimenti del governo, dovrebbe essere convertito in legge.

La seduta è stata sospesa dal presidente dell’Aula Renato Schifani dopo una dura contestazione partita dai banchi dell’opposizione per aver contingentato al massimo i tempi di discussione della contestatissima riforma.

Schifani, accogliendo le pressioni della maggioranza, ha infatti deciso di esaminare gli emendamenti uno ad uno senza concedere dichiarazioni di voto. A quel punto ai banchi dell’opposizione si è levato il grido: «Vergogna, vergogna». Mentre i senatori dell’Idv hanno sventolato cartelli contro il provvedimento del governo.

Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del Pd si è rivolta alla presidenza sottolineando che pur non mettendo in discussione quello che si è deciso in conferenza dei capigruppo « lei però – ha detto rivolta direttamente a Schifani – sta andando avanti con le votazioni come nulla fosse, negando il diritto dell’opposizione ad argomentare il voto degli emendamenti». «Voglio dirglielo in tutta franchezza – ha detto poi il presidente del gruppo Idv al Senato, Felice Belisario all’indirizzo sempre di Schifani -: è una delusione, e parlo da capogruppo. Nella scorsa legislatura, contro quel banco volavano regolamenti, fascicoli. nei suoi confronti non c’è stata mai mancanza di rispetto».«La gestione del presidente del Senato sta violando ogni forma di democrazia impedendo alle opposizioni di intervenire per manifestare il legittimo dissenso contro un provvedimento assolutamente contrario alle aspettative delle famiglie degli studenti e dei docenti».

A quel punto non è rimasto a Schifani che riconvocare la conferenza dei capigruppo, nella quale è stata comunque decisa una riconvocazione immediata dei senatori per continuare ad oltranza le votazioni per arrivare all’approvazione finale entro mercoledì mattina.

Nel frattempo una delegazione di parlamentari del Pd e dell’Idv- tra cui Giovanni Legnini del Pd, Elio Lannutti e Stefano Pedica dell’Italia dei valori – era scesa in strada per comunicare ai manifestanti chela seduta del Senato per la discussione degli emendamenti al dl Gelmini era stata sospesa.

Secondo i piani mercoledì mattina, a partire dalle 9, in Senato ci saranno le dichiarazioni di voto dei gruppi parlamentari e subito dopo il voto finale al decreto. Ma questo, solo dopo la lunga notte del decreto Gelmini.

.
Pubblicato il: 28.10.08
Modificato il: 28.10.08 alle ore 20.41

fonte: http://www.unita.it/view.asp?idContent=80382